fbpx
Seguici su

Cronaca

Autostrade per l’Italia e Spea fuori dal processo sul crollo del Ponte Morandi

Pubblicato

il

sede-Autostrade-per-l'Italia-Aspi

Grazie ad un cavillo legale, Autostrade per l’Italia e Spea Engineering, ovvero la società concessionaria delle tratte autostradali e quella addetta al controllo ed alla manutenzione delle infrastrutture, sono state escluse dal processo sul crollo del ponte Morandi e non ne risponderanno in sede civile.

Colpo di scena ieri, lunedì 19 settembre, alla ripresa delle udienze del processo sul crollo del ponte Morandi: Autostrade per l’Italia e Spea Engineering sono state escluse. La società concessionaria e quella incaricata della manutenzione delle infrastrutture dunque non risponderanno civilmente e le parti civile ammesse al processo, in caso di eventuali condanne, non potranno rivalersi su di loro, ma solo sui singoli imputati.

Il collegio dei giudici ha accolto le richieste di Aspi e Spea di essere escluse dal processo, che hanno incontrato anche il parere favorevole dei pubblici ministeri. Il motivo è che non hanno potuto prendere parte ai due incidenti probatori come responsabili civili, dal momento che lo avevano già fatto in qualità di responsabili amministrativi. Proprio dalle perizie emerse che le cause del crollo fossero l’incuria e la mancata manutenzione.

Dunque non saranno Autostrade per l’Italia e Spea Engineering a risarcire le 350 parti civili costituitesi, tra persone fisiche, enti, associazioni ed aziende. Tra questi non c’è la maggior parte dei familiari delle 43 vittime, che è già stata risarcita ed è uscita dal processo. Manca però la famiglia Possetti, che non accettò il risarcimento. Proprio Egle Possetti, portavoce del comitato Ponte Morandi, ha affermato di essere «amareggiata e delusa per questa decisione. Abbiamo sperato fino all’ultimo che Autostrade e Spea potessero rimanere dentro il processo anche e soprattutto per una questione di immagine, peccato davvero».

Sono in tutto 700 le parti civili ammesse o che hanno chiesto di entrare nel processo e sono in attesa di pronunciamento. 59 invece sono gli imputati nel processo civile, tra funzionari e tecnici di Aspi e Spea, oltre al Ministero delle Infrastrutture. Le accuse spaziano da omicidio colposo plurimo, a omicidio stradale, crollo doloso, omissione d’atti d’ufficio, attentato alla sicurezza dei trasporti, falso e omissione dolosa di dispositivi di sicurezza sui luoghi di lavoro. In caso di condanna, sarebbero questi 59 imputati a dover risarcire le parti civili, ma qualora non risultassero in grado di sostenere gli esborsi, questi salterebbero.

Cronaca

Agguato ad Alatri, clinicamente morto il 18enne colpito da un colpo di pistola

Pubblicato

il

Thomas Bricca, 18 anni, è stato dichiarato clinicamente morto, dopo essere stato colpito da un colpo di arma da fuoco ieri sera, 30 gennaio, ad Alatri, in provincia di Frosinone. Si ipotizza uno scontro tra bande rivali alla base dell’agguato.

Si trovava nei pressi di un bar pizzeria, quando uno scooter con due persone a bordo si è fermato e qualcuno ha aperto il fuoco. Thomas Bricca, ragazzo di 18 anni di Alatri, è stato raggiunto da un colpo alla testa: trasportato d’urgenza al San Camillo di Roma, è stato dichiarato clinicamente morto. Per dichiarare la morte cerebrale bisogna attendere 48 ore. In base alle prime ipotesi si l’agguato sarebbe avvenuto in seguito ad una rissa tra bande rivali.

Thomas Bricca stava camminando per strada quando lo scooter lo ha affiancato e la persona seduta dietro ha estratto l’arma, gliel’ha puntata contro e gli ha sparato un colpo in testa. Poi i due si sono dileguati. I carabinieri si sono messi sulle loro tracce. Alcune testimonianze hanno raccontato di scontri fra diversi gruppi di giovani, pertanto gli inquirenti stanno indagando in questa direzione. Gli investigatori avrebbero anche già formulato qualche ipotesi circa i sospettati.

Nei giorni precedenti, si sarebbero già verificati scontri e risse tra membri di opposte fazioni. I carabinieri visioneranno anche le telecamere dei circuiti di videosorveglianza presenti in zona, al fine di stabilire la dinamica dell’episodio e dare un voto e un nome ai responsabili.

Il ragazzo colpito da un colpo di pistola nell’agguato di Alatri, è stato dichiarato clinicamente morto poco dopo il suo arrivo in ospedale.

Continua a leggere

Cronaca

Trema la Romagna, terremoto di magnitudo 4.1 a Cesenatico

Pubblicato

il

terremoto-romagna-cesenatico-magnitudo-4

Serie di scosse di terremoto all’alba in Romagna, fino alla principale con epicentro nella zona di Cesenatico e magnitudo 4.1. Paura tra la popolazione, ma non si hanno notizie di danni o feriti.

RIMINI – Le prime avvisaglie sono arrivate alle prime luci del giorno, ma la scossa forte è avvenuta intorno alle 11:45. Terremoto di magnitudo 4.1 in Romagna, con epicentro Cesenatico, a 19 chilometri di profondità, in base ai dati pubblicati da Ingv. Le scosse sono state avvertite chiaramente a Rimini e in tutta Romagna, ma anche in Emilia e oltre, come nel nord delle Marche.

Oltre a quella principale che ha spaventato i romagnoli, si sono succedute diverse scosse dello sciame sismico nella provincia di Forlì-Cesena, con magnitudo tra 2.1 e 3.5, con epicentri tra Cesenatico e Gambettola.

Popolazione molto spaventata, ma non è arrivata al momento nessuna notizia relativa a danni a cose o persone.

Continua a leggere

Cronaca

Salvataggio della Geo Barents al largo della Libia: il porto assegnato è La Spezia

Pubblicato

il

geo-barents-porto-di-ancona
La Geo Barents attraccata al porto di Ancona (Foto di Pierpaolo Mascia).

100 ore di navigazione dal punto in cui la Geo Barents ha effettuato un salvataggio in mare, nelle acque internazionali al largo della costa libica, e il porto sicuro assegnato dal governo per lo sbarco dei migranti e dei richiedenti asilo, La Spezia. Medici Senza frontiere: «Mentre ci avvicinavamo alla barca in difficoltà la guardia costiera libica ha minacciato di aprire il fuoco».

Nuovo salvataggio in mare della nave Geo Barents della Ong Medici Senza Frontiere, che nelle acque internazionali al largo della Libia ha recuperato 69 persone, di cui 25 minori, da un barcone in difficoltà. Contestualmente, si riaprono le polemiche relative all’assegnazione del porto sicuro: La Geo Barents è stata spedita a La Spezia.

Le operazioni di recupero effettuate dalla Geo Barents (Foto di Maurizio Debanne).

«Perché farli sbarcare a La Spezia quando ci sono porti idonei molto più vicini? È contro il diritto marittimo internazionale» scrive su Twitter la Ong, che rende noto di dover affrontare una traversata da 100 ore molto faticosa per raggiungere il porto sicuro assegnato dal governo.

Un paio di ore prima di effettuare il salvataggio in mare, la Geo Barents aveva oltretutto accusato di aver ricevuto minacce dalla Guardia Costiera libica, mentre si avvicinava alla barca in difficoltà: «il nostro team ha assistito oggi all’intercettazione da parte della Guardia Costiera Libica di un’imbarcazione in difficoltà in acque internazionali. Mentre ci avvicinavamo per aiutare le persone e portarle in salvo, hanno minacciato di sparare».

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Osservatore Quotidiano è un prodotto editoriale di Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore : Antonio Villella | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Alba Adriatica (TE) via Vibrata snc, 64011 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€ | Alcune delle immagini interamente o parzialmente riprodotte in questo sito sono reperite in internet. Qualora violino eventuali diritti d'autore, verranno rimosse su richiesta dell'autore o detentore dei diritti di riproduzione.