fbpx
Seguici su

Cronaca

Massimiliano Latorre, uno dei due marò arrestato in India, fa causa allo Stato italiano

Pubblicato

il

massimiliano-latorre-uno-dei-due-marò-fa-causa-allo-stato

Uno dei due marò che fu arrestato in India nel 2012, Massimiliano Latorre, e che fu al centro di un arbitrato internazionale durato anni, fa causa allo stato e chiede un risarcimento per essere stato rispedito in India e perché un decennio di processi gli avrebbe impedito di fare carriera. Anche Salvatore Girone potrebbe agire per vie legali.

Da cavallo di battaglia della destra italiana, i due marò potrebbero diventare una spina nel fianco del governo di centrodestra. Massimiliano Latorre, uno dei due marò che nel 2012 fu arrestato in India in seguito all’uccisione di due pescatori, fa causa allo Stato italiano. Secondo quanto riportato da Il Fatto Quotidiano avrebbe chiesto un risarcimento milionario. Il motivo di tale richiesta, la decisione dell’Italia di rimandare Latorre e Girone in India, dove vige la pena di morte e dove Latorre ha avuto un ictus. In secondo luogo il luogotenente ora impiegato allo Stato Maggiore, sosterrebbe che i processi che lo hanno riguardato, gli avrebbero precluso la possibilità di fare carriera.

Dall’Avvocatura dello Stato, sarebbe filtrato disappunto. Per seguire il caso vennero pagati diversi milioni di euro al pool internazionale di legali che trattò la vicenda dei due fucilieri della Marina in India, oltre ad un risarcimento da più di un milione di euro alle famiglie dei pescatori.

I due marò, uno dei quali ora fa causa allo Stato, nel 2012 in seguito ad un’incomprensione in un momento concitato, spararono a due pescatori in India, uccidendoli, mentre si trovavano in missione a bordo della Enrica Lexie. Dopo essere rimasti 106 giorni in una prigione indiana, Latorre e Girone vennero rimandati in Italia e poi ancora in India. Infine, in seguito all’arbitrato internazionale all’Aja, vennero giudicati a Roma e la loro posizione fu archiviata.

Continua a leggere
Pubblicità

Cronaca

Vannacci sospeso per 11 mesi dall’Esercito, il suo legale: «faremo ricorso»

Pubblicato

il

generale vannacci fuori dal coro rete 4

Il provvedimento nei confronti del generale Roberto Vannacci, sospeso per 11 mesi dall’Esercito, ha carattere disciplinare: carenza di senso di responsabilità e possibili ripercussioni negative sull’immagine dell’Esercito.

«Ricorreremo al Tar del Lazio per annullarla» ha detto l’avvocato di Roberto Vannacci non appena si è appreso che il generale è stato sospeso dall’Esercito per 11 mesi. Una sospensione dal carattere disciplinare, motivata da carenza di senso di responsabilità e potenziali ripercussioni negative sull’immagine dell’Esercito.

Insomma, salvo una probabile candidatura con la Lega all’orizzonte, non si schiariscono le nubi sul capo di Vannacci, sotto inchiesta in tre diverse indagini per peculato, truffa, istigazione all’odio razziale e diffamazione nei confronti di Paola Egonu, la campionessa azzurra di pallavolo i cui tratti somatici nel libro best seller “Il mondo al Contrario «non rappresentano l’italianità».

 La sospensione, il cui provvedimento disciplinare è stato avviato il 30 ottobre scorso, prevede anche una detrazione di anzianità e il dimezzamento dello stipendio.

Continua a leggere

Cronaca

Manganellate agli studenti a Pisa, sostituita la dirigente della Mobile di Firenze

Pubblicato

il

manganellate studenti pisa

La Mobile fiorentina fornisce le squadre anche alla Questura di Pisa per l’ordine pubblico. Silvia Conti, in servizio a Firenze dal 2021, è stato affidato un altro incarico.

Prime ripercussione dopo i fatti accaduti lo scorso venerdì a Pisa , quando tredici studenti, dieci dei quali minorenni, sono rimasti feriti in seguito alle cariche, e alle manganellate, della Polizia: Silvia Conti, dirigente della Mobile di Firenze, che fornisce le squadre anche alla Questura di Pisa per l’ordine pubblico, è stato affidata ad un altro incarico.

Come sottolinea Ansa, la dirigente della Squadra Mobile fiorentina non ha avuto ruoli operativi nella gestione dell’ordine pubblico né a a Pisa, dove sono arrivate le manganellate agli studenti, né a Firenze, dove sono scoppiati altri scontri con la polizia durante un corteo non autorizzato, ma ha disposto solo l’invio delle squadre di agenti richieste dalle due Questure.

Nel frattempo prosegue la ricostruzione della catena di errori e valutazioni errate, che hanno portato alle cariche dei polizotti. Mentre si cerca di capire quando e da dove sia partito l’ordine di caricare, la Procura analizzerà le immagini delle bodycam indossate da due capisquadra, anche al fine di stimare eventuali eccessi di forza.

Anche alcuni testimoni verranno ascoltati nelle prossime ore, non soltanto i ragazzi feriti, ma anche quelli che hanno girato i video diventati virali.

Continua a leggere

Cronaca

Alessandra Pifferi era capace di intendere e volere: la perizia che potrebbe costarle l’ergastolo

Pubblicato

il

indagate le psicologhe del caso pifferi

Il test disposto dalle psicologhe del carcere, indagate insieme alla legale di Alessandra Pifferi, è stato ritenuto poco attendibile. Secondo la perizia invece: «in presenza di un funzionamento cognitivo integro e di una buona capacità di comprensione della vicenda giudiziaria che la riguarda, sia in termini di disvalore degli atti compiuti sia dello sviluppo della vicenda processuale, la donna è capace di stare in giudizio».

Rischia l’ergastolo Alessandra Pifferi, la madre che ha permesso la morte di stenti della figlia di 18 mesi abbandonata per diversi giorni in casa, dopo che è stata ritenuta capace di intendere e di volere. A stabilirlo, una perizia psichiatrica disposta dai giudici della Corte d’Assise di Milano, quattro mesi fa.

Non si tratta dei test psicologici eseguiti in carcere su Alessandra Pifferi, per i quali sono state indagate per falso e favoreggiamento due psicologhe in servizio presso la casa circondariale e la sua avvocatessa. Secondo le accuse nei loro confronti, avrebbero cercato di favorire la tesi difensiva confezionando perizie alterate, al fine di ottenere l’incapacità di intendere e volere.

Ma secondo la perizia stilata dal consulente Elvezio Pirfo, già balzato agli onori della cronaca ai tempi del delitto di Cogne, Alessandra Pifferi era perfettamente capace di intendere e di volere: «al momento dei fatti ha tutelato i suoi desideri di donna rispetto ai doveri di accudimento materno verso la piccola Diana e ha anche adottato un’intelligenza di condotta viste le motivazioni diverse delle proprie scelte date a persone diverse». Più avanti il dottore sostiene che la donna «non ha disturbi psichiatrici maggiori, né gravi disturbi di personalità».

In seguito a questa perizia, viene dunque esclusa l’attenuante per la quale la donna avrebbe potuto evitare l’ergastolo, che invece adesso ritorna ad essere un’ipotesi probabile.

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Osservatore Quotidiano è un prodotto editoriale di Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore : Antonio Villella | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Alba Adriatica (TE) via Vibrata snc, 64011 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€ | Alcune delle immagini interamente o parzialmente riprodotte in questo sito sono reperite in internet. Qualora violino eventuali diritti d'autore, verranno rimosse su richiesta dell'autore o detentore dei diritti di riproduzione.