fbpx
Seguici su

Cultura

Politico e carabiniere di Mazara del Vallo ai domiciliari: «Volevano vendere segreti su Messina Denaro a Fabrizio Corona»

Pubblicato

il

matteo-messina-denaro-trasferito-in-carcere-in-Abruzzo

Un carabiniere ed un politico di Mazara del Vallo sono stati arrestati e posti agli arresti domiciliari con l’accusa di aver cercato di vendere documenti secretati relativi all’arresto del boss Matteo Messina Denaro a Fabrizio Corona.

Hanno contattato Fabrizio Corona e gli hanno proposto uno “scoop” relativo alla cattura di Matteo Messina Denaro. I documenti che avevano tra le mani erano scottanti: erano infatti secretati. Per questo motivo sono finiti agli arresti domiciliari un politico ed un carabiniere di Mazara del Vallo.

Si tratta di Giorgio Randazzo, consigliere comunale eletto tra le fila della Lega e poi approdato in FdI, accusato di ricettazione, e Luigi Pirollo, il maresciallo accusato di accesso abusivo al sistema informatico e violazione del segreto d’ufficio. Perquisita anche la casa del “fotografo” dei vip.

In base a quanto ricostruito, Pirollo avrebbe “scaricato” illegalmente una copia dei file relativi alla cattura del boss di Cosa Nostra, che proprio nei giorni scorsi si è visto confermare la condanna all’ergastolo. Dopodiché avrebbe girato i documenti a Randazzo, che a sua volta avrebbe contattato Corona.

Qui entra in gioco Moreno Pisto, direttore di MowMag, il cui nome è stato suggerito dallo stesso Corona. I quattro si incontrano. Il carabiniere ed il politico di Mazara del Vallo finiti ai domiciliari mostrano i documenti a Pisto, che con uno stratagemma riesce a copiarli. Si salutano. Pisto riesamina i file e si rende conto che si tratta di documenti sensibili. Chiede consiglio ad un collega, il quale gli dice di informare la polizia e le indagini prendono avvio.

Nel frattempo, il telefono di Fabrizio corona era già sotto controllo da maggio, da quando l’agente era riuscito a mettere le mani su alcuni audio che si erano scambiati in clinica “Andrea Bonafede” e alcune donne che come lui si sottoponevano alla chemioterapia. Audio poi finiti a Non è l’Arena. Durante una conversazione, del 2 maggio, Corona accenna ad uno «scoop pazzesco» tra le mani di un consigliere comunale ed un carabiniere.

Cultura

Il padre del ragazzo suicida su TikTok: «lui trattato da carnefice. Non mi fanno leggere le chat»

Pubblicato

il

inquisitor ghost ragazzo suicida in diretta tiktoker tiktok

La piattaforma replica spiegando che diffondere contenuti e utenti coinvolti violerebbe le normative sulla privacy.

Dopo la morte del figlio Vincent, suicida in diretta TikTok, Matteo Plicchi, il padre di “Inquisitor Ghost”, denunciò episodi di cyberbullismo e diffamazione di cui sarebbe rimasto vittima il ragazzo, deceduto a soli 23 anni, mentre oggi torna sulla questione e chiede di leggere le chat dei suoi ultimi giorni. «Sono già entrato in possesso di alcune chat grazie alle mie indagini private con cui sono entrato nel suo telefono. Ma non c’è tutto, non ci sono i suoi ultimi giorni di vita, che è quello che mi interessa. A TikTok, chiedo solo un arco di tempo circoscritto, il periodo in cui iniziò a mostrarsi preoccupato» ha spiegato a La Stampa.

Il ragazzo morto suicida su TikTok era stato travolto da accuse di pedofilia, dopo che ha avuto uno scambio di messaggi dal contenuto erotico con una ragazza, che poi ha rivelato sui social di essere minorenne ed avere solo 17 anni.

La piattaforma dal canto suo ha risposto di non poterlo fare per non violare la privacy delle persone coinvolte. Una spiegazione che non lascia soddisfatto il genitore: ««Vincent è la vittima e viene trattato come il colpevole. Ma il suo principale carnefice e gli altri che hanno attaccato mio figlio, sono serenamente online. Hanno cambiato nome utente e sono di nuovo lì».

Continua a leggere

Cultura

Dietro il pluriomicidio di Palermo l’ombra della setta

Pubblicato

il

L’uomo ha ucciso la moglie e due dei suoi figli e si è consegnato ai Carabinieri: «l’ho fatto per liberarli dai demoni». Coppia di amici palermitani in stato di fermo. La sopravvissuta conferma l’ipotesi del rito.

Giovanni Barreca, muratore di 54 anni di Altavilla Milicia in provincia di Palermo, ieri ha ucciso la moglie Antonella Salomone, 41 anni, ed i figli Kevin, 16, ed Emanuel, 5. Si è salvata solo la figlia primogenita di 17 anni e proprio lei ha parlato agli inquirenti di un esorcismo trasformatosi in massacro. «Hanno fatto un rito per scacciare il demonio» ha detto la ragazza. E’ stata trovata in stato confusionale nella sua stanza, seduta sul letto. Ha parlato al plurale riferendosi ad una coppia di amici del padre, di Palermo, i quali farebbero parte della stessa setta, avrebbero avuto un ruolo nel pluriomicidio e si trovano al momento in stato di fermo.

La versione del rituale religioso era già stata avanzata dallo stesso omicida, reo confesso. Domenica ha chiamato i Carabinieri, ma, stando ai primi rilievi, il delitto si sarebbe consumato il venerdì precedente.

Dopo aver ucciso la moglie, avrebbe bruciato i suoi resti, che sono stati trovati nel giardino. I figli invece sono stati strangolati, forse con una catena di ferro. La figlia sopravvissuta potrebbe essere stata drogata e costretta ad assistere alla scena. Prima di farsi trovare nel territorio di Casteldaccia il padre ha chiamato i Carabinieri: ««Ho ucciso la mia famiglia, vi aspetto: venite a prendermi». Quando i militari l’hanno trovato ha aggiunto: «c’era il demonio in casa».

Marito e moglie avevano frequentato un chiesa evangelica, prima di lasciare la congregazione, continuando però a partecipare ed ospitare incontri di preghiera. I profili social di Barreca sono tappezzati di immagini sacre e post a carattere religioso. Pare che avesse iniziato a seguire le prediche di un autoproclamato «ministro di Cristo» che vanta poteri taumaturgici ed esorcizzanti. Dopo la sua conversione, avvenuta in periodo pandemico, ha cominciato a peregrinare nel Mezzogiorno, organizzando raduni di ed eventi. Sostiene di poter guarire il cancro con la preghiera e di praticare rituali che scacciano il demonio, spesso trasmessi in diretta su TikTok, dove ha radunato 5 mila follower.

I due fermati, Sabrina Fino e Massimo Caradente, sono accusati di omicidio plurimo e soppressione di cadavere. Avrebbero conosciuto Barreca durante gli incontri di preghiera di una chiesa evangelica e, secondo le prime ipotesi formulate, farebbero parte della stessa setta e sarebbero stati loro ad istigarlo a compiere il pluriomicidio consumatosi in provincia di Palermo, partecipandovi materialmente. A loro gli inquirenti sono arrivati in seguito all’analisi del cellulare del reo confesso.

Continua a leggere

Attualità

Gino Cecchettin si è affidato ad un’agenzia di comunicazione londinese: libro o fiction in cantiere?

Pubblicato

il

gino cecchettin profilo x

Gino Cecchettin, padre di Giulia, la ragazza rimasta vittima di un terribile femminicidio, ha lasciato il suo lavoro e si è affidato ad un’agenzia di comunicazione che segue autori di libri e serie tv. La sua nuova agente: «ora ha bisogno di riposare».

Gino Cecchettin potrebbe scrivere un libro o curare la sceneggiatura di una serie tv sulla terribile vicenda capitata alla figlia Giulia. E’ questa l’ipotesi che in queste ore circola dopo che è stata diramata la notizia secondo la quale il padre della vittima del terribile femminicidio che ha sconvolto il Paese si è affidato ad un’agenzia di comunicazione. La Andrew Nurberg Associates di Londra, che segue appunto autori di libri e fiction.

Barbara Barbieri, la sua nuova agente, però smentisce: «Il signor Cecchettin ha bisogno di riposare» fa sapere la manager, che prosegue rendendo noto per ora si limita ad aiutarlo a gestire la sua immagine ed i rapporti con la stampa: «Al momento lo sto solo aiutando a gestire i tanti inviti che riceve quotidianamente».

Tuttavia, secondo molti osservatori Gino Cecchettin si sarebbe affidato ad un’agenzia di comunicazione perché sarebbe invece in procinto di mettersi all’opera su una fatica letteraria, un libro o una fiction appunto. Nei mesi scorsi dopo ha lasciato il suo lavoro, come lui stesso ha reso noto sul proprio profilo Linkedin, ed in diverse interviste ha parlato di coler intraprendere un nuovo «impegno civico», col quale aiutare «chi si trovi nella stessa situazione di Giulia».

La vicenda è destinata a sollevare polemiche ed opinioni contrastanti, dopo le polemiche che già hanno investito Cecchettin a causa dei suoi presunti vecchi tweet, dei quali però ha negato la paternità.

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Osservatore Quotidiano è un prodotto editoriale di Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore : Antonio Villella | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Alba Adriatica (TE) via Vibrata snc, 64011 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€ | Alcune delle immagini interamente o parzialmente riprodotte in questo sito sono reperite in internet. Qualora violino eventuali diritti d'autore, verranno rimosse su richiesta dell'autore o detentore dei diritti di riproduzione.