fbpx
Seguici su

Cronaca

Fondazione Open, la Procura di Firenze chiede il rinvio a giudizio per Matteo Renzi e lui denuncia i magistrati

Pubblicato

il

Fondazione Open, Procura di Firenze chiede il rinvio a giudizio per Matteo Renzi, Maria Elena Boschi e Luca Lotti

Mentre l’inchiesta sulle presunta irregolarità nei finanziamenti alla fondazione Open sta per entrare nel vivo, l’ex premier passa al contrattacco e denuncia i magistrati fiorentini. La Procura di Firenze ha richiesto il rinvio a giudizio per 11 persone, tra cui appunto Renzi, Boschi e Lotti, ma anche gli imprenditori Carrai, Donnini e Toto, e il leader di Italia Viva denuncia i giudici che hanno firmato la richiesta di rinvio a giudizio.

Matteo Renzi ancora sotto i riflettori per questioni legate al denaro, ma questa volta non si tratta solo delle polemiche collegate alla retribuzione delle sue consulenze. L’inchiesta che lo coinvolge, riguardante presunti finanziamenti illeciti alla sua attività politica, mascherati come contributi alla Fondazione Open, è arrivata ad un punto di svolta. La Procura di Firenze ha richiesto il rinvio a giudizio per 11 persone. Tra loro, l’ex Presidente del Consiglio Matteo Renzi appunto, l’ex Ministra per le riforme costituzionali e per i rapporti col Parlamento Maria Elena Boschi, l’ex Ministro per lo sport Luca Lotti e gli imprenditori Marco Carrai, Patrizio Donnini e Alfonso Toto. Renzi, che non ha mai smesso di rigettare le accuse nei suoi confronti, passa al contrattacco, denuncia i giudici Giuseppe Creazzo, Luca Turco e Antonino Nastasi e commenta: «finalmente inizia il processo nelle aule e non solo sui media».

La decisione del Gup su Renzi, Boschi, Lotti, gli altri soggetti indagati e le 4 società coinvolte dalla vicenda, è attesa per il prossimo 4 aprile. Allora si saprà se si procederà nei confronti dell’ex premier e dei suoi collaboratori più stretti, o meno. Le accuse nei confronti degli indagati sono, a vario titolo: finanziamento illecito ai partiti, traffico di influenze, corruzione, emissione di fatture per operazioni inesistenti, autoriciclaggio.

Le indagini relative ai finanziamenti alla Fondazione Open sono durate 2 anni. Gli inquirenti, dopo intercettazioni, perquisizioni e sequestri, hanno prodotto 90 mila pagine ammesse agli atti. Secondo l’accusa, la Fondazione Open, sulla carta gestita dall’ex Presidente della fondazione Alberto Bianchi, era in realtà controllata direttamente da Matteo Renzi e fungeva da “cassaforte” per la sua attività politica. Sempre secondo le ricostruzioni di chi indaga, tra il 2015 e il 2018 la Fondazione avrebbe incassato finanziamenti per oltre tre milioni e mezzo di euro, che sarebbero poi stati irregolarmente impiegati per attività politiche.

Matteo Renzi fin da quando l’inchiesta ha mosso i primi passi si è sempre dichiarato innocente e ha sostenuto che non sia mai avvenuto nessun atto illecito: «tutto è bonificato e tracciato», ha dichiarato all’indomani della chiusura delle indagini. Oggi, dopo che la Procura di Firenze ha richiesto il rinvio a giudizio per lui e per altre 10 persone, Renzi ha deciso di presentare denuncia alla Procura di Genova, che ha la competenza nei casi riguardanti i colleghi fiorentini, «per violazione dell’articolo 68 Costituzione, della legge 140/2003 e dell’articolo 323 del codice penale» contro gli stessi magistrati che hanno firmato la richiesta, colpevoli a suo dire di abuso di ufficio.

«Un atto scontato e ampiamente atteso – afferma una nota diramata dal suo staff – che arriva ad anni di distanza dai sequestri del novembre 2019 poi giudicati illegittimi dalla Corte di cassazione. I cittadini potranno adesso rendersi conto di quanto sia fragile la contestazione dell’accusa e di quanto siano scandalosi i metodi utilizzati dalla procura di Firenze».

La nota poi prosegue facendo un excursus delle vicende che hanno coinvolto i magistrati in questione: «il procuratore Creazzo [è stato] sanzionato per molestie sessuali dal Csm, il procuratore aggiunto Turco volle l’arresto dei genitori di Renzi poi annullato dal Tribunale della Libertà e il procuratore Nastasi [è stato] accusato da un ufficiale dell’Arma dei Carabinieri di aver inquinato la scena criminis nell’ambito della morte del dirigente Mps David Rossi. Questi sono gli accusatori».

Cronaca

Finte spese per prelevare in contanti il reddito di cittadinanza: 3 denunce a Napoli

Pubblicato

il

in una macelleria di Napoli spese finte per prelevare in contanti il Reddito di Cittadinanza

Un padre e i suoi due figli, gestori di una macelleria a Napoli, fornivano contanti in cambio di una commissione ai percettori di Reddito di Cittadinanza, attraverso finte compravendite di carne.

A Napoli, alcuni percettori di Reddito di Cittadinanza, hanno iniziato a rivolgersi in particolare ad una macelleria. Non solo per la qualità della carne, ma per il particolarissimo servizio che offriva: permetteva infatti a chi aveva diritto al Reddito di Cittadinanza, di prelevare il denaro in contanti, in cambio di una commissione che oscillava dal 10 al 20%. Il trucco era semplice: il cliente faceva una transizione con la card RdC per un fittizio acquisto di carne e riceveva indietro denaro contante. Trucco semplice, collaudato ed ovviamente illecito.

Oggi la Guardia di Finanza ha fatto saltare il banco della macelleria e padre e figli sono stati denunciati per truffa aggravata ai danni dello stato e usura, la macelleria è stata sottoposta a sequestro preventivo , insieme a 92 mila euro in contanti e titoli di credito di vario tipo.

Grazie al sistema messo a punto, i possessori della card del Reddito di Cittadinanza, potevano prelevare il denaro in contanti e utilizzarlo come meglio credevano, mentre le regole prevedono che solo una certa parte, modesta, della misura di sostegno possa essere prelevata. Il resto dovrebbe essere speso per acquistare generi di prima necessità, come gli alimenti appunto, pagandoli attraverso transizione elettronica. Oltre a questa aggiramento delle norme previste, gli inquirenti sospettano che i tre potessero anche aver messo in piedi un giro di usura.

Continua a leggere

Attualità

Cile, riceve per errore 330 volte lo stipendio: si dimette e fugge

Pubblicato

il

SANTIAGO DEL CILE – Ha ricevuto dalla sua azienda uno stipendio 330 volte superiore al dovuto. Invece di restituirli, lui ha preso i soldi ed è fuggito e al momento risulta irreperibile.

Come riporta l’Ansa, l’incredibile vicenda è accaduta in Cile: il dipendente, un assistente alla spedizione dell’azienda Consorcio Industrial de Alimentos, tra le maggiori produttrici di carne e salumi del Paese, ha ricevuto a maggio ben 165.398.851 (quasi 170 mila euro), invece dei consueti 500 mila pesos mensili (poco più di 500 euro, al cambio attuale). Secondo quanto scrive il quotidiano locale Diario Financiero, l’uomo ha inizialmente allertato il suo manager dell’errore.

Il manager ha poi segnalato la vicenda all’ufficio delle risorse umane che quindi ha chiesto al lavoratore di recarsi presso la sua banca e restituire il denaro extra. L’impiegato prima ha accettato di andare in banca, ma poi si è tenuto i soldi e ha ignorato le comunicazioni del suo datore di lavoro. Ha poi dato le dimissioni attraverso una lettera inviata alla società dal suo legale. Da allora non si hanno più notizie. L’azienda ha sporto denuncia contro il suo dipendente, sostenendo che si è appropriato indebitamente di fondi, ma finora non è stato effettuato nessun arresto. 

Continua a leggere

Attualità

Maneskin in concerto a Roma, l’allarme dei medici: “Pericoloso, c’è il picco contagi”

Pubblicato

il

ROMA – L’attesissimo concerto dei Maneskin al Circo Massimo da circa 70mila spettatori in programma il prossimo 9 luglio e sold out da mesi, cadrebbe proprio in concomitanza del picco dei contagi previsto dagli esperti, che lanciano l’appello: “Spostatelo”. La voce è quella del professor Antonello Maruotti, statistico della Lumsa e studioso dei dati Covid. “Se vogliamo contenere la diffusione del virus, concerti come quelli dei Maneskin al Circo Massimo andrebbero vietati. Perché dove ci sono grandi assembramenti ci sono rischi di contagio” ha affermato intervenendo su Radio Capital. “Certo – ha spiegato – siamo in una situazione molto diversa dal passato, i casi gravi sono pochi rispetto al numero totale delle infezioni. Ma se l’obiettivo è contenere il contagio, allora dobbiamo evitare questi grandi eventi. Se invece non ci interessa arginare i casi e non lo riteniamo un rischio, allora andiamo avanti”.

Sul tema si è espresso anche Fabrizio Pregliasco, direttore dell’ospedale Galeazzi di Milano: “Sicuramente l’allarme in questa fase sta aumentando, è una libertà che ci siamo guadagnati ma valutiamo quello che succederà a breve. E speriamo di non dover prendere decisioni drastiche, soprattutto se dovessero aumentare le vittime e lo sforzo del servizio sanitario dovesse crescere molto. È chiaro che dovrebbe essere una decisione generalizzata”.

Il concerto della band romana nella Capitale arriva assieme a un’ondata di Covid che sta colpendo duramente il Lazio, con 13.555 nuovi contagi ieri, e Roma in particolare, con oltre 7mila casi sempre ieri. Il dato giornaliero più alto dal 26 gennaio.

“Non possiamo certo impedire ai ragazzi di andare al concerto, dopo 2 anni di pandemia che li ha costretti a lockdown e sacrifici, ma il nostro consiglio è di indossare la mascherina Ffp2 che può evitare il contagio in una situazione di assembramento ad alto rischio”, spiega Antonio Magi, presidente dell’Ordine dei medici di Roma e provincia.       

“Spero che i ragazzi seguano questa raccomandazione e pensino anche ai rischi che possono far correre ai genitori e ai nonni una volta che tornano a casa dopo il concerto”, aggiunge Magi che poi lancia un invito alle autorità competenti: “Occorre valutare rispetto ai dati epidemiologici, che ricordo ormai è chiaro che sono sottostimati per il proliferare di autodiagnosi a casa, di raccomandare la mascherina al chiuso. Ha grande efficacia contro la diffusione del Covid”. 

Intanto, come riporta RaiNews24, dai social si levano le proteste dei fan dei Maneskin contro un’ipotetica cancellazione del concerto al Circo Massimo: “Ma anche se i #maneskin spostassero il loro concerto, finché ci sono quelli di tutti gli altri artisti, non vedo cosa cambierebbe. Come se un concerto solo potesse evitare un aumento ulteriore dei contagi”, scrive un’utente. 

E difatti la lista degli artisti che si esibiranno in Italia in questo fine settimana è davvero lunga. E allora, si domandano i fan, perché si pensa di chiedere di annullare il concerto solo ai Maneskin? 

“Non è all’esame alcuna ipotesi di rinvio del concerto dei Maneskin al Circo Massimo”. Così l’assessore ai Grandi Eventi, Turismo, Sport e Moda di Roma Capitale Alessandro Onorato a proposito delle richieste di un possibile rinvio dell’atteso concerto dei Maneskin. “Si adotteranno tutte le precauzioni e gli accorgimenti che le autorità sanitarie indicheranno e, in collaborazione con gli organizzatori, metteremo in campo le azioni necessarie per farle rispettare”, ha aggiunto.

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Osservatore Quotidiano è un prodotto editoriale di Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore Vicario: Antonio Villella | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Alba Adriatica (TE) via Vibrata snc, 64011 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€ | Alcune delle immagini interamente o parzialmente riprodotte in questo sito sono reperite in internet. Qualora violino eventuali diritti d'autore, verranno rimosse su richiesta dell'autore o detentore dei diritti di riproduzione.