fbpx
Seguici su

Mondo

Poliziotto spara e uccide un ragazzino disarmato, nuove polemiche in USA

Pubblicato

il

poliziotto uccide ragazzino

Un ragazzino scappa. Viene raggiunto da un poliziotto. Alza le mani, pare volersi arrendere. Il poliziotto spara. Adam Toledo, 13 anni, di origini latinoamericane, si accascia. Morirà poco in ospedale. I fatti risalgono allo scorso 29 marzo e sono accaduti a Chicago, Illinois. Ma il video del momento in cui il poliziotto uccide ragazzino, è stato diffuso soltanto poche ore fa dalla polizia, dopo incessanti pressioni da parte della famiglia. Ha già, ovviamente, fatto il giro del mondo.

In base alla ricostruzione della polizia Adam era armato. Nelle immagini immortalate dalla bodycam (la telecamere indossata da tutti gli agenti di polizia) e da un sistema di videosorveglianza della zona, si vede però che nel momento in cui il poliziotto uccide il ragazzino, questi ha le mani alzate. Forse poco prima ha occultato nei cespugli lì vicino una pistola, poi ritrovata sulla scena, ma nel momento in cui il poliziotto gli intima di voltarsi a mani alzate, Adam si volta a mani alzate, disarmato. In quel preciso istante l’agente gli spara.

La polizia è giunta sul posto attirata dal rumore di alcuni colpi d’arma da fuoco. Quando sono arrivati hanno trovato Adam Toledo in compagnia di un ragazzo di poco più grande, Ruben Roman di 21 anni, che sarebbe il responsabile degli spari e che è stato arrestato per detenzione illegale di arma da fuoco. Alla vista degli agenti i due giovani si sono dati alla fuga. L’epilogo è noto.

Il poliziotto che aperti il fuoco ha immediatamente prestato soccorso il giovane e chiamato l’ambulanza, ma non c’è stato niente da fare. Nuove polemiche quindi investono la polizia statunitense, a pochi giorni dall’uccisione di un ragazzo nero, Duante Wright, nella città di Minneapolis, dove è in corso il processo all’agente che un anno fa ha ucciso George Floyd, scatenando proteste in tutti il paese.

Potete trovare il video integrale rilasciato dalle autorità statunitensi al seguente link. Si tratta però di immagini molto forti e cruente, che potrebbero turbare la sensibilità di chiunque, pertanto procedete solo se siete maggiorenni e consapevoli che ciò che state per vedere potrebbe disturbarvi.

Mondo

Dal carcere al reality: Anna Sorokin, la truffatrice che ha ingannato New York

Pubblicato

il

anna-sorokin-delvey-s-dinner-club-reality-show

Si chiamerà Delvey’s Dinner Club il reality show che Anna Sorokin, divenuta celebre come Anna Delvey, condurrà dall’appartamento nel quale sta finendo di scontare i domiciliari. Fingendosi una ricca ereditiera, riuscì ad introdursi nella società newyorkese e a farsi prestare ingenti somme di denaro. Accumulato debiti per 200 mila dollari. Nello show che condurrà tanti vip saranno suoi ospiti a cena: tra i primi nomi resi noti Madonna, Elon Musk e Marina Abramovic.

Anna Sorokin, torna a far parlare di sé, questa volta col suo vero cognome, anche se non rinuncia all’alias che l’ha resa celebra prima e detenuta poi. La trentunenne di origine russe che è riuscita a introdursi nell’alta società newyorkese fingendosi la rampolla di una ricca famiglia e a farsi prestare centinaia di migliaia di dollari a persone, società e banche, terminati i domiciliari condurrà un reality show.

La location è proprio l’appartamento in cui sta finendo di scontare la misura cautelare. Il titolo del reality è anch’esso indicativo: Delvey’s Dinner Club, che prende il nome dall’identità fasulla usata della Sorokin: Anna Delvey. Con questo nome ha accumulato 200 mila dollari di debiti. Scoperta nel 2017, è stata arrestata ed ha trascorso un periodo in carcere.

Recentemente la sua storia è tornata alla ribalta anche grazie ad una serie tv Netflix. La piattaforma ha infatti acquisiti i diritti sulla vita di Anna Sorokin per 320 mila dollari. Denaro che lei però non vedrà mai perché in base ad una legge statunitense spetta alle vittime delle truffe.

Nel reality show di Anna Sorokin ospiterà diversi vip a cena nella sua lussuosa casa ubicata nell’East Village. Tra i nomi già resi noti alla stampa, quelli di Madonna, Elon Musk e Marina Abramovic.

Continua a leggere

Mondo

Il Giorno della Memoria di Putin: «in Ucraina crimini neonazisti»

Pubblicato

il

discorso-Putin-mobilitazione-parziale-esercito

Putin incontra i vertici delle comunità ebraiche in Russia e ribadisce che in Ucraina sono stati compiuti crimini neonazisti.

Ogni scusa è buona per legittimare un’operazione speciale, che in realtà è una guerra d’invasione, specie se ricade il Giorno della Memoria e il pretesto scelto per giustificare lo sconfinamento è la volontà di sconfiggere presunti nazisti. Per questo Vladmir Putin non si è lasciato sfuggire una così ghiotta occasione: all’incontro con i vertici delle comunità ebraiche russe, ricevute al Cremlino in occasione del Gorno della Memoria, ha nuovamente parlato di «crimini neonazisti» in Ucraina.

Dopo 11 mesi di conflitto è ancora scentro totale tra Russia e Ucraina, sia sul campo che nelle schermaglie verbali. Non si intravedono spiragli che lasciano sperare in un cessate il fuoco, anzi già si temono gli effetti della tanto annunciato controffensiva di primavera, quando lo scontro potrebbe inasprirsi ulteriormente. Putin, che ha mobilitato nuove truppe, secondo diversi analisti internazionali potrebbe lanciare un più convinto attacco al Donbass dopo l’inverno.

Per tale motivo, in questo periodo il tema caldo in politica estera è la fornitura di carri armati di nuova tecnologia all’Ucraina. Nei giorni scorsi ha fatto discutere la decisione relativa all’invio di carri Abrahams dagli Stati Uniti e Leopard da diversi Paesi. Russia che afferma di non sentirsi intimorita e che rilancia le teorie dello scontro frontale cercato dal blocco occidentale. Sull’argomento il portavoce del Cremlino Peskov ha affermato che Biden potrebbe porre fine alla guerra in ogni momento poiché detiene «la chiave del governo di Kiev», ma «non vuole usare questa chiave: al contrario, sceglie la strada per pompare ulteriormente armi in Ucraina».

Continua a leggere

Mondo

Meta reintegra Trump dopo la sospensione di due anni

Pubblicato

il

perquisita la residenza Donald Trump in Florida

Nick Clegg, il presidente dei global affairs di Meta, ha spiegato che gli account Facebook e Instagram di Trump, sospesi due anni fa dopo l’assalto al Congresso, saranno riattivati: «non vogliamo intralciare il dibattito». L’ex presidente, che su Twitter non è tornato dopo il reintegro, tuona su Truth, il suo nuovo social preferito: «non sarebbe mai dovuto accadere».

La sospensione è finita. Dopo 2 anni l’influencer Donald Trump potrà tornare a postare per i suoi follower sui social di Meta, Facebook ed Instagram. Gli account dell’ex presidente degli Stati Uniti d’America furono sospesi in seguito all’attacco al Congresso, nel 2021. Nick Clegg, il presidente dei global affairs di Meta, ha affermato: «In via generale non vogliamo intralciare il dibattito sulle nostre piattaforme, soprattutto in un contesto di elezioni democratiche. Il pubblico deve essere in grado di ascoltare quello che i politici hanno da dire – il bello, il brutto e il cattivo – in modo da poter effettuare scelte informate ai seggi».

In merito alla sospensione Clegg ha spiegato che si trattava di una «decisione straordinaria presa in circostanze straordinarie» e che il reintegro di Trump su Meta «non vuol dire che non vi sono limiti a quello che si può dire sulla nostra piattaforma. Quando c’è un rischio chiaro di danni al mondo reale allora agiamo».

«Non sarebbe mai dovuto accadere a un presidente in carica» tuona su Trump su Truth, il social sul quale si è spostato dopo la sospensione da Meta e Twitter. Anche il social dei cinguettii l’ha reintegrato, ma Trump non ha ancora riattivato il proprio profilo. Con l’avvicinarsi dell’appuntamento elettorale del 2024 però, è probabile che Trump decida di riattivare i suoi account per rivolgersi ad una platea superiore.

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Osservatore Quotidiano è un prodotto editoriale di Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore : Antonio Villella | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Alba Adriatica (TE) via Vibrata snc, 64011 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€ | Alcune delle immagini interamente o parzialmente riprodotte in questo sito sono reperite in internet. Qualora violino eventuali diritti d'autore, verranno rimosse su richiesta dell'autore o detentore dei diritti di riproduzione.