fbpx
Seguici su

Cronaca

Iran, arrestato il regista dissidente Jafar Panahi: vinse il Leone d’oro a Venezia e l’Orso d’oro a Berlino

Pubblicato

il

Jafar Panahi
Jafar Panahi: foto di Cines del Sur Granada Film Festival (via Flickr CC)

Jafar Panahi, regista iraniano molto critico nei confronti del regime di Teheran, è stato arrestato per cause che ancora non sono state rese note. Si tratta del terzo regista arrestato in Iran in due settimane.

La stretta e la censura al libero pensiero in Iran, si avvolge in particolare intorno al collo del cinema, in questi gironi. Nel giro di un paio di settimane, sono stati arrestati tre registi. L’ultimo, Jafar Panahi, molto attivo nella critica sociale e politica. Per il cineasta sessantaduenne che trionfò a Venezia e Berlino, si sono riaperte le porte del carcere. Già nel 2010 infatti fu condannato a sei anni per propaganda contro il regime.

I motivi del suo arresto non sono ancora stati resi noti. Sembrerebbe che il fermo sia scattato dopo che Jafar Panahi si è recato in Procura per chiedere informazioni sui colleghi in custodia cautelare. La scorsa settimana a finire in manette sono stati Mohammad Rasoulof, anch’egli vincitore di un Orso d’oro a Berlino, e Mostafa Alehmad, . Questi ultimi, hanno preso parte alle proteste in seguito al crollo di un edificio commerciale di 10 piani, lo scorso 23 maggio, in una città del sud ovest dell’Iran e sono stati arrestati insieme ad altre persone per «incitamento ai disordini e minaccia alla sicurezza piscologica della città».

Oggi è stata la volta di Jafar Panahi. Dopo la condanna del 2010 non ha lasciato il Paese, anche se gli è stato vietato dirigere o scrivere film, viaggiare, parlare coi media stranieri per 20 anni. Proprio a causa di questa sentenza non poter ritirare i prestigiosi riconoscimenti internazionali. Nei suoi film sono forti le critiche e le denunce sul regime iraniano.

Cronaca

Tracce di latte nel tiramisù vegano: morta ragazza di vent’anni iper-allergica

Pubblicato

il

ragazza-morta-per-un-tiramisù-non-vegano

Quattro indagati per omicidio colposo. Le analisi stabiliranno se lo shock anafilattico che prima ha provocato il coma e poi la morte di una ragazza di vent’anni iper-allergica a latte e uova sin dalla nascita, sia stato causato dagli alimenti, in particolare il tiramisù vegano, che aveva consumato poco prima in un ristorante. Ritirato dal mercato il dolce che la ragazza ha mangiato.

Prima lo shock anafilattico, poi dieci giorni di coma all’Ospedale San Raffaele, infine il decesso. Una ragazza di vent’anni di Milano sarebbe morta dopo aver ordinato un tiramisù, teoricamente vegano, che le sarebbe risultato fatale. La giovane era iper-allergica fin dalla nascita a latte e uova. Il sospetto degli inquirenti è che nel dolce che ha ordinato in un ristorante nel quale cenava insieme al fidanzato, fossero presenti le proteine del latte alle quali era allergica. Dubbi anche sulla maionese, anch’essa vegana, ordinata dalla giovane. Le analisi e l’autopsia aiuteranno a fare luce sulla vicenda.

Quattro persone risultano indagate per omicidio colposo, frode nell’esercizio del commercio e vendita di sostanze alimentari non genuine. Degli accertamenti se ne occuperanno i Nas dei Carabinieri e l’Agenzia di Tutela della Salute (Ats).

Nel frattempo in via precuazionale il Ministero della Salute ha ritirato dal mercato il tiramisù vegano che la ragazza morta dopo uno shock anafilattico e dieci giorni di coma, aveva ordinato. Si chiama “Tiramisun”, è prodotto dalla Mascherpa e, secondo l’avviso del Ministero, presenterebbe il «rischio di presenza di allergeni». Sull’etichetta non sarebbe indicata la presenza di proteine del latte.

Continua a leggere

Cronaca

I sottosegretari Ostellari e Delmastro sotto scorta dopo le intimidazioni degli anarchici

Pubblicato

il

sottosegretari-ostellari-delmastro-sotto-scorta

In seguito agli attacchi e alle intimidazioni degli anarchici dei giorni scorsi, i sottosegretari alla giustizia Ostellari e Delmastro sono stati messi sotto scorta.

Continuano a tener banco il caso Cospito e il corollario di polemiche relative alla sua detenzione. Dopo che nei giorni scorsi la discussione si era spostata, oltre che sul regime di carcere duro al quale è sottoposto l’anarchico, anche sull’opportunità o meno di divulgare notizie riservate, sebbene non secretate, da parte del deputato Donzelli, è di questa mattina la notizia secondo la quale i sottosegretari alla giustizia Andrea Ostellari e Andrea Delmastro sarebbero stati posti sotto scorta, in seguito alle intimidazioni degli anarchici dei giorni scorsi.

Andrea Delmastro Delle Vedove, di Fratelli d’Italia, è stato indicato come la persona che ha passato le informazioni sui dialoghi di Cospito in carcere al vicepresidente del Copasir Donzelli, che le ha poi rivelate in aula, come indicato dallo stesso collega di partito.

Ostellari invece, avvocato quarantottenne padovano, è un esponente leghista. Tra le sue deleghe vi è anche quella del trattamento dei detenuti e proprio questa lo avrebbe esposto ai possibili attacchi della rete anarchica, che da giorni sta imbrattando di scritte intimidatorie i muri di Padova. Ostellari non ha potere decisionale sul regime carcerario al quale Cospito è costretto, ma si occupa di questione relative alla salute e al benessere dei detenuti.

La decisione di metterlo sotto scorta sarebbe stata presa giorni in assoluta segretezza e, in attesa di una decisione ufficiale della Prefettura di Roma attesa per il 10 febbraio, Ostellari sarebbe stato messo sotto protezione temporanea.

Continua a leggere

Cronaca

Preside picchiato dal professore di fronte agli alunni: «motivi di lavoro»

Pubblicato

il

In una scuola media del veneziano è scoppiato un violento litigio tra un preside e un professore: qualcuno ha chiamato i carabinieri, ma quando i militi sono arrivati il dirigente scolastico era già stato violentemente picchiato dal professore.

Pietro Paoloni, 35 anni, è uno dei più giovani dirigenti scolastici d’Italia. Presta servizio alle scuole medie di Mira, nel veneziano. Proprio in questo edificio scolastico, lo scorso lunedì 30 gennaio, il preside è stato violentemente picchiato da un professore, di fronte ai professori e agli alunni dell’istituto.

Poco dopo la sua entrata in servizio, intorno a mezzogiorno, il dirigente scolastico è stato avvicinato dal docente è tra i due è subito nato un diverbio dai toni molto accesi, al punto che qualcuno ha preferito avvisare i carabinieri, la cui stazione si torva ad una distanza di appena 20 metri.

I militi però sono arrivati troppo tardi. Quando i carabinieri hanno fatto il loro ingresso a scuola infatti, pochi minuti dopo, la situazione era già degenerata: il professore aveva picchiato il preside e stava continuando a colpirlo con calci e pugni al volto, di fronte agli occhi di colleghi, personale scolastico e alunni.

Adesso il professore, le cui generalità non sono state rese note, è stato sospeso e, oltre ad una denuncia penale per aggressione, rischia anche il licenziamento. Il preside, Paorolini, ha reso noto di essere dispiaciuto che gli studenti abbiano dovuto assistere a questa scena e che alla causa di uno scontro tanto violento ci sarebbero stati «motivi di lavoro».

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Osservatore Quotidiano è un prodotto editoriale di Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore : Antonio Villella | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Alba Adriatica (TE) via Vibrata snc, 64011 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€ | Alcune delle immagini interamente o parzialmente riprodotte in questo sito sono reperite in internet. Qualora violino eventuali diritti d'autore, verranno rimosse su richiesta dell'autore o detentore dei diritti di riproduzione.