fbpx
Seguici su

Politica

Il sindaco di Palermo Leoluca Orlando indagato per falso nei bilanci comunali

Pubblicato

il

Leoluca Orlando sindaco di Palermo indagato per falso nei bilanci comunali

Insieme a Leoluca Orlando, indagato per falso nei bilanci comunali, altri 23 tra dirigenti comunali ed assessori. Nel mirino degli inquirenti i bilanci tra il 2016 e il 2019. L’ex deputato: <<farò chiarezza>>.

PALERMO – <<Falso materiale commessa da pubblico ufficiale in atto pubblico>>. Questa è l’accusa notificata ieri sera, mercoledì 20 ottobre, a 24 assessori e dirigenti del Comune di Palermo. Tra essi, il sindaco, già onorevole, Leoluca Orlando che si trova quindi indagato per falso nei bilanci comunali. Sono finiti sotto la lente d’ingrandimento del nucleo di polizia economico finanziaria della Guardia di Finanza di Palermo, che avrebbe accertato diverse irregolarità nei bilanci comunali degli anni 2016, 2017, 2018 e 2019.

<<Ho avuto comunicazione dell’avviso di un’indagine, esaminerò gli atti depositati dalla Procura della Repubblica e per fare massima chiarezza attendo di essere ascoltato dai magistrati titolari delle indagini sul merito e sulle competenze in una materia, peraltro, particolarmente tecnica>> ha commentato il sindaco di Palermo Leoluca Orlando, indagato per falso nei bilanci comunali insieme ad altre 23 persone.

In base alle accuse, gli indagati avrebbero manipolato i bilanci comunali al fine di celare le reali perdite del Comune di Palermo, che sarebbe ora vicino al deficit. Eppure dai bilanci emerge una situazione senz’altro più rosea.

I dirigenti e gli assessori coinvolti sarebbero diversi e apparterrebbero a a diversi ambiti dell’amministrazione comunale, dall’ufficio del condono edilizio, passando a quello dei tributi, per arrivare alle risorse patrimoniali alle politiche ablative.

Politica

“Marco Rizzo espulso”, il Partito Comunista: «non è vero, espelleremo chi l’ha espulso»

Pubblicato

il

Marco Rizzo espulso dal Partito Comunista, anzi no

La Federazione milanese annuncia l’espulsione di Marco Rizzo, ma poche ore dopo il comitato centrale del Partito Comunista smentisce e annuncia che espellerà chi aveva espulso Rizzo, che si sarebbe appropriato della password di Facebook. La notizia era diventata virale dopo che era stata rilanciata da Vladimir Luxuria.

Marco Rizzo espulso dal Partito Comunista, che a sua volta espellerà chi aveva espulso Marco Rizzo. La storia è un po’ intricata, proviamo a ricapitolare. La pagina Facebook della federazione di Milano del partito ha pubblicato un post, con cui annunciava l’espulsione di Rizzo: «Noi ci prendiamo la responsabilità politica di questa decisione, consci di essere in minoranza in un CC svuotato di tutte le sue funzioni e prerogative, ma in enorme maggioranza nel corpo sociale del nostro paese. Un corpo sociale che può e deve essere recuperato alla lotta per il socialismo, senza scorciatoie opportunistiche che conosciamo bene da decenni».

La notizia ha fatto scalpore, ma è diventata virale dopo essere stata rilanciata da Vladimir Luxuria ed altri volti noti. Il comitato centrale del partito però, poche ore dopo ha smentito la notizia con un comunicato durissimo: «In questo mondo dei social basta impossessarsi della password di Facebook di una federazione del Partito e decidere che il segretario nazionale è espulso. Di questi bontemponi si sta occupando la Commissione Centrale di garanzia e, per rimpinzare le casse, la tesoreria e gli avvocati. Il segretario generale Marco Rizzo sta bene e gode della fiducia (certificata col voto ad ampia maggioranza – 7 voti contrari ed 1 astenuto – del Comitato Centrale del 25 Giugno) di tutto il Partito, che approva la scelta di unire le forze reali del dissenso in questo Paese».

Il dissenso politico tra la federazione milanese e il comitato centrale è nato in seguito alla “svolta populista” che Rizzo ha impresso da qualche mese al Partito Comunista, che ha sposato, ad esempio, cause NoVax e NoGreenPass, ma ha anche stretto alleanze con formazioni politiche distanti dalla propria ideologia, come ad esempio Il Popolo della Famiglia di Adinolfi.

Adesso resta da vedere cosa succederà alla federazione rivoltosa e se si scinderà nell’ennesimo partito comunista. Una cosa però è certa: il Partito comunista non entrava in tendenza su Twitter da tempo.

Continua a leggere

Attualità

Meloni e i “due occhioni”: “Di solito dicono che sembro Gollum…”

Pubblicato

il

ROMA – “Mi è piaciuta la sigla di presentazione, era buona, neanche un insulto, di solito dicono che sono ipertiroidea, che sembro Gollum, queste cose qua…”. Ospite di ‘Un giorno da pecora’, Giorgia Meloni apprezza la sigla di presentazione dove viene definita la ‘regina delle opposizioni con due occhioni…’. ”Certe sue facce spaventano lo sa?”, provoca uno dei conduttori. ”Sì, assolutamente sì”, taglia corto la leader di Fdi che rivela: ”Mi indispettisco da sola, confesso che per questo non mi rivedo quasi mai…”.

Come riporta l’Adnkronos, quando le fanno notare che certe volte abbassa la voce, Meloni ride e precisa: ”Ma come, mi dicono se mai che urlo troppo… Anche io lo sostengo sempre che faccio più paura quando abbasso la voce. finché grido non ti devi preoccupare, ma quando abbasso la voce è più preoccupante…”.

“Dove era quando ha registrato il video a commento sui ballottaggi, visto il vento forte e i cactus sullo sfondo? ”, chiedono ancora i conduttori della trasmissione. ”Ero in Italia, in Toscana per la precisione”, risponde Meloni che spiega come è andata: ”Invece di centrosinistra avevo detto centrodestra, avevo sbagliato, l’ho dovuto rifare il video quando ero già in auto e sono scesa tipo ad un autogrill…”. Meloni confida di aver iniziato a fare yoga da poco: ”Faccio yoga, è uno dei tanti allenamenti che faccio… Lo faccio da poco, da qualche mese… Io prediligo il cross fit ma faccio anche yoga per cambiare un po’, è una cosa spirituale…”.

Continua a leggere

Politica

Draghi: «il Governo non rischia e non si fa senza il Movimento 5 Stelle»

«Il governo è nato con i 5 Stelle, non si accontenta di un appoggio esterno, perché valuta troppo il loro contributo».

Pubblicato

il

scontro Mario Draghi Giuseppe Conte

Alla conferenza stampa con cui commenta soddisfatto il raggiungimento dei 45 obiettivi semestrali del Pnrr, il premier Mario Draghi fa alcune considerazioni sulla maggioranza e non ha dubbi sulla tenuta del governo: «non rischia».

«Sono ancora ottimista, il governo non rischia perché l’interesse nazionale e degli italiani è preminente» non ha dubbi Mario Draghi sulla tenuta del suo esecutivo. Il premier lo ha affermato nella conferenza stampa con cui ha commentato il raggiungimento degli obiettivi semestrali del Pnrr: «Sono molto soddisfatto perché il governo ha raggiunto tutti i 45 obiettivi del Pnrr per questo semestre. L’Italia ha dunque rispettato tutte le scadenze del piano ed è un segnale essenziale per la serietà e la credibilità del paese ed è già al lavoro per le scadenze di dicembre».

Non poteva mancare qualche passaggio sulla tenuta del governo, minata dallo scisma in casa 5 Stelle. Il presidente del consiglio non teme ripercussioni significative e afferma: «Il Governo è stato formato per fare e questa è la condizione che ha per fare. il Governo non si fa senza i 5 stelle, questa è la mia opinione. I 5 Stelle danno un contributo importante e sono certo che continueranno a darlo nei prossimi mesi. Conte ha confermato che non è intenzionato ad uscire dal governo e a dare l’appoggio esterno quindi mi baso su questo. Il governo è nato con i 5 Stelle, non si accontenta di un appoggio esterno, perché valuta troppo il contributo dei 5 Stelle per accontentarsi di un appoggio esterno».

Poi, dedica un pensiero ai rumors circolati in questi giorni: «Non ho sentito Grillo, mentre ho sentito Conte ieri e ci siamo scambiati dei messaggi. Non ho mai fatto le dichiarazioni che mi sono state attribuite sui 5 stelle, io non entro nei partiti. Mi è estraneo e non capisco il motivo di tirarmi dentro». Il riferimento è alle indiscrezioni trapelate da alcuni fonti vicine ai pentastellati, che vorrebbero che il Presidente del Consiglio abbia contatto l’elevato Beppe Grillo per chiedergli di espellere Conte. Una ricostruzione che all’ex premier, che si sente usurpato del suo ruolo a Palazzo Chigi, non è piaciuta per niente.

Se ne sarebbe lamentato anche con il Capo dello Stato Sergio Mattarella, che, stando alle indiscrezioni dei ben informati, avrebbe interrotto lo sfogo di Conte per chiedergli conto delle posizioni pentastellate su guerra in Ucraina, Pnnr, pandemia e tenuta dell’’esecutivo, ottenendo garanzie e rassicurazioni. Conte avrebbe assicurato che il Movimento non uscirà dal Governoe che anche l’ipotesi appoggio esterno non è più sul tavolo.

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Osservatore Quotidiano è un prodotto editoriale di Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore Vicario: Antonio Villella | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Alba Adriatica (TE) via Vibrata snc, 64011 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€ | Alcune delle immagini interamente o parzialmente riprodotte in questo sito sono reperite in internet. Qualora violino eventuali diritti d'autore, verranno rimosse su richiesta dell'autore o detentore dei diritti di riproduzione.