fbpx
Seguici su

Attualità

“I’m not gay”, l’assurdo reality omofobo russo condotto dal parlamentare pro-Putin Milonov

Pubblicato

il

MOSCA – I’m not gay è il titolo del nuovo reality show russo in cui si deve dimostrare di non essere omosessuale, sbarcato da poco su YouTube. I concorrenti rigorosamente uomini – tra cui un blogger musicale, un sessuologo e un combattente di arti marziali – devono dimostrare di non essere omosessuali tramite alcune prove come, per esempio, riconoscere al buio il lato B di un uomo da quello di una donna.

La durata è di otto puntate. Al termine di ognuna i concorrenti votano per individuare ed eliminare il concorrente “gay”, o comunque quello che si è dimostrato “meno virile”. Se indovinano vincono due milioni di rubli (circa 26mila euro), ma se il concorrente omosessuale schiva l’eliminazione, è lui a vincere il premio.

Nel promo del programma si vede un uomo muscoloso che passeggia in spiaggia con uno slip bianco e viene notato per la sua bellezza. In quel momento, il conduttore Vitaly Milonov si muove verso di lui con fare minaccioso sfregandosi le mani, pronto alla rissa. Insieme a lui ci sono ragazze armate di catene, fruste e mazze. Tutti pronti a punire fisicamente i concorrenti che si mostreranno interessati alla sfilata dell’uomo in questione.

Il programma è, infatti, ideato e condotto dal politico Vitaly Milonov, membro della Duma, il Parlamento russo. Milonov, molto vicino a Vladimir Putin, non ha mai nascosto di essere anti-LGBTQ . È tra i responsabili della legge contro l’omosessualità, tutt’ora in vigore in Russia, ed è anche famoso per alcune sue forti dichiarazioni contro gli omosessuali. Il deputato ha detto di recente che secondo lui occorrerebbe: “Creare rifugi per confinare le persone gay“, e che sarebbe “umano ospitarle e dar loro da mangiare. Dobbiamo essere umani. Come combattiamo i gatti randagi? Li sterilizziamo. E anche i gay dovrebbero essere sterilizzati”.

Nel 2013 aveva chiesto di arrestare tutti gli atleti LGBT che partecipavano alle Olimpiadi di Sochi perché andavano contro la legge che vietava la propaganda gay. E ancora, nel 2019, ha definito l’omofobia “Una cosa bella, e l’omosessualità disgustosa”.

Vitaly Milonov è comparso nella prima puntata del programma online, dove ha dichiarato:

“Trovare un gay nel nostro Paese è come trovare un Mc Donald’s funzionante”, mentre una voce fuori campo afferma: “Esistono sicuramente, ma ce ne sono pochissimi e non tutti li conoscono”.

Attualità

Omicidio Niccolò Ciatti:15 anni al ceceno Bissoultanov. Il padre: “Vergogna”

Pubblicato

il

FIRENZE – 15 anni di reclusione inflitti in Spagna al ceceno Rassoul Bissoultanov per l’omicidio di Niccolò Ciatti, morto il 12 agosto 2017 a Lloret de Mar dopo un pestaggio in una discoteca.

Come riporta l’Ansa, lo riferisce su Facebook il padre, Luigi Ciatti: “Il Presidente del Tribunale di Girona ha inflitto la pena minima di 15 anni. Penso che dovrebbe studiare la parola Giustizia. Giustificare una sentenza del genere con ‘per quanto possa sembrare duro ai parenti’ credo che veramente dovrebbe cambiare lavoro”. “Ci troviamo di fronte persone che dovrebbero essere dalla nostra parte”, “invece sono al fianco degli assassini. Siete la vergogna di un mondo civile”.

Continua a leggere

Attualità

Insulti e cinghiate: due ragazzi aggrediti dopo il Gay Pride di Napoli

Pubblicato

il

NAPOLI – Percossi a cinghiate dopo aver reagito agli insulti omofobi nei loro confronti. Due giovani romani, entrambi ventenni, sono stati insultati e aggrediti dopo aver partecipato al Pride di Napoli. Si trovavano a piedi in strada al centro della città quando sono stati avvicinati da due giovani della provincia di Napoli che hanno iniziato a rivolgere insulti nei confronti dei due, uno dei quali ha reagito alle offese.

I due sono scesi dall’auto ed hanno iniziato a percuotere le vittime, a spintoni, schiaffi e anche con la cinghia dei pantaloni e poi si sono allontanati. Come riporta Repubblica, i due giovani romani hanno chiesto l’intervento dei carabinieri: attraverso la centrale operativa sono iniziate le ricerche dell’auto e degli aggressori. La vettura è stata individuata in piazza Carlo III dalla pattuglia della stazione Borgoloreto. Ne è nato anche un breve inseguimento, al termine del quale i due sono stati bloccati e denunciati. Le due vittime sono state soccorse all’ospedale San Paolo, per loro una prognosi di cinque giorni.

Il Comune di Napoli ha espresso “ferma condanna da parte dell’amministrazione in merito all’aggressione omofoba ai danni di due ragazzi dopo il Pride di ieri, denunciata dalle vittime e che ha visto l’intervento immediato della forze dell’ordine. L’episodio non sporca la forza di una manifestazione straordinariamente partecipata dalle associazioni, dagli attivisti e dai singoli cittadini per confermare la natura accogliente di Napoli in cui ci si batte tutti i giorni per l’uguaglianza dei diritti”.

Continua a leggere

Attualità

Kim Jong-un: “Covid è arrivato qui attraverso palloncini fatti partire dalla Corea del Sud”

Pubblicato

il

Kim Jong Un test missilistico Corea del Nord

PYONGYANG – Il dittatore della Corea del Sud ha sferrato un attacco contro Seul, accusandola di aver mandato il Covid-19 nel suo Paese attraverso dei palloncini lanciati dal territorio sudcoreano, i quali poi sarebbero entrati in contatto con i primi contagiati per coronavirus in Corea del Nord.

In passato la Corea del Sud ha spedito più volte dei volantini di propaganda, fatti volare tramite palloncini, per denunciare le aberrazioni del regime di Pyongyang e mettere in piedi una vera e propria campagna anti-dittatura. Ma, come scrive RaiNews24, la sortita del dittatore nordcoreano sembra dettata più dal tentativo di nascondere le falle del sistema sanitario interno e le inadeguate misure assunte per contenere il contagio piuttosto che per reali scenari di contaminazione internazionale.

Anche le autorità di Seul si sono difese, tramite il ministero per l’Unificazione delle due Coree, sostenendo che il virus non è giunto a Pyongyang tramite palloncini. Oltretutto, l’ultimo governo sudcoreano ha sospeso da tempo le campagne di propaganda effettuate con il volo di palloncini.

Dai report ufficiali risulta che i primi due contagiati, di 18 e 5 anni, hanno avuto contatti con “cose aliene”, allarme che ha indotto le autorità sanitarie nordcoreane a “trattare in modo vigile con cose aliene provenienti dal vento e altri fenomeni climatici e palloni”.

Solo a maggio, il regime di Pyongyang ha ammesso la presenza del Covid nel Paese, con un numero indefinito di persone a cui è stata diagnosticata la variante Omicron. Sono 4,7 milioni i casi di febbre ufficialmente riconosciuti su 26 milioni di abitanti, ma solo una parte di essi è stata attribuita al Covid. Un altro dato che colpisce è il numero delle vittime: solo 73.

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Osservatore Quotidiano è un prodotto editoriale di Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore Vicario: Antonio Villella | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Alba Adriatica (TE) via Vibrata snc, 64011 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€ | Alcune delle immagini interamente o parzialmente riprodotte in questo sito sono reperite in internet. Qualora violino eventuali diritti d'autore, verranno rimosse su richiesta dell'autore o detentore dei diritti di riproduzione.