fbpx
Seguici su

Mondo

Riesplode il problema del razzismo nella polizia in USA: afroamericano ucciso con un colpo alla nuca

Pubblicato

il

Frank Lyoya ucciso dalla polizia in USA

Patrick Lyoya, 26 anni originario della Repubblica Democratica del Congo, è stato ucciso da un poliziotto nel Michigan, in seguito ad una breve colluttazione. Quando si trovava a terra, sovrastato dall’agente, è stato ucciso con un colpo alla nuca.

Gli Stati Uniti sono di nuovo alle prese con un caso che rischia di far riaffiorare tensioni sociali mai superate e che riproporne il problema del razzismo tra gli agenti di polizia. L’episodio in questione presenta analogie con quello di George Floyd, l’afroamericano ucciso a Minneapolis da un poliziotto, asfissiato mentre era ammanettato. Questa volta però il fatto è avvenuto in Michigan, a Grand Rapids e la vittima, Patrick Lyoya, è stata uccisa con un colpo alla nuca.

Patrick Lyoya aveva 26 anni ed era originario della Repubblica Democratica del Congo. Il 4 aprile scorso è stato fermato per un controllo stradale, dal momento che la targa del veicolo sul quale viaggiava non corrispondeva. Lyoya ha tentato la fuga, ma è stato subito placcato dall’agente, con il quale è scaturita una colluttazione. Durante lo scontro il poliziotto, la cui identità non è stata resa nota, ha cercato di utilizzare il taser, senza riuscirci forse perché fermato dallo stesso Lyoya, o forse perché il dispositivo non ha funzionato. Dopo un corpo a corpo durato 90 interminabili secondi, l’agente, che sembrava avesse finalmente avuto la meglio sul sospettato, ha estratto l’arma, l’ha puntata alla nuca dell’uomo a terra ed ha fatto fuoco.

L’episodio è avvenuto il 4 aprile scorso e ieri il capo della polizia di Grand Rapids, Eric Winston, ha autorizzato la diffusione dei video immortalati da una persona che si trovava nel mezzo insieme alla vittima e dalla body cam in dotazione all’agente. Nel primo filmato si sente distintamente il poliziotto dire «lascia il taser» qualche istante prima che estraesse la pistola d’ordinanza.

Patrick Lyoya era arrivato negli Stati Unirti insieme alla famiglia e d aveva ottenuto lo status di rifugiato politico. Dopo la sua morte decine di persone si sono radunate nel centro di Grand Rapids per protestare contro quella che definiscono un’esecuzione. Non a caso come punto di incontro è stata scelta la piazza intitolata a Rosa Parks, la donna che rifiutò di cedere il posto sull’autobus ad un bianco, diventando il simbolo della lotta per i diritti civili. Da qui i manifestatnti si sono spostati sotto la sede del dipartimento di polizia. La protesta si è svolta in maniera pacifica e lo slogan maggiormente ripetuto, e scritto su cartelloni e manifesti, è stato ancora una volta «Black Lives Matter».

Mondo

Prosegue l’esodo da Downing Street: Johnson starebbe per cedere, salgono le quotazioni di Liz Truss

Pubblicato

il

Non si ferma la fuga di ministri, viceministri e sottosegretari del governo britannico di Boris Johnson, che, dopo essere stato travolto da diversi scandali, pare giunto oramai al capolinea e prossimo alle dimissioni, secondo quanto riportato dai media d’oltre Manica.

Il governo di Boris Johnson sembrerebbe arrivato al termine ed anche il Primo Ministro oramai sarebbe prossimo alle dimissioni. Gli scandali che l’hanno investito e che sono andati gradualmente moltiplicandosi ed ingigantendosi, alla fine si sono rivelati irrisolvibili. E se Boris Johnson ha fatto di tutto per andare avanti nonostante tutto, chi era intorno a lui, più o meno vicino, ha deciso di dare un segnale forte. Una raffica di dimissioni di ministri, vice-ministri e funzionari, un vero e proprio esodo politico che ha messo Johnson con le spalle al muro. Solo ieri, sono state 40 le dimissioni presentate. Mai si era vista una cosa simile nel Regno Unito.

Il Primo Ministro aveva affermato di non aver intenzione di seguire questo esempio e che la sua elezione è stata giustificata da milioni di voti, ma oramai sembra inevitabile. L’ultimo ad abbandonare in ordine di tempo, Brandon Lewis, ministro per L’Irlanda del Nord. Si tratta solo dell’ultimo pezzo che viene a mancare, in una castello di carte carte ormai crollato. Ieri, tra i fuoriusciti, anche Michael Gove, il braccio destro di Boris Johnson, che con lui si è speso tantissimo ai tempi della campagna della Brexit e che ora ricopriva il ruolo di ministro della Coesione Territoriale. Alcune indiscrezioni della stampa sostengono che lo stesso Gove abbia consigliato a Johnson di gettare la spugna e presentare le dimissioni.

E sempre secondo quanto pubblicato dai giornali britannici, Jhonson avrebbe infine preso atto della fine del suo mandato. Avrebbe avuto una «telefonata di cortesia» con la Regina, nella quale gli avrebbe comunicato le sue intenzioni, e stasera dovrebbe parlare alla nazione. Secondo quanto trapelato sarebbe sua intenzione al momento, dimettersi solo da leader del partito conservatore, mantenendo ad interim la carica di Primo Ministro fino all’autunno. Ipotesi questa, che trova la netta opposizione dei Tory che starebbero già cercando il sostituto. Il nome che si fa con maggiore insistenza in queste ore è quello di Liz Truss, ministra degli Esteri, spesso definita la “nuova Tatcher”, mentre scendono le quotazioni di Rishi Sunak, travolto anch’egli da uno scandalo legato al pagamento delle tasse.

Continua a leggere

Attualità

Cile, riceve per errore 330 volte lo stipendio: si dimette e fugge

Pubblicato

il

SANTIAGO DEL CILE – Ha ricevuto dalla sua azienda uno stipendio 330 volte superiore al dovuto. Invece di restituirli, lui ha preso i soldi ed è fuggito e al momento risulta irreperibile.

Come riporta l’Ansa, l’incredibile vicenda è accaduta in Cile: il dipendente, un assistente alla spedizione dell’azienda Consorcio Industrial de Alimentos, tra le maggiori produttrici di carne e salumi del Paese, ha ricevuto a maggio ben 165.398.851 (quasi 170 mila euro), invece dei consueti 500 mila pesos mensili (poco più di 500 euro, al cambio attuale). Secondo quanto scrive il quotidiano locale Diario Financiero, l’uomo ha inizialmente allertato il suo manager dell’errore.

Il manager ha poi segnalato la vicenda all’ufficio delle risorse umane che quindi ha chiesto al lavoratore di recarsi presso la sua banca e restituire il denaro extra. L’impiegato prima ha accettato di andare in banca, ma poi si è tenuto i soldi e ha ignorato le comunicazioni del suo datore di lavoro. Ha poi dato le dimissioni attraverso una lettera inviata alla società dal suo legale. Da allora non si hanno più notizie. L’azienda ha sporto denuncia contro il suo dipendente, sostenendo che si è appropriato indebitamente di fondi, ma finora non è stato effettuato nessun arresto. 

Continua a leggere

Cronaca

Estradato dal Brasile Rocco Morabito: il boss della ‘ndrangheta deve scontare 30 anni

Pubblicato

il

estradato Rocco Morabito

Rocco Morabito, boss della ‘ndrangheta di 56 anni, considerato uno dei maggiori trafficanti di droga al mondo, è stato estradato dal Brasile ed è atterrato a Roma, dove è stato arrestato.

Questa mattina è atterrato a Ciampino l’aereo che ha riportato in Italia il boss della ‘ndrangheta Rocco Morabito, che deve scontare una condanna definitiva a 30 anni. Rocco Morabito è stato estradato dal Brasile, dove era stato arrestato il 25 maggio del 2021, in seguito ad un’operazione congiunta della polizia federale brasiliana, dei carabinieri del ROS di Reggio Calabria e con il supporto del Servizio di Cooperazione Internazionale di Polizia – progetto I-CAN e dalle agenzie statunitensi DEA e FBI.

Morabito, considerato uno dei maggiori trafficanti di droga a livello mondiale, era stato inserito nella lista dei latitanti più pericolosi, secondo solo al boss di Cosa Nostra Matteo Messina Denaro. Ha costruito il suo impero sulla cocaina ed ha stretto contatti in tutto il Sud America. Già arrestato una volta, in Uruguay, riuscì a fuggire, sfruttando i controlli deboli e ungendo i giusti ingranaggi. Venne poi intercettato in Brasile, a João Pessoa, in compagnia di un altro latitante di ‘ndrangheta, Vincenzo Pasquino.

Completate le procedure di rito, Rocco Morabito è stato estradato dal Brasile ed è tornato in Italia dopo trent’anni. Altrettanti dovrà scontarne in carcere, in regime di detenzione dura.

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Osservatore Quotidiano è un prodotto editoriale di Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore Vicario: Antonio Villella | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Alba Adriatica (TE) via Vibrata snc, 64011 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€ | Alcune delle immagini interamente o parzialmente riprodotte in questo sito sono reperite in internet. Qualora violino eventuali diritti d'autore, verranno rimosse su richiesta dell'autore o detentore dei diritti di riproduzione.