fbpx
Seguici su

Uncategorized

Nave con 558 migranti accolta dall’Italia. Salvini: “Non abbiamo più dignità”

Pubblicato

il

ROMA – Un altro sbarco di migranti sulle coste italiane: andranno ad Augusta i 558 naufraghi soccorsi dalla Geo Barents di Medici Senza Frontiere. È la cittadina del Siracusano, infatti, il porto sicuro di sbarco assegnato alla nave di Msf. A bordo ci sono anche 145 minori, di cui l’80 per cento non accompagnati, e 3 donne incinte, una all’ottavo mese di gravidanza. Sei bimbi hanno meno di 4 anni. Finisce così l’attesa per i naufraghi soccorsi nei giorni scorsi nel Mediterraneo centrale. Molti hanno ustioni da carburante, infezioni respiratorie e ferite legate alle violenze subite.

Ed è subito scattata la polemica politica: «Nave norvegese con 558 clandestini a bordo in arrivo dove? In Italia, ovviamente… Che il 2022 riporti dignità e sovranità al nostro Paese! P.S. Il 21 gennaio a processo per aver bloccato gli sbarchi ci vado io… ». Così il leader delle Lega Matteo Salvini commenta su Twitter la notizia riguardante la nave Geo Barents .

«Il ministro Lamorgese dovrebbe cambiare intestazione al dicastero che guida. Da Interno a Invasione. Non diversamente si può qualificare il suo operato in questi anni di governo, un quotidiano resoconto di via libera ad approdi di navi carichi di migranti». Lo afferma Fabio Rampelli, deputato di Fratelli d’Italia e vicepresidente della Camera. «Sul nuovo caso con 558 migranti in arrivo ad Augusta, un numero davvero esorbitante che si aggiunge agli sbarchi incessanti delle ultime settimane, il ministro venga in Aula a riferire».

Uncategorized

Frosinone, positiva al Covid va al supermercato. Ma incontra il medico che le ha fatto il tampone

Pubblicato

il

aumento dei casi asintomatici covid 19

FROSINONE – Una donna positiva al Covid ha violato l’isolamento domiciliare ed è andata al supermercato. Nel market, però, ha incontrato il medico che le aveva fatto il tampone. E’ accaduto a Cassino, in provincia di Frosinone.

Come riporta Il Messaggero, il dottore l’ha riconosciuta ed è andato su tutte le furie. La donna, che è stata segnalata all’autorità competente, si è giustificata dicendo: “Non avevo nessuno che potesse farmi la spesa“.

Il dottore ha subito rimproverato la donna e in poco tempo, tra i corridoi del supermercato, si è scatenato il parapiglia. “Dovete avere rispetto del prossimo e non pensare che questo virus sia una passeggiata. Uscire di casa pur essendo positivi vuol dire diffondere la malattia“, ha scritto il medico sui social network dopo aver raccontato la vicenda.

In seguito alla scoperta, il negozio è stato sanificato.

Continua a leggere

Uncategorized

Selvaggia Lucarelli aggredita alla manifestazione no vax di Roma

Pubblicato

il

Ennesimo sabato di proteste contro il green pass, lo scorso 20 Novembre a Roma. La giornalista Selvaggia Lucarelli, che stava realizzando un reportage, è stata aggredita e colpita da una testata.

Selvaggia Lucarelli aggredita al Circo Massimo, durante l’imponente manifestazione no vax in cui gli organizzatori puntavano a radunare un milione di persone. La giornalista ha pubblicato su Twitter il video che documenta l’aggressione. La manifestazione più attesa era prevista al Circo Massimo, dove gli organizzatori puntavano a portare un milione di persone.

Un uomo si rivolge alla giornalista in modo minaccioso prima di rifilarle una testata. La Lucarelli afferma: «sono andata al Circo Massimo per la manifestazione no vax con cappello, occhiali, mascherina. Nessuno sapeva chi fossi. Per il solo chiedere “perché è qui oggi? sono stata aggredita in ogni modo possibile» dice la giornalista, che conclude: «aggiungo che tutto questo è stato possibile grazie alla totale assenza delle forze dell’ordine nell’area del circo massimo».

Selvaggia Lucarelli è stata aggredita da un uomo, R. D. B., un insegnante di pugilato. Come si apprende dai suoi canali social, è un fervente sostenitore delle piazze no green pass e ha partecipato a diverse manifestazioni contro il certificato verde. L’uomo sarà denunciato dalla Lucarelli per l’aggressione subita sabato alla manifestazione: «denuncerò», ha scritto la giornalista, che fa sapere che il video integrale dell’aggressione sarà pubblicato su Domani. 

Anche una barista è stata aggredita per aver chiesto di esibire il Green pass prima di entrare in un locale. Alla manifestazione era presente anche il medico Mariano Amici che sul palco ha aggiunto: «visto il numero dei partecipanti qui qualcuno dovrebbe iniziare a preoccuparsi. Ci hanno fatto credere che questa malattia chiamata Covid fosse come la peste ma non è vero. Un teatrino basato su presupposti assolutamente antiscientifici. I numeri sono non reali. Al governo non interessa la salute dei cittadini, ma gli interessa far vedere che ci sono i morti per governare in maniera dittatoriale».

Continua a leggere

Uncategorized

Uccise due manifestanti antirazzisti, assolto 18enne negli Usa: polemiche

Pubblicato

il

WASHINGTON – Una sentenza che rischia di riaccendere le tensioni razziali negli Stati Uniti. Kyle Rittenhouse, il 18enne accusato di aver ucciso con un fucile due persone e di averne ferita una terza durante le proteste razziali nell’estate del 2020 a Kenosha, in Wisconsin, è stato dichiarato non colpevole dalla giuria per tutte le imputazioni.

Il giovane, che all’epoca dei fatti aveva 17 anni, ha sostenuto di aver agito per legittima difesa contro i manifestanti. Il 25 agosto 2020, in vista di una manifestazione di protesta a Kenosha per il ferimento dell’afroamericano Jacob Blake, il ragazzo era arrivato dall’Illinois armato di fucile d’assalto con l’intento di proteggere alcune proprietà dal rischio di vandalismo. Durante le tensioni di piazza, Rittenhouse uccise due persone e ne ferì una terza. Il ragazzo ha sempre sostenuto di aver agito per legittima difesa, spaventato dall’idea che lo volessero aggredire. Il verdetto era atteso da tre giorni.

Mentre Trump si è congratulato con il giovane, il presidente Usa Joe Biden ha fatto un appello alla calma dopo l’assoluzione del giovane. Il verdetto ha fatto “precipitare numerosi americani nella collera e nell’inquietudine, me compreso”, ha dichiarato in un comunicato. Ma, ha aggiunto: “Faccio appello a tutti a esprimere le proprie opinioni pacificamente, nel rispetto della legge”. “Se da una parte il verdetto a Kenosha lascerà molti americani arrabbiati e preoccupati, me incluso, dall’altro dobbiamo riconoscere che la giuria ha parlato”, afferma in una nota. “Ho corso – prosegue – con la promessa di riunire l’America, perché credo che ciò che ci unisce è di gran lunga più grande di quello che ci divide. So che non guariremo le ferite del nostro Paese da un giorno all’altro ma resto saldo nel mio impegno a fare tutto quello che è in mio potere per garantire che ogni americano sia trattato equamente, con correttezza e dignità, secondo la legge”.

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Osservatore Quotidiano è un prodotto editoriale di Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore Vicario: Antonio Villella | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Martinsicuro (TE) via metauro 10/A, 64014 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€ | Alcune delle immagini interamente o parzialmente riprodotte in questo sito sono reperite in internet. Qualora violino eventuali diritti d'autore, verranno rimosse su richiesta dell'autore o detentore dei diritti di riproduzione.