fbpx
Seguici su

Uncategorized

Uccise due manifestanti antirazzisti, assolto 18enne negli Usa: polemiche

Pubblicato

il

WASHINGTON – Una sentenza che rischia di riaccendere le tensioni razziali negli Stati Uniti. Kyle Rittenhouse, il 18enne accusato di aver ucciso con un fucile due persone e di averne ferita una terza durante le proteste razziali nell’estate del 2020 a Kenosha, in Wisconsin, è stato dichiarato non colpevole dalla giuria per tutte le imputazioni.

Il giovane, che all’epoca dei fatti aveva 17 anni, ha sostenuto di aver agito per legittima difesa contro i manifestanti. Il 25 agosto 2020, in vista di una manifestazione di protesta a Kenosha per il ferimento dell’afroamericano Jacob Blake, il ragazzo era arrivato dall’Illinois armato di fucile d’assalto con l’intento di proteggere alcune proprietà dal rischio di vandalismo. Durante le tensioni di piazza, Rittenhouse uccise due persone e ne ferì una terza. Il ragazzo ha sempre sostenuto di aver agito per legittima difesa, spaventato dall’idea che lo volessero aggredire. Il verdetto era atteso da tre giorni.

Mentre Trump si è congratulato con il giovane, il presidente Usa Joe Biden ha fatto un appello alla calma dopo l’assoluzione del giovane. Il verdetto ha fatto “precipitare numerosi americani nella collera e nell’inquietudine, me compreso”, ha dichiarato in un comunicato. Ma, ha aggiunto: “Faccio appello a tutti a esprimere le proprie opinioni pacificamente, nel rispetto della legge”. “Se da una parte il verdetto a Kenosha lascerà molti americani arrabbiati e preoccupati, me incluso, dall’altro dobbiamo riconoscere che la giuria ha parlato”, afferma in una nota. “Ho corso – prosegue – con la promessa di riunire l’America, perché credo che ciò che ci unisce è di gran lunga più grande di quello che ci divide. So che non guariremo le ferite del nostro Paese da un giorno all’altro ma resto saldo nel mio impegno a fare tutto quello che è in mio potere per garantire che ogni americano sia trattato equamente, con correttezza e dignità, secondo la legge”.

Uncategorized

Mondiali, l’ambasciatore del calcio del Qatar: “Omosessualità è danno psichico”

Pubblicato

il

BERLINO – Un “danno psichico”, così l’ambasciatore dei Mondiali del calcio del Qatar, Khalid Salman ha definito l’omosessualità, nel corso di un’intervista rilasciata alla emittente televisiva tedesca Zdf. Il colloquio, anticipato da alcuni media e dalla stessa tv,è andato in onda ieri sera alle 20.15, nell’ambito di un documentario sul “Qatar segreto”.

“Durante i mondiali di calcio arriveranno molte cose nel nostro Paese. Parliamo dei gay – ha detto Salman -. La cosa più importante è la seguente: tutti accetteranno che vengano nel nostro Paese. Ma loro dovranno accettare le nostre regole”. Nella sua prospettiva, l’omosessualità “è un danno psichico”. L’intervista è stata subito interrotta dal portavoce del comitato organizzativo dei Mondiali.

Come riporta l’Ansa, le reazioni però non hanno tardato ad arrivare. La ministra dell’Interno tedesca, Nancy Faeser, ha definito le dichiarazioni “orribili”. A Zurigo, in Svizzera, invece la comunità Lgbt+ ha organizzato una manifestazione di fronte al Museo Fifa, per sensibilizzare sulla situazione dei diritti umani nel Paese.

Continua a leggere

Uncategorized

Sbarca in Italia la “settimana corta”: 4 giorni di lavoro, che durano un’ora in più

Pubblicato

il

intesa-san-paolo-sperimenta-la-settimana-lavorativa-corta

La proposta ai propri dipendenti arriva da Intesa San Paolo: settimana lavorativa corta, da 4 giorni, ma con turni da 9 anziché da 8 ore. Modelli simili sono già stati introdotti in altri Paesi, soprattutto in nord Europa. Attesa per oggi la risposta dei sindacati.

Se oggi arrivasse il via libera da parte delle sigle sindacali, Intesa San Paolo introdurrebbe la settimana lavorativa corta. Solo 4 giorni di lavoro, ma della durata di 9 ore e non più 8. In questo modo i dipendenti della banca rientrerebbero nelle 36 ore settimanali già previste dal contratto dei bancari. Perché l’atto possa tradursi in pratica serve l’ok dei sindacati.

Sindacati che di base sono d’accordo, ma vorrebbero estendere la nuova formula a tutti i dipendenti. La proposta di Intesa San Paolo infatti riguarda solo gli impiegati degli uffici, mentre le sigle sindacali vorrebbero includere anche quelli delle filiali.

Comunque sia la proposta rappresenta uno spartiacque. Si tratterebbe del primo esperimento in tal senso in Italia, mentre altrove è già stato testato. L’ultima in ordine tempo è stata la Gran Bretagna, mentre precedentemente Islanda, Svezia, Danimarca, Norvegia ed altri paesi del nord hanno sperimentato formule simili. In molti casi i risultati sono stati positivi, con un aumento della produttività e una maggior serenità dei lavoratori.

Se i sindacati di Intesa San Paolo daranno il proprio assenso, sarà la volta dell’Italia a sperimentare la settimana corta lavorativa. Il personale potrebbe variare le giornate lavorate da lunedì a venerdì, compatibilmente all’organizzazione del proprio ufficio, e recarsi al lavoro solo quattro giorni alla settimana.

Continua a leggere

Uncategorized

Una nuvola di metano sopra Norvegia e Svezia: è il gas fuoriuscito da Nord Stream

Pubblicato

il

gasdotto nuvola metano su Svezia e Norvegia

Mentre continua il fuoco incrociato delle accuse reciproche tra blocco occidentale e Russia sulle responsabilità per il guasto ai gasdotti Nord Stream, il gas fuoriuscito ha prodotto una nuvola di metano sopra Norvegia e Svezia.

Potrebbero essere circa 40 mila le tonnellate di metano che aleggiano sopra Svezia e Norvegia, una gigantesca nuvola di gas composta da quanto fuoriuscito dai gasdotti Nord Stream 1 e 2. Lo riferiscono i media norvegesi e svedesi che parlano di livelli di metano record. La quantificazione l’ha fatta Stephen Matthew Platt, scienziato del clima presso l’istituto norvegese di ricerca sull’aria Nilu che ha detto: «le emissioni corrispondono al doppio di quelle annuali di metano dell’industria petrolifera e del gas in Norvegia. Sono livelli record, mai visto niente di simile prima in Norvegia e Svezia».

Intanto continua lo scambio di reciproche accuse sul sospetto sabotaggio, che potrebbe avere messo fuori gioco per sempre il gasdotto che dalla Russia porta il metano in Germania. Mentre i russi affermano di essere in possesso di «materiale» che proverebbe la responsabilità di un non meglio precisato Occidente, propria dalla Germania arrivano accuse secondo le quali sarebbe stata un’esplosione innescata da un drone sottomarino russo a provocare la perdita. Le acque del Mar Baltico, restano bollenti.

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Osservatore Quotidiano è un prodotto editoriale di Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore Vicario: Antonio Villella | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Alba Adriatica (TE) via Vibrata snc, 64011 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€ | Alcune delle immagini interamente o parzialmente riprodotte in questo sito sono reperite in internet. Qualora violino eventuali diritti d'autore, verranno rimosse su richiesta dell'autore o detentore dei diritti di riproduzione.