fbpx
Seguici su

Attualità

Proteste in Medio Oriente dopo gli sfratti da Gerusalemme Est: scontri tra israeliani e palestinesi

Pubblicato

il

GERUSALEMME – Grande tensione, da giorni, in Medio Oriente dopo gli sfratti nel quartiere di Gerusalemme Est per lasciare spazio ai coloni ebrei, e per la folta presenza di soldati israeliani nella Spianata delle Moschee, per reprimere le proteste culminate nell’ultimo venerdì di Ramadan. Ieri, alle 18 ora locale, è iniziato il conflitto tra palestinesi e israeliani. Gli scontri si sono protratti per tutta la notte, provocando la morte di circa 25 persone, di cui una decina erano bambini, nella Striscia di Gaza.

Le sirene sono entrate in funzione anche nelle zone israeliane attorno alla Striscia. Intanto sono state richiamate 8 compagnie di riservisti della Guardia di frontiera per far fronte agli estesi disordini nelle località arabe di Israele e sono state schierate ulteriori batterie di artiglieria al confine con la Striscia. Un segnale che secondo i media indica che l’apparato militare israeliano si prepara ad un conflitto ancora più duro. L’esercito ha poi esteso le zone interdette al traffico civile per timore di razzi anticarro dall’enclave palestinese.

Le operazioni militari iniziate ieri fra Hamas ed Israele sono state chiamate dall’esercito israeliano ‘Operazione Guardiano delle Mura’. I vertici militari presumono che proseguirà per diversi giorni. A Gaza le milizie palestinesi hanno allestito una sala comune di operazioni. Nei loro media i lanci di razzi verso Israele sono chiamati ‘Operazione Spada di Gerusalemme. In un video diffuso sul web, l’ala militare di Hamas ha affermato: “Gerusalemme ha chiamato, Gaza ha risposto”

Dalla Striscia, secondo il portavoce militare, sono stati lanciati ieri oltre 250 razzi verso lo Stato ebraico. I lanci sono proseguiti anche stamane. Almeno 6 israeliani sono stati feriti dai razzi lanciati da Gaza. I razzi hanno colpito un edificio.

L’aviazione israeliana ha colpito 130 obiettivi militari a Gaza. Nel corso degli attacchi a Gaza sono rimaste uccise 24 persone, fra cui nove minori. E’ il bilancio aggiornato fornito dal ministero della Sanità di Hamas, citato dall’agenzia di stampa palestinese Maan. Queste cifre, precisa l’agenzia, includono tre persone colpite stamane nel campo profughi Shati, presso Gaza. I feriti sono oltre 100.

Come riporta l’Ansa, tensioni fra dimostranti palestinesi e la polizia israeliana si sono verificati anche a Gerusalemme est. Manifestazioni di protesta anche in località arabe di Israele.

Gravi disordini sono avvenuti la scorsa notte anche nella città a popolazione mista di Lod, a est di Tel Aviv. Secondo il quotidiano Makor Rishon dimostranti arabi hanno attaccato residenti ebrei in due rioni della città. Negli incidenti due dimostranti sono stati feriti da colpi di arma da fuoco ed uno di essi è deceduto poco dopo il ricovero in un ospedale cittadino. A quanto pare è stato colpito da un ebreo che temeva che sarebbe stato linciato dai dimostranti dopo che avevano già attaccato un commissariato di polizia, un museo e un collegio rabbinico.

Negli attacchi aerei condotti da ieri a Gaza dall’aviazione israeliana sono stati uccisi 15 miliziani di Hamas. Lo ha riferito il portavoce militare Itay Silberman, secondo cui finora sono stati colpiti 140 obiettivi militari di Hamas “e noi manteniamo il piede sull’acceleratore. L’operazione proseguirà ancora per giorni”. Il portavoce ha stimato che decine di razzi sparati da Gaza sono ricaduti nella Striscia. “Una parte delle vittime locali sono state colpite, con certezza, da razzi difettosi palestinesi”, ha affermato.

Ieri Hamas, come ricorda l’Ansa, aveva dato tempo ad Israele “fino alle 18 (le 17 in Italia) per far uscire i suoi soldati e i suoi coloni dalla Moschea Al Aqsa e dal rione di Sheikh Jarrah e di rilasciare chi è stato arrestato in questi giorni”. Lo ha detto il portavoce dell’ala militare di Hamas Abu Odeiba aggiungendo: “Siete stati avvertiti”.

Attualità

Il no-vax Barillari: “Il malore di Eriksen colpa del vaccino”. Ma non era vaccinato

Pubblicato

il

ROMA – Il consigliere regionale del Lazio, ex M5S, Davide Barillari, in un tweet, ha sostenuto che il malore accusato in campo dal giocato danese, Christian Eriksen, durante la partita degli Europei di ieri sera, fosse da attribuire al vaccino anti Covid-19.

“Christian Eriksen – ha scritto nel tweet Barillari -, giocatore dell’Inter (vaccinato) durante la partita Danimarca Finlandia, cade a terra per arresto cardiaco. Praticato massaggio cardiaco. Ora è ricoverato in ospedale. Cadono come mosche. #NessunaCorrelazione #SonosoloCoincidenze #Vaccini #R2020”.

Peccato che Eriksen non sia stato vaccinato. Dunque il consigliere no-vax ha pubblicato una fake news, smentita prima dall’ad dell’Inter, Beppe Marotta, poi dai medici della nazionale danese e, infine, anche dalla Federcalcio danese, durante la conferenza stampa organizzata oggi per aggiornare sulle condizioni del centrocampista dell’Inter.

Continua a legere

Attualità

Sparatoria vicino Roma, morti due bambini e un anziano

Pubblicato

il

ROMA – Colpi d’arma da fuoco nel consorzio Colle Romito ad Ardea, vicino a Roma. Sono morti due fratellini e l’anziano che era con loro. 

Sono stati centrati dai colpi di pistola esplosi da un uomo in strada. A quanto accertato dai carabinieri, non avevano vincoli di parentela con l’altra vittima che è un anziano. Come riporta l’Ansa, l’uomo si è poi barricato in un appartamento. Sul posto i carabinieri.

Sul posto sono arrivati i familiari dei piccoli. “Attenzione. Tutti chiusi in casa c’è una persona che spara nel consorzio”. E’ uno dei tanti appelli che stanno rimbalzando in questi minuti sui gruppi social di Colle Romito. “Rimanete a casa! Sembra ci sia una persona armata che gira per Colle Romito”, scrive un altro utente. 

Continua a legere

Attualità

Sondaggi Ipsos: scende la Lega, superata da Pd e Fratelli d’Italia

Pubblicato

il

ROMA – Con il 20,8% il Partito Democratico “strappa” alla Lega di Salvini il primo posto tra i partiti italiani, secondo il Polimetro di Ipsos, la rilevazione settimanale di Nando Pagnoncelli.

Il Carroccio subisce un ulteriore sorpasso e arriverebbe addirittura alla terza posizione, dal momento che si ferma al 20,1% e viene superato da Fratelli d’Italia di Giorgia Meloni che sale al 20,5%.

Salvini continua dunque a perdere punti, nonostante i suoi propositi di una federazione di centrodestra, osteggiata da Giorgia Meloni.

Continua a legere

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Osservatore Quotidiano è un prodotto editoriale di Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore Responsabile: Luigi Tommolini | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Martinsicuro (TE) via metauro 10/A, 64014 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€