fbpx
Seguici su

Politica

Elezioni Comunali a Salerno

Pubblicato

il

Elezioni a Salerno, il sindaco uscente Vincenzo Napoli, il 3 e 4 ottobre prossimi avrà i seguenti sfidanti Oreste AgostoMaurizio BassoElisabetta BaroneAntonio CammarotaGianpaolo LambiaseMichele SarnoSimona Libera Scocozza e Anna Maria Minotti. 

LISTE CANDIDATI SINDACO E CONSIGLIO COMUNALE A SALERNO

Candidato sindaco Vincenzo Napoli

Lista “Progressisti per Salerno” – Amendola Marianna, Caggiano Valeria, Caporaso Sandro, Caramanno Angelo, Cocozza Lidia Stefania detta Stefania, Collina Fabiana, Cosentino Vittoria, De Caro Antonietta, D’Elia Manuela, Della Greca Luigi Carmelo detto Gigino, De Maio Domenico detto Mimmo, De Martino Sergio, De Mattia Maria, Di Pasquale Marco, Fiore Antonio, Francese Alessandra, Galdi Rocco, Guerra Ermanno, Lamberti Giovanni, Lambiase Agostino, Loffredo Dario, Lo Iudice Rosaria detta Rosalba, Luise Francesco Paolo, Petrone Sara, Rago Alfonsina, Romano Claudio, Scannapieco Rosa, Sorrentino Luca, Stabile Eugenio, Tancredi Chiara, Trivisone Luigia detta Luisella, Vigilante Gianmarco.

Lista “Salerno per i giovani” – Capone Donato, Carpentieri Rossella, Celestino Francesco, Ciancio Nicola, D’Amato Mario, D’Andrea Giuseppe detto Pino, D’Andria Valeria
Della Valle Aniello detto Nino, Del Pizzo Luca, De Martino Stefania, De Roberto Paola, De Santo Gaetano, Desiderio Emilio, Di Carlo Horace, Di Fidio Giovanni, Fezza Jessica
Iannone Gennaro, Iervolino Rosita, Magaldi Ester, Marra Vincenzo, Memoli Gianluca, Miranda Alessandra, Mongiello Adriano, Pisapia Gianmarco, Polverino Fabio, Roscigno Giuseppe, Scognamiglio Claudia, Spirito Viviana, Squitieri Stefano, Striamo Raffaella, Vernieri Barbara, Viagi Mauro.

Lista “Salerno con voi” – Giuseppina Crescenzo, Lorenzo Cutillo, Carmen Dello Iacono, Massimo De Luca, Valentina Maria Rosaria Esposito, Alberto Faiello, Ernesto Falcone, Fabrizio Fontana, Simona Gargano, Alessandra Genovese, Fabrizio Giunti, Francesca Guzzo, Errico Lardieri, Veronica Larocca, Giovanni Linguadoca , Rossella Lubelli, Marco Maresca, Angela Marigliano, Francesco Martini, Luca Memoli, Maria Roberta Milione, Claudio Pastore, Ivan Petrosino, Lucio Pisano, Stefania Preziosi, Mirko Raiola, Cesare Sacco, Anna Santimone, Saba Santoro, Tea Luigia Siano, Vincenzo Valente e Luigi Vitolo.

Lista “Campania Libera” – Bagnara Feliciano, Barone Regina, Carbonaro Antonio, Casella Giuseppe detto Peppe, Chiaese Marina, Criscito Pasquale, De Concilio Carmine detto Nino, De Gennaro Carla, Della Monica Antonio, Di Filippo Gianpiero, Esposito Catello detto Lello, Ferrara Alessandro, Galdo Rosario, Garone Rossella, Giordano Vito, Grandinetti Antonietta detta Antonella, Iannelli Arturo, Iannuzzi Nicola, Liguori Giuseppe detto il guercio, Melchiorre Camillo, Memoli Pasqualina detta Paky, Petraglia Gaetana detta Tania, Piccininno Fabio, Porcelli Gianfranco, Punzo Rosa, Rizzo Rosita, Santoro Felice, Schiavo Sandra, Schiavone Sabrina, Sessa Domenico, Striano Rosaria, Telese Salvatore.

Lista “Europa Verde” – Abate Mario, Abate Samantha, Aliberti Emilia, Avallone Giovanna, Avossa Raffaella, Bracesco Massimo, Carlino Alberto, Cione Anna, Citro Luisa, Croce Raffaele, D’Andria Rosa, Dentale Ramona, De Simone Maurizio, Fantaccioni Francesco, Ferroro Alessandra, Gallo Paolo, Guzzo Vincenzo, Longo Alessandro, Marotta Fabrizio
Meo Maria Rosaria, Pfeifer Teresa, Perotti Monica, Pinto Luigi, Quaranta Marcello, Rallo Vita, Ricciardi Monica, Rossi Silvana, Sammartino Ciro, Sassano Anna, Traversi Giuseppe, Vitale Carmine, Ventura Maria Angela

Lista “Popolari e Moderati” – Amendola Michele, Beneduce Giovanni, Caputo Andrea, Caracciolo Gilda, Carrella Giovanni, De Angelis Maura, De Fazio Massimo, De Sio Vincenzo, Di Stefano Mario, Erra Graziano, Falcone Gaetana, Ferrara Graziella, Figliolia Barbara, Graziano Vincenzo, Ilardi Antonio, Landi Carmela, Landucci Alessia, La Padula Raffaele, Lomi Martina, Milanese Giovanni, Montemurro Adriano, Napoli Carmine, Pastore Pamela, Ruggiero Anthony, Sabbato Marco, Santoro Patrizia, Sorrentino Alfonso, Somma Guglielmo, Sossio Emilia, Vaccaro Gaetano, Vitolo Raffaele, Zitarosa Giuseppe.

Lista “Partito Socialista Italiano” – Avella Gennaro detto Rino, Calonico Pietro, Cardella Pietro, Carrozzo Danila, Cicalese Vittorio, Claps Licia, Di Domenico Sonia, Di Martino Cinzia, Di Popolo Filomeno Antonio, Fruscione Salvatore, Lanza Pasqualina detta Pasqua, Leone Errico, Lorito Alessio, Luongo Antonella, Mitidieri Maria Carmela detta Carmen, Mondany Morelli Veronica, Natella Massimiliano, Ottobrino Paolo, Pacifico Pietro, Rallo Antonio, Rinaldi Marina, Rinaldi Lucia, Ronca Massimo, Rosco Giovanni, Sabatino Maria Rosaria, Santaniello Annamaria, Santoro Cristian, Scannapieco Vincenza detta Cinzia, Venetucci Marco, Vitale Raffaele, Willburger Antonia detta Tonia, Zega Massimo detto Max.

Lista “Per Salerno” – Adinolfi Matteo, Bonfiglio Brunella, Caiazzo Gioita, Campanile Nicola, Cecere Morena, Ciriello Anna, Costantino Morena, Cuccurullo Francesco, Cuciniello Giuseppe detto Peppe, De Martini Vega, Del Piano Rosaria, Di Fiore Giuliana, Di Lallo Aniello Antonio Ciro detto Nello, Gallozzi Giuseppe detto Peppe, Grassi Paolo, Irace, Giuseppe detto Peppe, Lamberti Giuseppe detto Peppe, Lupinelli Alfredo, Mazzotti Ersilia, Olivieri Nunzio, Pappalardo Sandro, Porcaro Domenico, Raso Lorenzo, Santoro Valerio, Scannapieco Francesca, Sorice Domenico Pietro, Taglieri Ciro, Tancredi Giovambattista detto Battista, Tretola Giovanni, Vastola Emmanuela, Ventre Noemi, Ventura Simona.

Candidato sindaco Gianpaolo Lambiase

Lista “Salerno per tutti” – Bassano Nadia, Bianco Caterina, Bloch Rita, Braca Vincenza, Buonomo Alessandra, Carratù Laura, Crivelli Cristiano, Cuccurullo Alessia, D’Amato Sylvia, De Luca Aniello detto Nello, Ferrara Giovanna, Figliuzzi Giuseppina, Forte Lorenzo, Frezza Anna Maria, Galdi Greta, Gigantino Rosita, Giordano Mario, Leone Carmela, Lo Bianco Mario, Lombardi Roberto, Marchesan Elvira, Marmoro Gianfranco, Minoliti Paola, Musto Alessandro, Pisani Raffaele, Prisco Sabrina, Rocchino Camillo, Romeo Cristiano, Sabato Rosa, Silvestri Gennaro, Smeraldo Emilia, Trentini Giuliano.

Candidato sindaco Antonio Cammarota

Lista “La nostra libertà” – Matteo Marchetti, Sonia Caputo, Anna Borrasi, Luigi Capaldo, Ernesto Capriello, Claudio Cerra, Maria Cipriano, Paolo De Marco, Gennaro De Rosa, Raffaele De santis, Anna Maria Di Martino, Rosalba Durso, Paola Favale, Achille Fusco, Mariateresa Iemma, Ursula Loprete, Sonia Lotoro, Iolanda Lupo, Raffaele Marcone, Brunella Mazzarella, Antonino Maria Papa, Immacolata Pascale detta Tina, Luigi Pederbelli, Annalaura Petraglia, Giuseppe Ramora, Antonio Ruggiero, Michele Sarrubbo, Ciro Serio, Stefania Serra, Sonia Stanzione, Barbara Viviani, Francesco Vota.

Lista “La Città del Mare” – Martin Albano, Giuseppe Alfinito, Antonietta Alvino, Michela Avallone, Mario Basso, Murizio Biondo, Enza Rosaria Bisogno, Vincenzo Brucale detto Enzo, Mariano Castellano, Renato Della Calce, Davide De Rosa, Bincenzo De Santis, Massimiliano De Simone, Beatrice Esposito, Maria Fresolone, Assunta Gaeta, Francesco Galano, Gennaro Grimaldi, Emilio Guerra, Francesco Lodato, Angelica Morrone, Antonio Musiello, Maria Rosaria Napoli, Monica Pappalardo, Alberto Picariello, Antonio Puglia, Anna Rago, Lucia Reina, Gaetano Romano, Antonio Siano, Ernesto Viviani, Rosa Voccia.

Lista “Noi Salerno” –   Roberto Amoroso, Gerardo Biraglia, Gerardo Boffa, Gabriele Busciacco, Agnese Anna Capuano, Vincenzo De Luca, Tiberio Maria De Marco, Rachele Dec Simone, Maddalena D’Ambrosio, Finizia D’Urso, Matteo Franco, Ivano Giordano detto Ivan, Stefania Ianniello, Giovanni Landi, Stefano Liguori, Giuseppe Manzo detto Pino, Ciro Mazza, Fulvio Mezzomo, Salvatore Pascale, Patrizia Passero, Giuseppe Perrone, Pasqualina Recussi, Alfredo Russo, Erminia Sammarco, Domenica Serra detta Marisa, Giuseppina Sessa detta Giusy, Raffaella Siani, Salvatore Socci, Matteo Soldovieri, Daniela Tartaglia, Antonia Zanfardino, Davide Zirpoli.

Candidato sindaco Maurizio Basso

Lista “Movimentiamoci dal basso” – Giuseppe Apicella, Evelina Marino, Gaetano Guagnini, Maria Frusciante, Antonio Romano, Emerilys Martha Delgado Garcia, Alberto Staglioli, Ahura Electra Dyanira Di Muro, Antonio Delli Priscoli, MariaRosaria Argentino, Vittorio Manlio Giuliani, Riccardo De Santis, Luca Memoli, Maurizio Cianfrone, Francesco Dimita, Alessandro Luciani, Annabella Vigilante, Mario Cimmino, Alfonso Attardi, Vincenzo Crescente, Gianluca Stella, Raffaele Klevin Apicella, Rosa Biondini, Maria Capobianco,  Dalila Anastasio.

Candidato sindaco Simona Libera Scocozza

Lista “Attivisti per Salerno” –  Benincasa Anna, Buono Giuseppe, Chirichella Giacinto, D’Antonio Francesca Paola, De Cesare Francesco, D’Elia Paola, De Rosa Loredana, De Stefano Gianluca, Foselli Gianluca, Frusciante Carmine, Galbano Nunzio, Giordano Armando, Granozio Mario, Granozio Myriam, Greco Rosaria, Landi Attilio, Lardo Salvatore, Milione Salvatore Mirko, Monselice Flavia, Penta Corradino, Petrullo Lucia, Pierri Pasquale, Pierro Giovanni detto Giampiero, Romano Marco, Santoro Esamuele detto Lino, Sicilia Pasquale, Trevisone Marianna.

Lista “Terra Libera” – Armenante Vincenzo detto Lenny, Benvenuto Vincenzo, Boniello Gerardo, Brunetti Marina, Casciano Antonio, Cipresso Andrea, Cuoco Emanuele, Cupelli Martina, D’Angelo Stefano, De Felice Aniello detto Nello, De Sio Carmine, Di Lione Massimiliano, Di Pasquale Emanuela, Diaz Myriam del Lujan, Iannone Cristian, Marta Sandra, Mazzini Antonietta, Minco Marianna, Musumeci Giuseppe, Palladino Antonia detta Tonia, Parisi Alessia, Parisi Raffaella, Sabetta Miriam, Sammartino Maria, Vecchio Domenico.

Candidato sindaco Oreste Agosto

Lista “Figlie delle Chiancarelle” – Tesoniero Rosita, Abate Pietro, Amendola Alfonso, Buonadonna Giuseppe, Campione Aldo, Caramagna Daniele, Carrano Gabriella, Carosella Virginia, Cimino Nunzia, Crucito Alyssa, D’Andria Serena, De Lisi Pietro, De Luca Tommaso, Ferrigno Gaetano, Guccione Anna, Laudisio Federico, Macinante Umberto, Maietta Giovanni, Moscariello Alberto, Murolo Cosimo, Muscariello Valeria, Pastore Lucia, Peluso Rita, Portanova Massimo, Rizzo Alfonsina, Sabatino Mario, Sabetta Federico, Scuoppo Gaetano, Serra Salvatore, Speranza Alessandra, Tedesco Francesco, Vassallo Claudio.

Candidato sindaco Michele Sarno

Lista “Fratelli d’Italia” – Pietro Damiano Stasi detto Di Stasi, Domenico Ventura detto Mimmo, Salvatore Amodio, Pietro Arciello, Ernesto Arminio, Amalia Attanasio, Marta Benesova, Alessandro Bosco, Irene Citro, Filomena Comunale, Cristina De Fazio, Patrizia De Mascellis, Rosaria Di Domenico, Maria Di Folco, Alfonso Gambardella, Giuseppe Grieco, Maurizio Gulmo, Pasqualina Iannello, Angelo Landi, Mariano Lazzarini, Amedeo Monaco, Vincenzina Morra, Giuseppe Noschese, Giorgia Notari, Matteo Pecoraro, Teresa Pierro, Vincenzo Pirozzi, Antonio Puorro, Federica Saggese, Donato Santoro, Gerardo Tafuri, Raffaele Vaccarella.

Lista “Diversi ma uguali” – Picardi Antonio, Zita Marco, Cuzzola Antonino Sergio, Fariello Antonio, Fiorillo Francesco, Mazzei Luca, Di Poto Damiano, Cacace Gianfranco, Luongo Luigi, Macciocchi Enrica, Pinton Fabrizio, Ferrara Onofrio, D’Amore Flora, Guida Domenico, Porpora Paolo, Vitiello Antonio, Cesarano Gaetano, Fattorusso Clementina, Raiola Mariarosaria, Di Somma Francesco Saverio, Di Somma Angelo, Di Somma Federica, Manfredonia Alfonso, Napoli Giancarlo, Sellitti Alfonso, Nocera Mario, Sabbarese Bianca Maria, Ascolese Gerardo, Sannino Isabella, Musat Vilia, Russo Guarra Elisabetta, Landi Serena.

Lista “Prima Salerno” – Aiello Salvatore, Apicella Mario, Braione Giuseppe, Cafiero Rosa, Candela Silvano detto Vanni, Carillo Michele, Carrano Alfonso, Carrano Stefania, Castellana Giovanni detto Vanni, Castellana Martina, Cavallo Maria, D’Elia Evantonia, De Rosa Marcello, Faiella Patrizia, Fierro Filomena, Frezza Francesca, La Manna Laura, Lotito Rosa, Lubrano Vincenza detta Cinzia, Marra Valentina, Parente Annalisa, Ruggiero Sara Pia, Santoro Dante, Siani Maria,Sivoccia Ilenia, Spatuzzo Teresa, Alfinito Angelo, Bove Francesco, Lambiase Vincenzo, Cavaliere Paolo, Adinolfi Anna, Innamorato Angela Maria.

Lista “Rinascita” – Novella Giovanni, Carovano Luigi, Giordano Ciro, Fortunato Luigina, Strianese Dimitri, Feola Giosué, Belmonte Nino, Capriglione Massimo, Imperato Giorgio, Pellegrino Vincenzo, Di Muro Ulisse, D’Urso Ornella, Puglia Annalisa, Katarzyna Jedut, Mazzotti Rita, Thomas Lewis Emilce, Schettino Vittorio, Saviello Mario, Melucci Roberto, Alfano Massimo, Quaranta Giampaolo, Pichilli Febronia detta Monia, Avallone Davide, Caputo Mariagiulia, Romaniello Carmine, Gazzani Francesco, Avagliano Andrea, Lambiase Maria, Longo Roberto, Bisogno Maria Teresa, Cacace Laura, Mendicino Simona.

Lista “Forza Italia” – Celano Roberto, Alessandro Mariaelisa, Bassano Ilenia, Basso Giovanni, Bisogno Fabiana, Casciano Francesco, De Simone Carlo, Forte Michele, Fortunato Antonio detto Antonello, Maddaloni Vincenzo Mariano, Maiello Dario, Mammone Fabio, Maraucci Rosaria, Marrandino Giovanni, Miranda Alfredo, Mirra Serena, Monzo Pasqualina, Muggeri Francesco, Peduto Francesco, Salzano Carmine, Vicinanza Carmen, Vigilante Emanuela, Cirillo Antonio, Croce Grazia, Esposito Luca, Galdi Simona, Gatto Luca, Liguori Angela, Liguori Annabella, Lodato Caterina, Mangiameli Salvatore William, Raele Giuseppina.

Candidato sindaco Elisabetta Barone

Lista “Movimento 5 stella” – Lambiase Catello, Pecoraro Claudia, Virtuoso Francesco, Basso Alberto, Russolillo Claudio, Ugatti Stefania, Coscia Ada, Lo Iudice Brunantonio detto Toni, Galdi Michele, Murano Pierluigi detto Pigi, Benincasa Raffaele, Gaudiosi Maria Gerarda detta Gerardina, Tondo Salvatore, Guariglia Anna, Reggiani Lucia, Tucci Alessandro, Romano Giovanni detto Gianni, Di Donato Lorenzo, Concilio Luisa, Nesterenko Olga, Glielmi Eliana, Cosenza De Lauro Arturo, Pagliuca Alessandra, De Nardo, Marzia, Sacco Corrado, Di Capua Francesco Paolo detto Checco, Santoro Manuela, Di Giacomo Carmensara detta Sara, Scarpa Natalia, Vicinanza Gaia, De Nardo Carmine, Calvanese Emma.

Lista “Davvero Verdi” – Ventura Giuseppe detto Peppe, Radetich Enrico detto Roberto, Avossa Anna, Anastasio Pasquale, Caputo Marilena, Caputo Giovanni, Criscuolo Mauro, Casella Giovanni, Chiuccarelli Carmine, Castella Ersilio, D’Amato Vincenzo, De Rosa Giulia, Di Gennaro Desiree, De Maio Aniello, De Concilio Moncia, Esposito Anna Oriana, Fortunato Simone, Frasca Gianluca, Ferroro Tullio, Graziuso Anna Elena, Garofalo Giacomo, Greco Nicola, Guerra Antonio Simone detto Antonello, Ippoliti Lucio, Mammone Raffaella, Palladino Giuseppina detta Giusy, Pacifico Veronica, Papa Teresa, Pelliccia Pasquale, Ubbidiente Pietro, Vlad Gabriel, Zappile Olga.

Candidato sindaco Anna Maria Minotti

Lista “Abilitiamo l’autismo h24” – 

Antonio Leone, Anna Guerriero, Pasquale Urciuoli, Paolo D’Arienzo, Tiziana De Meo, Raffaele Annunziata, Maria Grazia Lucia Loscrì, Vittorio Naddeo, Sabrina Maria Consuelo Albo, Carmela Mauro, Rosanna Porpora, Melania Naddeo, Antonella Annunziata, Rossella Testa, Mariangela Squilla, Nicola Di Feo, Renata Maria Wieclaw, Annunziata Mauro, Anna Pecora, Grazia Naddeo, Alfonso Consiglio, Aniello Alario, Vincenzo Calabrese, Maria Olmina D’Arienzo, Antonio Fiorentino, Maria Ida Angiolillo, Enza Marotta, Ciro Testa, Raffaella Cerusa, Maria Rosaria Somma, Germana Lombardi, Rosa Schiavone.

Politica

Multe per chi scrive «sindaca» o «avvocata»: Lega fa dietrofront dopo le polemiche

Pubblicato

il

Da

matteo-salvini-tweet-emilia-romagna-partita-milan

Dopo le polemiche suscitate dal senatore Manfredi Potenti, che aveva proposto multe per chi usa titoli al femminile come ad esempio avvocata o sindaca, i vertici della Lega prendono le distanze: «Non è la nostra linea, ma era un’iniziativa personale».

Effettivamente, ci sono delle espressioni al limite del sopportabile, da un punto di vista uditivo-grammaticale. Su tutte “questora” che non si capisce se sia un titolo o un indicazione temporale. Ma da qui a prevedere pene pecuniarie sembra un tantini eccessivo. La Lega fa dietrofront sulla proposta di affibbiare multe a chi usa i titoli al femminile, come «avvocata», «sindaca» o «rettrice».

La proposta era arrivata dal senatore leghista Manfredi Potenti. Un’iniziativa che aveva suscitato ilarità, ma anche critiche livorose e che ha portato i vertici del carroccio a prendere posizione: «La proposta di legge del senatore Manfredi Potenti è un’iniziativa del tutto personale. I vertici del partito, a partire dal capogruppo al Senato Massimiliano Romeo, non condividono quanto riportato nel Ddl Potenti il cui testo non rispecchia in alcun modo la linea della Lega che ne ha già chiesto il ritiro immediato».

Il provvedimento si intitola «Disposizioni per la tutela della lingua italiana, rispetto alle differenze di genere». Prevedeva multe fino a 5 mila euro.Si poneva l’obiettivo di «evitare l’impropria modificazione dei titoli pubblici dai tentativi ‘simbolici’ di adattarne la loro definizione alle diverse sensibilità del tempo». È in particolare all’articolo 2 che spunta il divieto: «In qualsiasi atto o documento emanato da Enti pubblici o da altri enti finanziati con fondi pubblici o comunque destinati alla pubblica utilità, è fatto divieto del genere femminile per neologismi applicati ai titoli istituzionali dello Stato, ai gradi militari, ai titoli professionali, alle onorificenze, ed agli incarichi individuati da atti aventi forza di legge». Mentre all’articolo 3 arriva anche la proposta di eliminare il «femminile sovraesteso» un approccio linguistico che utilizza la forma al femminile per riferirsi a tutti i generi. Tuttavia, sembra essere un’idea che non trova grande risonanza all’interno dello stesso partito di Matteo Salvini. Potrebbe quindi avere vita breve.

Continua a leggere

Politica

Daniela Mondini: «mi hanno tolto la conduzione del Tg1 per darla ad una persona vicina al direttore»

Pubblicato

il

Da

dania mondini mobbing tg1

L’ex conduttrice del Tg1 Dania Mondini ha denunciato 6 persone, tra giornalisti e dirigenti Rai. La Procura di Roma ha chiuso le indagini. Tra i tentativi di mobbing denunciati, il trasferimento nell’ufficio di un collega con problemi di flatulenza.

Un improvviso cambiamento di atteggiamento nei suoi confronti, un ridimensionamento graduale, lo spostamento nell’ufficio di un collega con problemi di flatulenza e duri rimproveri di fronte alla redazione. E’ abbastanza singolare la denuncia per mobbing che l’ex conduttrice del Tg1 Dania Mondini ha  presentato nei confronti di alcuni giornalisti e dirigenti Rai. La Procura di Roma ha chiuso le indagini ed ha chiesto il rinvio a giudizio per 6 persone.

Si tratta degli ex direttori Andrea Montanari e Giuseppe Carboni, de vicedirettori Filippo Gaudenzi e Costanza Crescimbeni ed infine di Piero Damosso e Marco Betello. Avrebbero attuato pressioni psicologiche e comportamenti vessatori nei confronti della giornalista che li ha denunciati.

«Quando nel 2017 Andrea Montanari è stato nominato direttore del Tg1, mi hanno assegnato meno servizi e c’è stato un cambiamento di atteggiamento nei miei confronti. Perché? Montanari voleva sistemare una persona a lui molto vicina» ha raccontato in Procura Mondini. I comportamenti vessatori proseguono: «è arrivato l’ordine di condividere una stanza della redazione con un giornalista con numerosi problemi, non solo igienici. Mi sono rifiutata e mi sono trovata isolata. Sono stata minacciata. L’atteggiamento dei miei superiori era volto al rispetto delle intenzioni di Montanari».

Ad avvalorare questa tesi, la testimonianza della vicedirettrice Sabrina Turco, che ha parlato di «campagna diffamatoria» nei confronti dell’ex conduttrice. Nelle carte spunta anche il nome di Matteo Salvini. Durante una trasmissione, quando quest’ultimo era vicepremier e ministro dell’Interno, Mondini lo ha presentato erroneamente come «viceministro». Per questo lapsus sarebbe stata pesantemente rimproverata di fronte a tutti e sarebbe stata minacciata di non condurre più il telegiornale.

Il vicedirettore Gaudenzi, tra i denunciati, ricostruisce così l’accaduto: «Capita di sbagliare, ma l’errore assume un carattere di gravità per via del momento storico. Salvini era uomo forte del Paese. Mondini lo definisce viceministro, invece che vicepremier e ministro dell’Interno. È una classificazione inferiore nei confronti di un politico, come Salvini, attento ai mezzi d’informazione e in particolare a quello che succede nella Rai». E ancora: «Ho richiamato Mondini davanti a tutti, dicendo di stare più attenta. Vede giudice, altri giornalisti in presenza di errori sono stati sollevati dall’incarico». Ma ancora Turco fornisce una versione alternativa, nella quale Gaudenzi avrebbe attaccato duramente Dania Mondini «dandole in sostanza dell’incapace davanti a tutti, assumendo atteggiamenti minacciosi e intimidatori».

Continua a leggere

Politica

Irene Pivetti accusata dalla Dia di aver fatto affari con i clan nel settore petrolifero

Pubblicato

il

Da

irene pivetti accusata dalla dia

Un’inchiesta della Procura di Roma travolge l’ex presidente del Senato e soubrette Irene Pivetti, accusata di un presunto favoreggiamento alla criminalità organizzata.

Irene Pivetti, già finita al centro di due inchieste giudiziarie relative ad una presunta frode e ad un presunto caso di evasione ed autoriciclaggio, è di nuovo accusata e questa volta l’accusa è pesantissima: avrebbe intrattenuto rapporti con esponenti della mafia romana e ne avrebbe favorito gli interessi nel settore petrolifero.

Nelle informative agli atti dell’inchiesta Assedio della Procura di Roma, la Dia descrive il suo presunto ruolo, in una presunta trattiva relativa a dell’acquisto illecito di carburante. Gli inquirenti descrivono la mafia romana come un mix di cosche, clan e ‘ndrine. Salvatore Pezzella e Giuseppe Vitaglione, presunti rappresentanti dei clan Mazzarella e D’Alessandro, sarebbero i referenti dell’ex presidente della Camera.

Vitaglione è legato anche al figlio di Michele Senese, Vincenzo, il quale ha autorizzato insieme a Roberto Marcori l’acquisizione di una società nel settore degli idrocarburi. Scrive la Dia: «Le indagini hanno dimostrato che Vitaglione (…) è stato favorito dal contributo di Irene Pivetti, ex presidente della Camera». Secondo il Fatto Quotidiano, che per primo ha dato la notizia, «Corrado Petito e Roberto Navaro, in concorso con Pivetti e con la compiacenza di funzionari pubblici corrotti (…) concorrevano a creare le condizioni per favorire le operazioni di riciclaggio, attraverso la produzione di modelli F24 ideologicamente falsi che attestavano il pagamento di accise e Iva dovuti per l’acquisto carburante».

Il passaggio più controverso è contenuto in un’intercettazione nella quale Vitaglione spiega a Pivetti che c’è stato un cambio al vertice dell’organizzazione che rappresenta, durante le trattive: «Sono cambiate un poco le carte per il gruppo che sta là sopra, no? Dove io ho fatto pure discussione qui giù a Napoli (…). Io vorrei che lo chiami e dirgli scusate, ma io sono stata a casa di persone serie o di birichini? Però presidente (…) li dovete dovete frustare direttamente avete capito?». Pivetti risponde: «Va bene, io intanto cerco che cosa hanno, dopodiché mi mandi le informazioni, tutte, il numero». Ancora Vitaglione: «Io sono stato chiamato da una famiglia di Napoli, poi Presidente resta tra di noi in quel caso stiamo nel nostro paese e ci siamo confrontati loro chi sono e noi chi siamo».

Un atteggiamento che sconcerta la Dia: «La Pivetti ben consapevole di muoversi in un contesto di criminalità organizzata, non solo conferma nuovamente di aver compreso la delicata situazione, ma condividendo l’intervento ‘mafioso’ della famiglia di Vitaglione, si augura che in quel modo il proprietario della società Nuova Petroli ritorni agli accordi iniziali».

Tramite il proprio legale, l’ex presidente e soubrette ha spiegato al Fatto: «Non ho ricevuto alcuna comunicazione giudiziaria, ho dato indicazione al mio legale di prendere contatto con la Procura per verificare se vi sono iscrizioni su di me. Nel caso mi metterò a disposizione del pm».

 

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Osservatore Quotidiano è un prodotto editoriale di Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore : Antonio Villella | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Alba Adriatica (TE) via Vibrata snc, 64011 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€ | Alcune delle immagini interamente o parzialmente riprodotte in questo sito sono reperite in internet. Qualora violino eventuali diritti d'autore, verranno rimosse su richiesta dell'autore o detentore dei diritti di riproduzione.