fbpx
Seguici su

Attualità

Afghanistan, è morto il bimbo caduto in un pozzo

Pubblicato

il

KABUL – Il bambino intrappolato in un pozzo in Afghanistan è morto: lo hanno annunciato funzionari talebani. Il piccolo di 9 anni era caduto due giorni fa dentro un pozzo in un remoto villaggio del Paese. Un caso che ricorda quello del piccolo Rayan, il bimbo marocchino di 5 anni rimasto intrappolato in un pozzo e morto dopo 4 giorni.

L’operazione per salvare il bimbo afghano era scattata nel villaggio di Shokak, nella provincia di Zabul. Come riporta l’Ansa, video postati dai cittadini sui social media – compresi i funzionari del nuovo governo talebano – mostravano un bambino identificato con il nome di Haidar incastrato nel pozzo, in grado di muovere le braccia e la parte superiore del corpo.

“Stai bene figlio mio? Parlami e non piangere, stiamo lavorando per tirarti fuori”, dice nel video il padre al piccolo. “Va bene, continuerò a parlare,” risponde Haidar.

Il video era stato girato dai soccorritori che, come riporta l’Ansa, hanno calato con una fune una telecamera nello stretto pozzo. Funzionari locali hanno detto che il bambino era rimasto intrappolato a una decina di metri dal pozzo profondo 25 metri. “C’è una squadra con un’ambulanza, ossigeno e altre attrezzature necessarie”, aveva twittato Abdullah Azzam, segretario del vice primo ministro Abdulghani Barada.

Attualità

Una dichiarazione di Giovanni Storti sul politicamente corretto ricompatta il centrodestra

Pubblicato

il

un commento di Giovanni Storti riporta compattezza nel centrodestra

Giovanni Storti, del famoso trio comico Aldo, Giovanni e Giacomo, riporta compattezza nel centrodestra: durante un’intervista in cui presenta un film dove ha un ruolo drammatico, fa alcune considerazioni sul politicamente corretto applicato alla comicità. Salvini e Meloni sono entusiasti e si ritrovano finalmente d’accordo.

Adesso lo sketch sulle ronde padane assume tutto un altro significato. Molto più inquietante. E se fosse Giovanni , quello di Aldo, Giovanni e Giacomo, il prossimo spin doctor della Lega, dopo Morisi? Una dichiarazione di Giovanni Storti infatti ha riportato compattezza in tutto centrodestra. Il comico in un’intervista ha dedicato un passaggio al politically correct e alle sue ripercussioni sulla comicità. E finalmente Salvini e Meloni sono di nuovo d’accordo.

La tesi di Giovanni è semplice: alcune battute che in passato hanno reso celebre il trio oggi non sarebbero più tollerate: «Il politicamente corretto non è applicabile alla comicità, anzi la distrugge. Ultimamente non puoi dire niente». Il discorso si potrebbe più applicare anche ad un certo tipo di comicità, più remota, ma di per sé tiene. Ebbene, questo concetto è stato accolto con entusiasmo e rilanciato con forza da Salvini e Meloni, sfociando in un altro genere, la parodia surreale: la destra unita a difesa dalla comicità (e della satira?). La cosa che rende il tutto ancor più assurdo è che questa dichiarazione Giovanni Storti l’ha fatta alla presentazione di un film in cui ha un ruolo drammatico.

Salvini concorda con un semplice «quanto è vero…» poi chiede alla sua platea qual è lo sketch del trio che preferisce. Che non si fa per tornare virali. Giorgia Meloni invece applaude, elogia l’arte della risata e tira in ballo l’ideologia: «Evviva la comicità libera, senza sciocchi deliri ideologici».

Una replica di Giovanni sul fatto di essere stato scelto come simbolo di una battaglia (?) di Fratelli d’Italia e Lega ancora non c’è stata. Ma ci piace immaginarlo, mentre apprende la notizia, con lo sguardo basito con cui guarda la macchina graffiata in un suo celebre film, divenuto poi un meme.

Continua a leggere

Attualità

Bocelli sull’aborto: “Sono a favore della vita, a mia madre fu consigliato di abortire”

Pubblicato

il

ROMA – «Io ho il culto della libertà, ma sono a favore della vita»: è questa la dichiarazione rilasciata da Andrea Bocelli in un’ intervista al “Corriere della Sera”, in merito alla tematica dell’aborto dopo la sentenza della Corte Suprema Usa.

«Non si pretenderà mica che la Chiesa approvi l’aborto?», chiede il cantante lirico, «E non si può neanche pretendere che una corte come la Corte Suprema americana si esprima diversamente: fa il suo lavoro e va presa per quello che è: a volte piace, a volte non piace. Io ho il culto della libertà, ma sono a favore della vita».

Bocelli nell’intervista racconta anche della sua famiglia e di come a sua madre sia stato consigliato a suo tempo di abortire: «Quando era incinta di me fu consigliato di abortire. I medici videro dei problemi durante la gravidanza e fu così consigliata. Il resto delle considerazioni, le lascio al lettore». 

La madre e il marito Alessandro erano stati, infatti, avvisati che il figlio sarebbe nato cieco e con diversi problemi ma hanno comunque voluto avere il bambino.

Continua a leggere

Attualità

Texas, torna in vigore una legge del 1925: in carcere chi abortisce

Pubblicato

il

DALLAS – La corte suprema del Texas ha autorizzato l’entrata in vigore di una legge del 1925 che vieta l’aborto e punisce chi lo pratica con l’eventuale carcerazione, ribaltando la sentenza di una corte inferiore che l’aveva bloccata temporaneamente. Lo ha annunciato il controverso attorney general Ken Paxton.

Come riporta l’Ansa, la legge non era più stata applicata dopo la sentenza “Roe v Wade” con cui nel 1973 la corte suprema aveva legalizzato l’aborto. Ma nei giorni scorsi quella sentenza è stata abrogata dalla stessa corte.

“Una vittoria pro vita!”, ha esultato Paxton su Twitter. “I nostri provvedimenti statale pre-Roe che vietano l’aborto in Texas sono buone leggi al 100%. La controversia legale continua ma io continuerò a vincere per i bambini non nati del Texas”, ha aggiunto.

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Osservatore Quotidiano è un prodotto editoriale di Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore Vicario: Antonio Villella | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Alba Adriatica (TE) via Vibrata snc, 64011 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€ | Alcune delle immagini interamente o parzialmente riprodotte in questo sito sono reperite in internet. Qualora violino eventuali diritti d'autore, verranno rimosse su richiesta dell'autore o detentore dei diritti di riproduzione.