fbpx
Seguici su

Politica

Letta alla direzione del Pd: «mai più governi di unità nazionale». Nuovo segretario entro marzo 2023

Pubblicato

il

Enrico-Letta-direzione-pd

Enrico Letta alla direzione del Pd indica la via per il Congresso e chiude la porta ad ogni ipotesi di protrarre la sua segreteria: «ringrazio chi me l’ha chiesto, ma sarebbe un errore per voi e per il partito». Intanto nella galassia dem si discute delle primarie: chi le mette in discussione, vorrebbe fermare l’avanzata di Bonaccini.

Il Congresso del Partito Democratico deve chiudersi entro l’inverno e il nuovo segretario dem deve entrare in carica a marzo 2023. Alla direzione del Pd Enrico Letta traccia le tappe del percorso che lo porteranno a passare il testimone al suo successore. Come sarà scelto, non è ancora stato stabilito con certezza. Di certo c’è che non sarà Enrico Letta: «Ringrazio quanti mi hanno chiesto un impegno di più lungo periodo ma lo riterrei un errore per voi e per il partito: iniziato la mia militanza politica da giovane, sono stato ministro nel ’98 ed è giusto che il nostro partito metta in campo una classe dirigente più giovane in grado di sfidare il governo di Giorgia Meloni, una donna giovane».

Anche dal punto di vista della rappresentanza di genere c’è molto da fare al Nazareno. Le dem elette sono poche e questo per Letta rappresenta il «fallimento della nostra rappresentanza». Il segretario uscente vuol correre subito ai ripari e anticipa che saranno donne le capigruppo parlamentari.

Per quanto riguarda il risultato elettorale, Letta non nasconde il tonfo, ma cerca alcune spiegazioni: «un’unica forza politica ha vinto le elezioni, Fdi, tutte le altre non le hanno vinte o le hanno perse. Un campo ha vinto perché è stato unito e l’altro, nonostante il nostro sforzo, non è stato unito. Questa è la spiegazione delle elezioni. Noi abbiamo profondamente lavorato per costruire il campo largo, ma la larga unità è stata impossibile, era l’unica condizione per vincere, ma abbiamo avuto interlocutori che non volevano andare insieme». Un fatto che impone dunque una precisa scelta di campo: «Dobbiamo essere da subito pronti a costruire una opposizione forte ed efficace sapendo anche che quando questo governo cadrà io non ci sarò ma dovremo chiedere le elezioni anticipate, nessun governo di salute pubblica, lo dico, lo dirò anche rispetto a qualsiasi dibattito congressuale».

Intanto si discute delle primarie, non solo nel Pd, ma in tutta la galassia che gli gravita intorno. Uno degli strumenti simbolo del partito e presente fin dagli esordi, viene messo in discussione anche da chi le primarie le ha vinte, ovvero Pier Luigi Bersani, che dovrebbe confluire nuovamente nel Pd insieme e al suo Articolo 1: «basta con le primarie, il tema è un partito nuovo». Prima di lui anche Peppe Provenzano aveva criticato lo strumento: « «le primarie sono solo un rito se prima di chiedere alle persone di venire da noi, non siamo noi ad andare dalle persone».

In realtà la polemica sulle primarie è una polemica su chi molto probabilmente le vincerà, cioè Stefano Bonaccini. Il Presidente di Regione Emilia-Romagna, unico davvero in campo al momento, è indicato da più parti come il candidato più forte. Talmente forte che per ora nessun nome altisonante ha deciso di sfidarlo in questa competizione. Eppure non è ben visto da una parte della dirigenza del partito che lo considera troppo “renziano”. Fu infatti il segretario rottamatore a designarlo responsabile dell’organizzazione Pd. Inoltre Bonaccini è appoggiato dalla corrente Base Riformista e questo alimenta il timore che possa essere considerato una personalità divisiva e che si possa andare incontro al rischio di nuove scissioni, sebbene l’emiliano sia una persona predisposta al compromesso e dotato di capacità di mediazione molto spiccate.

Eppure qualcuno preferirebbe una personalità più malleabile. E per sfidare il candidato considerato troppo vicino all’ex sindaco di Firenze, c’è chi pensa di schierare l’attuale primo cittadino del Gran Ducato, Stefano Nardella. Tra chi lo caldeggia, il sempiterno Dario Franceschini.

Politica

Giorgia Meloni: «Il Governo durerà a lungo»

Pubblicato

il

Giorgia-Meloni

La Presidente del Consiglio Giorgia Meloni rilascia una lunga intervista al direttore del Corriere della Sera Luciano Fontana nella quale tocca tutti i temi: lege di bilancio, rapporti con l’Europa, Reddito di Cittadinanza, Ong e migranti, Fiorello, Saviano e le sue scelte di madre. Ma soprattutto rassicuro sulla tenuta del governo: è stabile e i rapporti con gli alleati non destano preoccupazioni.

«Rispetto a Draghi posso contare su una maggioranza chiara, un programma comune e un mandato popolare». Giorgia Meloni è sicura, il governo che le presiede «durerà a lungo anche perché l’Italia ha pagato per troppo tempo l’assenza di stabilità». La presidente del Consiglio in una lunga intervista al direttore del Corriere della Sera Luciano Fontana difende le scelte finora intraprese e smentisce le ricostruzioni delle opposizioni: «il racconto irreale e disastroso che la sinistra ha fatto in campagna elettorale sull’ipotesi di un governo Meloni è stato ampiamente smentito», «lo spread è ai minimi rispetto agli ultimi mesi e a livello internazionale c’è grande attenzione nei confronti dell’Italia».

Sulla manovra Giorgia Meloni afferma che «con la tassazione sui premi di produttività, il fisco per gli autonomi, i provvedimenti che eliminano gabelle inutili, il pacchetto famiglia da un miliardo e mezzo di euro. E poi l’attenzione ai redditi più bassi. Alcuni sono rimasti spiazzati dalle scelte di un governo che, si diceva, avrebbe favorito i ricchi: noi abbiamo scelto invece di sostenere i più fragili e rafforzare la classe media. Anche la tassa piatta incrementale si applica su massimo 40 mila euro, riguarda dunque il ceto medio. Il messaggio di fondo che vogliamo dare è questo: la ricchezza non la crea lo Stato ma le imprese con i loro lavoratori. Allo Stato compete dare una mano. Saremo al fianco di chi, in un momento difficile, si rimbocca le maniche».

Discorso opposto per quanto riguarda il Reddito di Cittadinanza, che Meloni ha promesso di abolire entro il 2024, dal momento che il governo distingue tra «chi non può lavorare e va assistito e chi invece può lavorare e va accompagnato verso un’occupazione. Usiamo per questo diversi strumenti, dalla decontribuzione totale per chi assume percettori di reddito di cittadinanza, fino al pieno utilizzo dei miliardi di euro del Fondo sociale europeo destinati alla formazione. Sapeva che alcune aziende che si occupano della messa a terra della fibra ottica chiedono l’impiego di lavoratori immigrati perché pare non trovino italiani disposti a farlo, anche se assunti con un contratto collettivo nazionale? Se non sei disponibile a lavorare con contratto regolare sei libero di farlo ma non puoi pretendere che lo Stato ti mantenga. Forse il lavoro c’è più di quanto sembri e forse il reddito ha spinto alcuni a rifiutarlo, preferendo il nero. Aggiungo che non siamo noi a fare cassa sui poveri, visto che tutti i risparmi vengono reinvestiti proprio sui più fragili, ma chi ha usato la disperazione per interesse elettorale».

Non mancano critiche alle opposizioni: «vedere il Pd, che votò contro l’istituzione del reddito, oggi scendere in piazza per difenderlo dimostra la strumentalità di certe posizioni», «al M5S vorrei chiedere se quando lo hanno istituito lo immaginavano come una sorta di vitalizio da percepire dai 18 anni fino alla pensione. Se la risposta è sì, io non sono d’accordo».

Sulle Ong: «l’approccio di alcune, che svolgono una attività prevalentemente ideologica che ha poco a che fare con le norme del diritto internazionale in tema di salvataggio in mare, trova una naturale convergenza con gli interessi degli scafisti».

Sui rapporti con l’Europa: « Sono buoni.  Il primo incontro l’ho fatto a Bruxelles proprio perché volevo dare il segnale di un’Italia pronta a collaborare, difendendo il proprio interesse nazionale, come mi pare legittimamente facciano tutti. Non ho mai avuto problemi con la Francia né li ho oggi». La presidente rende noto di aver avuto altri contatti con Macron e che i due si incontreranno: «Ho avuto uno scambio di messaggi con Emmanuel Macron qualche giorno fa […] Non è ancora in calendario ma certamente dovremo rivederci. Siamo persone con responsabilità di governo che lavorano per cercare soluzioni. È normale che Italia e Francia si parlino».

In merito alle critiche ricevute per aver portato la figlia Ginevra a Bali, risponde: «Credo nella libertà educativa di ciascun genitore e intendo esercitare la mia». E sulla proposta scherzosa di Fiorello chiosa: «Ho letto che Fiorello si è proposto come baby sitter di Ginevra visto che io ero stata baby sitter di sua figlia. Penso che Ginevra si divertirebbe moltissimo con lui. Solo che fare “il tato” per 3 euro l’ora, come lui ha proposto, mi renderebbe un datore di lavoro decisamente peggiore rispetto a quello che è stato lui con me».

Nell’intervista al Corriere, Meloni dedica anche un passaggio alla querela a Saviano: «Io ho presentato la querela quando ero capo dell’opposizione. L’ho fatto perché Saviano, nel tentativo vergognoso di attribuirmi la responsabilità della morte in mare di un bambino, mi definiva in tv in prima serata una ‘bastarda’. E quando gli è stato chiesto se quella parola non fosse distante dal diritto di critica ha ribadito il concetto. Non capisco – aggiunge Meloni – la richiesta di ritirare la querela perché ora sarei presidente del Consiglio: significa ritenere che la magistratura avrà un comportamento diverso in base al mio ruolo, ovvero che i cittadini non sono tutti uguali davanti alla legge?».

Continua a leggere

Politica

Frana ad Ischia, il ministro Fratin: «mettere in galera il sindaco», Salvini: «io voglio proteggere i sindaci»

Pubblicato

il

scontro-salvini-ministro-ambiente-gilberto-pichetto-fratin-su-frana-ad-ischia

In merito alla tragedia avvenuta ad Ischia, dove una frana ha provocato 8 morti, scontro interno alla maggioranza tra Matteo Salvini e l'”alleato” Gilberto Pichetto Fratin, in quota Forza Italia, sulle parole pronunciate dal ministro dell’Ambiente: «mettere in galera il sindaco e tutti quelli che lasciano fare». La replica di Salvini: «io invece voglio proteggere e liberare i sindaci dalla burocrazia».

Sebbene alla soglia dei settant’anni, il ministro all’Ambiente Gilberto Pichetto Fratin ha peccato di inesperienza, intesa come esperienza politica. Intervistato da Rtl 102.5 in merito alla frana che ha messo in ginocchio Ischia, Fratin si è lasciato sfuggire una frase che ha attirato diverse critiche: «Basterebbe mettere in galera il sindaco e tutti quelli che lasciano fare [abusi edilizi ndr]». Il ministro ha aggiunto: «Confischerei quello che è abusivo per valutare quello che è pericoloso» per poi concludere: «tutti facciano davvero il proprio dovere: da me all’ultimo amministratore». Le parole di Fratin hanno attirato molte polemiche e critiche, tra le quali quelle del ministro dei Trasporti Matteo Salvini.

Il leghista non cita il collega ed alleato, ma il riferimento è evidente: «Qualcuno vorrebbe arrestare i sindaci, io invece li voglio proteggere e liberare dalla burocrazia». Il ministro dei Trasporti si è così espresso durante l’evento “Lombardia 2030”.

Continua a leggere

Attualità

Il cardinale Becciu indagato in Vaticano per associazione a delinquere

Pubblicato

il

ROMA – In un filone d’indagine aperto dal promotore di giustizia vaticano parallelamente al processo sulla gestione dei fondi della Segreteria di Stato, il cardinale Angelo Becciu risulta indagato con altre persone per associazione a delinquere.

Come riporta l’Ansa, lo ha confermato oggi ai giornalisti il promotore di giustizia Alessandro Diddi, che, in apertura della 37/a udienza del processo, ha riferito dell’esito della rogatoria per l’ipotesi di reato associativo, nell’ambito della quale il Tribunale di Sassari ha trasmesso in Vaticano i risultati degli accertamenti condotti sulla Cooperativa Spes di Ozieri, guidata dal fratello di Becciu, Antonino.

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Osservatore Quotidiano è un prodotto editoriale di Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore Vicario: Antonio Villella | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Alba Adriatica (TE) via Vibrata snc, 64011 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€ | Alcune delle immagini interamente o parzialmente riprodotte in questo sito sono reperite in internet. Qualora violino eventuali diritti d'autore, verranno rimosse su richiesta dell'autore o detentore dei diritti di riproduzione.