fbpx
Seguici su

Cronaca

Arrestato il leader di “Io Apro” per bancarotta fraudolenta e autoriciclaggio

Pubblicato

il

arrestato-biagio-passaro-leader-io-apro

Biagio Passaro, uno dei leader del movimento “Io Apro”, nato durante il lockdown per protestare contro le restrizioni, celebre per aver partecipato all’assalto alla Cgil, per il quale finì in manette, è stato arrestato insieme a quattro soci. Sequestrati beni per 900 mila euro.

Bancarotta fraudolenta, indebita percezione di erogazioni pubbliche e autoriciclaggio. Sono queste le accuse per le quali è stato arrestato Biagio Passaro, uno dei leader del movimento “Io Apro”, che nei mesi del lockdown protestava contro le restrizioni imposte ai ristoranti e ai locali. L’imprenditore originario di Napoli, ma residente a Modena, titolare del brand di “Regina Margherita”, presenti a Modena e Bologna, è stato arrestato insieme a quattro soci.

In base a quanto ricostruito dagli inquirenti, i cinque, amministratori di una società dichiarata fallita nel settembre 2020, avrebbero sottratto libri, registri e scritture contabili alla disponibilità della procedura fallimentare. Avrebbero inoltre sottratto 660 mila euro dalle casse aziendali, causando il dissesto societario e un passivo fallimentare da 1,4 milioni di euro. In questo modo avrebbero accumulato debiti con fornitori, dipendenti ed Erario. Infine ai cinque sono state contestate operazioni di autoriciclaggio, per 150 mila euro, e il fatto di aver indebitamente percepito contributi pubblici per circa mezzo milione di euro durante la pandemia, presentando documentazioni false.

Passaro, divenuto un volto noto del movimento “Io Apro” grazie a diverse ospitate, apparizioni e interviste in tv, è stato già arrestato nel 2021 in seguito all’assalto alla sede della Cgil a Roma, prosciolto e scarcerato dopo 18 giorni. Per lui è scattata una nuova ordinanza di custodia cautelare in carcere, oltre ad un decreto di sequestro di beni mobili ed immobili per 900 mila euro.

I fondatori di “Io Apro”, che è ancora attivo e conta 80 mila associati, tengono a prendere le distanze dall’episodio, rendendo noto che Passaro non fa più parte del movimento da alcune settimane: ««Le accuse vanno nettamente in contrasto con gli ideali del movimento che per due anni ha lottato per la sopravvivenza della categoria e delle imprese in generale. Certi che come sempre la giustizia farà il suo corso».

Cronaca

Revisione del processo sulla strage di Erba, decisione rinviata al 16 aprile

Pubblicato

il

chiesta revisione processo olindo e rosa strage di erba

Si saprà il prossimo 16 aprile se si celebrerà il processo di revisione nei confronti di Olindo Romano e Rosa Bazzi, condannati all’ergastolo per la strage di Erba. La Corte ha chiesto più tempo per esaminare le carte della difesa. Azouz Marzouk, ormai convinto innocentista: «stiamo avendo la nostra rivincita».

Il presidente della Corte Antonio Minervini ha accolto la richiesta degli avvocati di Olindo Romano e Rosa Bazzi ed ha rinviato al 16 aprile l’udienza: « «A prescindere che non ce la facevamo a chiudere il processo oggi, credo che la memoria di parte civile richieda un po’ di studio». Si saprà dunque tra un mese abbondonante se verrà celebrato il processo di revisione sulla strage di Erba.

Olindo e Rosa nel 2006 sono stati condannati all’ergastolo, da reo confessi. Oggi sostengono che quelle confessioni vennero estorte in cambio di finte promesse. Oggi si trovavano in Aula ed hanno chiesto di non essere ripresi.

Presente in aula anche Azouz Marzouk che nella strage perse la moglie ed il figlio piccolo, che da anni sostiene la tesi dell’innocenza della coppia: «Sono emozionato, stiamo avendo la nostra rivincita. Sto facendo questa lotta per tutti. La pista della droga che tutti vogliono far credere mi sta creando molto problemi ora che mi sto trasferendo qui in Italia anche per trovare lavoro».

L’’Avvocato generale dello Stato, Domenico Chiaro, è stato il primo a intervenire. «Siamo di fronte a una manifesta inammissibilità delle richieste di prova. Si sono superati determinati limiti, spetta a noi far tornare questo processo nell’alveo della normalità. Non è vero che la condanna si fonda solo su tre prove. Se anche ne cadesse una avremmo comunque la possibilità di fare un processo indiziario. Quelle tre prove non sono le uniche sufficienti per la condanna», ha dichiarato. «Ci sono il poderoso movente, la manutenzione del contatore, il comportamento anonimo degli imputati, gli esiti parlanti del consulente sulle lesioni delle vittime, la mano sinistra meno forte e quella destra più forte. Non ci sono fatti nuovi. Devono esserlo anche dal punto di vista probatorio. Non è vero che la condizione mentale degli imputati non sia mai stata valutata. C’è stata una costante osservazione psichiatrica in carcere», ha aggiunto.

Continua a leggere

Cronaca

Radiata dall’Ordine l’avvocatessa che faceva riti vodoo contro la sua cliente

Pubblicato

il

tentato omicidio con riti voodoo

Nel settembre scorso l’avvocatessa era stata condannata per peculato e falso, ma anche accusata di tentato omicidio attraverso riti voodoo, nei confronti di una sua assistita di 86 anni della quale amministrava il patrimonio.

Barbara Raimondo, l’avvocatessa accusata di peculato, falso e tentato omicidio con riti voodoo, è stata radiata dall’Ordine degli Avvocati di Genova. Nel settembre scorso è stata condannata con rito abbreviato in primo grado a 5 anni per le prime due accuse, ma anche in questo caso ha presentato appello. Secondo le accuse nei suoi confronti, avrebbe fatto sparire un milione e centomila euro dal patrimonio di un’anziana di 86 anni della quale era amministratrice di sostegno.

Raimondo avrebbe dovuto provvedere al mantenimento della donna, ma non avrebbe mai versato denaro sul contro della donna o su quella della Rsa nella quale era ospitata. La Gup Paola Faggioni le ha imposto un anno e mezzo di libertà vigilata ed ha disposto il sequestro conservativo di oltre un milione, poiché lei non ha mai risarcito le vittime.

Continua a leggere

Cronaca

Vannacci sospeso per 11 mesi dall’Esercito, il suo legale: «faremo ricorso»

Pubblicato

il

generale vannacci fuori dal coro rete 4

Il provvedimento nei confronti del generale Roberto Vannacci, sospeso per 11 mesi dall’Esercito, ha carattere disciplinare: carenza di senso di responsabilità e possibili ripercussioni negative sull’immagine dell’Esercito.

«Ricorreremo al Tar del Lazio per annullarla» ha detto l’avvocato di Roberto Vannacci non appena si è appreso che il generale è stato sospeso dall’Esercito per 11 mesi. Una sospensione dal carattere disciplinare, motivata da carenza di senso di responsabilità e potenziali ripercussioni negative sull’immagine dell’Esercito.

Insomma, salvo una probabile candidatura con la Lega all’orizzonte, non si schiariscono le nubi sul capo di Vannacci, sotto inchiesta in tre diverse indagini per peculato, truffa, istigazione all’odio razziale e diffamazione nei confronti di Paola Egonu, la campionessa azzurra di pallavolo i cui tratti somatici nel libro best seller “Il mondo al Contrario «non rappresentano l’italianità».

 La sospensione, il cui provvedimento disciplinare è stato avviato il 30 ottobre scorso, prevede anche una detrazione di anzianità e il dimezzamento dello stipendio.

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Osservatore Quotidiano è un prodotto editoriale di Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore : Antonio Villella | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Alba Adriatica (TE) via Vibrata snc, 64011 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€ | Alcune delle immagini interamente o parzialmente riprodotte in questo sito sono reperite in internet. Qualora violino eventuali diritti d'autore, verranno rimosse su richiesta dell'autore o detentore dei diritti di riproduzione.