fbpx
Seguici su

Mondo

Biden: «Orgoglioso per l’accordo su Minimum Tax: grazie Italia, ottimo lavoro»

Pubblicato

il

joe biden in conferenza stampa

«Voglio ringraziare gli italiani per l’ospitalità e congratularmi con il primo ministro Draghi che ha fatto un gran bel lavoro nel presiedere il G20 in un anno difficile segnato da grandi sfide globali».  Lo afferma il presidente americano, Joe Biden, in una conferenza stampa in cui ha toccato tutti gli argomenti che hanno visto protagonisti gli Usa, a partire dalla Minimum Tax

«Non è realistico smettere di usare benzina e gas all’improvviso, ma arriveremo ad emissioni zero entro il 2050 – ha detto il presidente americano – tutti sanno che l’idea di muoversi con le energie rinnovabili all’improvviso non è possibile, non è razionale. Non possiamo muoverci immediatamente [ma] faremo dei cambiamenti significativi».

«Non servono azioni punitive per far sì che le persone facciano la transizione ecologica. Tutti sanno quale è la direzione verso cui stiamo andando e non devono esserci punizioni particolari per le persone» ha proseguito Biden che ha aggiunto:

«Gli accordi hanno mostrato il potere dell’America quando si impegna. Le relazioni con i nostri amici dell’Ue sono state ulteriormente rafforzate. È ora di mettersi al lavoro. L’America è pronta per nuove soluzioni. Abbiamo tutte le basi e gli strumenti per avanzare».

Durante la conferenza stampa, non è mancato un passaggio di Joe Biden su Cina e Russia, le grandi assenti all’incontro sulle emissioni: «per quanto riguarda la delusione legata all’assenza della Russia e della Cina e in merito ai loro impegni, posso dire che anche io sono deluso. Ma abbiamo approvato una serie di cose, tutte le nazioni si sono impegnate sulla riduzione del carbone e su quello che porteremo alla Cop26. Non concentriamoci su quello che non stanno facendo Russia e Cina».

Infine anche un passaggio sull’Italia e sul governo Draghi: «credo che abbia ottenuto ottimi risultati, in parte grazie all’impegno che gli Stati Uniti hanno portato al tavolo».

L’Agenda Biden sarà proposta al Congresso. Il presidente si è detto convinto che i suoi maxi piani per infrastrutture, welfare e clima passeranno. Ha affermato di sperare che la manovra sia approvata entro la fine della prossima settimana. I leader Dem pensano a un voto già per martedì alla Camera.

Mondo

Putin ha firmato le annessioni: «Lugansk, Donetsk, Kherson e Zaporizhzhia nostre per sempre»

Pubblicato

il

discorso-Putin-mobilitazione-parziale-esercito

Adesso che ha ufficializzato, senza ottenerne il riconoscimento internazionale, le annessioni dei territori di Lugansk, Donetsk, Kherson e Zaporizhzhia, Putin riapre alla possibilità di negoziati: «L’Ucraina deve cessare il fuoco».

Prima che prendesse la parola è stato rispettato un minuto di silenzio per gli «eroi» che hanno perso la vita in Ucraina e per le «vittime degli attacchi terroristici di Kiev». Poi, Vladimir Putin, nella Sala di San Giorgio del Gran Palazzo del Cremlino, ha apposto il suo sigillo sul documento che approva le annessioni alla Federazione Russa delle regioni ucraine occupate: Lugansk, Donetsk, Kherson e Zaporizhzhia.

Putin non si cura del fatto che i governi occidentali considerino una farsa i referendum svolti nei territori occupati e non riconoscano le annessioni va avanti per la sua strada: «Voglio che mi sentano a Kiev, che mi sentano in Occidente: le persone che vivono nel Lugansk, nel Donetsk, a Kherson e Zaporizhzhia diventano nostri cittadini per sempre». Per quanto riguarda le validità dei referendum il presidente russo ha affermato che bisogna rispettare «la volontà di milioni di persone» che hanno esercitato «un diritto integrale». «Kiev rispetti la volontà popolare, noi difenderemo le nuove terre con tutte le nostre forze, faremo qualsiasi cosa per garantire la sicurezza del popolo».

Ora che ha conquistato queste quattro regioni, indipendentemente dal mancato riconoscimento internazionale della legittimità delle sue azioni, Putin si dice pronto a riprendere la strada dei negoziati, ma, ovviamente, secondo i termini da lui stabiliti: «Kiev cessi il fuoco e torni al tavolo del negoziato, noi siamo pronti: lo abbiamo detto e ripetuto».

Non manca un passaggio sulle spinte espansionistiche della Russia: «Oramai l’Unione sovietica non esiste più, e al passato non si torna e non serve alla Russia. Non è a questo a cui aspiriamo». Ma, sostiene il presidente, non c’è «nulla di più forte» della volontà dei popoli «di tornare alla propria vera patria. Nel 1991 si è deciso di far crollare l’Urss senza chiedere l’opinione del popolo, questo ha creato ferite nella nostra società e portato il Paese al limite della catastrofe nazionale. Quando l’ultimo leader dell’Unione Sovietica [Mikhail Gorbaciov, non nominato da Putini ndr] ha deciso di distruggere il nostro grande Paese ha messo il popolo di fronte al fatto compiuto, anche se bisogna ammettere che non capivano allora cosa stavano facendo e le conseguenze».

Continua a leggere

Mondo

Sparatoria alla partita di football: un ragazzo morto e 4 feriti a Philadelphia

Pubblicato

il

Strage Denver Colorado Usa sparatoria fanatico di destra

Ennesima sparatoria in un edificio scolastico degli Stati Uniti, dove al termine di una partita di football tra le squadre di due scuole superiori si è verificato uno scontro a fuoco. Un ragazzo di soli 14 anni ha perduto la vita, mentre altri quattro studenti sono ricoverati in gravi condizioni.

Torna alla ribalta negli Stati Uniti il tema della circolazione incontrollata delle armi, specie tra i più giovani. Il motivo è l’ennesima sparatoria che ha coinvolto una scuola superiore, verificatasi al termine di una partita di football tra le squadre di tre istituti. Lo scontro a fuoco si è verificato a Philadelphia, nel campo alle spalle della Roxborough High School.

Poco prima della sparatoria, si era giocata una partita di football delle leghe giovanili, al cui termine è scattata una rissa che ha coinvolto gli studenti di tre scuole diverse. I giocatori stavano uscendo dal campo quando, intorno alle 16:30 ora locale, qualcuno ha aperto il fuoco.

Almeno due le pistole utilizzate nello scontro a fuoco. Chi ha sparato ha lasciato cadere a terra le armi, prima di darsi alla fuga e dileguarsi a piedi. Una pallottola ha colpito in pieno petto un ragazzino di 14 anni, morto poco dopo in ospedale. Altri quattro studenti sono rimasti feriti. 3 sono in condizioni stabili e sono stati raggiunti dai colpi alle braccia ed alle gambe. Non si conoscono le condizioni di una altro ragazzo ferito e soccorso sul posto.

Continua a leggere

Attualità

La Russia annette le regioni ucraine dopo il referendum

Pubblicato

il

Vladimir Putin

MOSCA – La cerimonia di firma dei trattati sull’annessione di nuovi territori alla Russia si terrà oggi alle 15 ora locale al Cremlino e vi prenderà parte il capo di stato Vladimir Putin. Lo ha affermato il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov, come riporta Ria Novosti.

“Domani alle 15.00 (le 14 in Italia) nel Gran Palazzo del Cremlino, nella Sala di San Giorgio, si terrà una cerimonia per firmare gli accordi sull’ingresso di tutti e 4 i nuovi territori ucraini in cui si è tenuto il referendum nella Federazione Russa. In questo evento ci sarà un corposo discorso del presidente Putin”, ha detto ieri Peskov.

“Non accettiamo i referendum farsa e non accetteremo mai nessuna annessione dei territori ucraini occupati”. Lo ha ribadito la portavoce della Commissione Ue Dana Spinant in seguito all’annuncio di Mosca dell’annessione, domani, dei territori occupati del Donbass.

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Osservatore Quotidiano è un prodotto editoriale di Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore Vicario: Antonio Villella | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Alba Adriatica (TE) via Vibrata snc, 64011 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€ | Alcune delle immagini interamente o parzialmente riprodotte in questo sito sono reperite in internet. Qualora violino eventuali diritti d'autore, verranno rimosse su richiesta dell'autore o detentore dei diritti di riproduzione.