fbpx
Seguici su

Cronaca

Strage di Erba, gli elementi per i quali si chiede la revisione del processo

Pubblicato

il

chiesta revisione processo olindo e rosa strage di erba

La strage di Erba, per la quale vennero condannati all’ergastolo Olindo Romano e Rosa Bazzi, è tornata agli onori della cronaca dopo le richieste di revisione del processo presentate dal sostituto procuratore di Milano Tarfusser e del legale dei due condannati. Le nuove ipotesi contrastano alcuni punti delle condanne.

Si riaccendono i riflettori sulla Strage di Erba del dicembre 2006, in cui morirono 4 persone, tra cui un bimbo di due anni. Uno dei più efferati e discussi episodi di cronaca del nostro Paese, si concluse con la condanna all’ergastolo per Olindo Romano e Rosa Bazzi. Furono loro, in base alla sentenza, ad uccidere Raffaella Castagna, la madre Paola Galli, il figlio Youssef Marzouk e la vicina di casa, Valeria Cherubini, oltre a ferire gravemente Mario Frigerio. Non tutti però ora sono convinti della colpevolezza dei due. A risollevare la questione a livello mediatico ci ha pensato una serie di servizi che la trasmissione Le Iene ha dedicato all’argomento. Nei giorni scorsi invece, il sostituto procuratore di Milano Cuno J. Trasfusser ha chiesto al suo ufficio e all’Avvocatura dello Stato di chiedere la revisione del processo sulla strage di Erba. Richiesta alla quale si aggiunge l’istanza presentata dal legale di Olindo Romano e Rosa Bazzi, Fabio Schembri.

Se la Procura riterrà queste richieste fondate, presenterà richiesta di revisione alla Corte d’Appello competente, ovvero quella di Brescia. Al momento dunque un eventuale iter di revisione del processo sulla strage di Erba si trova ad uno stadio preliminare.

Eppure la sola ipotesi ha già suscitato molto clamore, anche per via dell’attenzione mediatica sul caso. Gli elementi su cui gli innocentisti si concentrano sono diversi e si basano anche sulle perizie fatte eseguire da 17 consulenti scientifici e psichiatrici: la macchia di sangue ritrovata nella macchina di Olindo Romano, le “imbeccate” ai testimoni, gli elementi non presi in considerazione nel processo e le confessioni rese dai due.

Innanzitutto la macchia di sangue. Sfuggita durante la prima perquisizione, venne poi ritrovata nell’auto di Olindo Romano. Secondo i consulenti che hanno stilato le perizie però, la documentazione da loro consultata non ne proverebbe l’esistenza. Oltre al fatto che nessun altra traccia biologica è stata ritrovata nell’auto o nell’appartamento dei coniugi Romano durante i ripetuti esami del Ris.

Le confessioni di Olindo Romano e Rosa Bazzi poi, non sarebbero veritiere. I due fino a due giorni prima si sono sempre dichiarati innocenti e, intercettati a loro insaputa, parlavano tra loro come se non avessero nulla a che fare col delitto e si chiedevano chi potesse essere stato. Il contesto ambientale in cui hanno reso le loro confessioni, sarebbe stato soggetto a fortissima pressione psicologica. All’interrogatorio, non in programma in un primo tempo, al netturbino e alla bidella semianalfabeti, hanno preso parte quattro pubblici ministeri e un ufficiale di polizia giudiziaria. L’avvocato d’ufficio viene descritto dal sostituto procuratore Tarfusser come una «mera presenza fisica». Olindo Romano e Rosa Bazzi vengono poi descritti come persone facilmente circuibili a causa dei disturbi di personalità di cui soffrirebbe il primo e di un ritardo mentale al quale sarebbe soggetta la seconda.

Anche la testimonianza chiave, quella dell’unico superstite Mario Frigerio, avrebbe subito l'”imbeccata” da parte degli inquirenti. Sebbene in un primo momento abbia detto di essere stato aggredito da una persona con la pelle olivastra, successivamente ha cambiato gradualmente la propria versione su spinta, è l’ipotesi , di chi indagava sul caso.

Ci sarebbero poi due testimonianze che non sono state prese in considerazione durante i processi, ma che invece dovrebbero essere tenute da conto: la prima è quella di un tunisino che abitava nello stabile, la seconda quella di un residente della zona. Secondo il primo, che faceva parte del gruppo di Azouz Marzouk, era in corso al tempo una faida tra gruppi rivali per il controllo dello spaccio di cocaina nel territorio. Nello stabile in cui è stato appiccato l’incendio erano conservati denaro e cocaina, mai trovati in seguito al delitto. L’altra testimonianza invece, ha parlato della presenza di figure straniere nei momenti precedenti al delitto.

Qui, nella lotta per il controllo per il traffico degli stupefacenti, potrebbe risiedere il movente della strage di Erba, per la quale è stata chiesta la revisione del processo. Se la Procura generale di Milano riterrà attendibili questi elementi, avanzerà l’istanza alla Corte d’Appello.

Cronaca

Crolla un ballatoio alla Vele di Scampia: 2 morti e 13 feriti

Pubblicato

il

Da

crollo scampia vele

Il crollo si è verificato alla Vela Celeste, la più popolosa delle Vele di Scampia. Il cedimento si è verificato al terzo piano, ma ha coinvolto anche quelli sottostanti. Tra i feriti anche alcuni bambini.

Il boato si è propagato intorno 22:30. Qualcuno stava ancora cenando, con le finestre spalancate a causa del caldo. «Sembrava il terremoto, poi abbiamo sentito un rumore a ripetizione», racconta una testimone. «Sembravano i fuochi d’artificio» le fa eco un altro. Erano le impalcature di ferro che cedevano una dopo l’altra. Ieri sera, lunedì 22 luglio, alle Vele di Scampia si è verificato il crollo di un ballatoio, che ha provocato la morte di 2 persone ed il ferimento di altre 13. Tra questi, anche dei bambini. 800 sfollati.

L’episodio si è verificato alla Vela Celeste, la più popolosa. A cedere sono stati alcuni corridoi in ferro al terzo piano, che hanno innescato un crollo a catena che ha riguardato anche i piani sottostanti. Queste passerelle in metallo attraversano la struttura e conducono alle abitazioni. Pertanto diverse famiglie dopo il crollo sono rimaste bloccate in casa. Si è venuta così a creare una situazione paradossale nel cuore della notte: nell’edificio, raggiunto da un ordine di sgombero, sono rimaste intrappolate alcune persone, mentre all’esterno quelli che non si trovavano nelle loro abitazioni premevano per rientrare, ma venivano bloccati dai soccorritori.

Le operazioni di soccorso sono state complesse, a partire dal censimento degli sfollati. Circa 800 le persone che non possono al momento fare ritorno nelle proprie abitazioni e che sono in cerca di una sistemazione, mentre procedono le verifiche sull’agibilità della struttura. Nella Vele Celeste nel frattempo le famiglie bloccate in casa hanno atteso che venisse creato un corridoio sicuro per evacuare l’edificio. Intorno alle 4:00 del mattino i Vigili del Fuoco hanno escluso che ci fossero altre persone sotto le macerie.

Le persone decedute appartengono allo stesso nucleo famigliare. Due bambine di 4 e 7 anni si trovano ricoverate in gravissime condizioni con lesioni multiple. Sono in Rianimazione con prognosi riservata. Gli altri bambini rimasti feriti si trovano ricoverati al pronto soccorso dell’ospedale Santobono, mentre gli adulti sono stati portati all’Ospedale del Mare e al Cardarelli. Un ragazzo di 33 anni si trova in Codice Rosso.

Il prefetto di Napoli Michele Di Bari ha riunito il centro coordinamento soccorsi per le prime attività necessarie ed urgenti tra cui anche il coordinamento delle forze di polizia per cinturare e mettere in sicurezza l’area. Nelle prime ore del mattino il prefetto e il sindaco Gaetano Manfredi hanno effettuato un sopralluogo.

La Vela Celeste sarà l’unica a rimanere in piedi, dopo che è stato deciso l’abbattimento delle altre con l’obiettivo di rigenerare la zona. Ad aprile è stato annunciato un progetto da 18 milioni di euro che prevede interventi di riqualificazione. Qui dovrebbero trovare sede anche alcuni corsi di laurea di Medicina.

 

Continua a leggere

Cronaca

Omofobia a Roma, due ragazzi gay picchiati per strada perché si tenevano per mano

Pubblicato

il

Da

ragazzi gay aggrediti a roma

Due ragazzi gay sono stati aggrediti in strada a Roma: mentre passeggiavano mano nella mano, sono stati barbaramente picchiati da tre ragazzi ed una ragazza. Nessuno è intervenuto per difendere i due, ma qualcuno ha immortalato l’episodio, rilanciato poi da Gay Help Line.

Pugni, calci e cinghiate, anche da terra, per aver passeggiato mano nella mano. Due ragazzi gay sono stati barbaramente aggrediti a Roma, nel week end appena passato. Mentre attraversavano la strada ha tagliato loro la strada una macchina, che ha inchiodato. Un urlo di uno dei due pedoni ha dato il là alla scena di violenza.

Tre ragazzi ed una ragazza sono scesi dall’auto e si sono scagliati contro i due, picchiati selvaggiamente anche mentre si trovavano a terra. Il tutto mentre i loro aggressori li ricoprivano di insulti omofobi.

Le vittime dell’aggressione hanno denunciato alla Polizia l’accaduto e gli agenti sono al lavoro per identificare i responsabili. « le vittime hanno deciso di denunciare l’accaduto alla polizia e hanno chiamato il Gay Help Line, contact center antiomobitransfobia, per ricevere supporto legale» spiega in una nota l’associazione Gay center, che ha pubblicato il video nella speranza di aiutare gli inquirenti.

«Non possiamo più accettare di vivere in una società dove la violenza, come quella che abbiamo subito, è ancora una triste realtà. Siamo stanchi di dover avere paura di passeggiare mano nella mano, di guardarci continuamente alle spalle, di vivere con l’ansia costante di essere vittime di atti insensati. Oltre al dolore fisico del pestaggio, ci ha ferito profondamente l’indifferenza di chi ha assistito alla scena. Anziché intervenire per aiutarci, queste persone hanno preferito filmare l’accaduto e pubblicarlo sui social, beffandosi del nostro dolore. Rivedendo il video, siamo rimasti sconvolti dalla ferocia con cui siamo stati attaccati, senza che nessuno temesse le gravi conseguenze che un simile gesto poteva avere».

Continua a leggere

Cronaca

Bambina di 1 anno morta dopo essere stata dimenticata in auto dal padre

Pubblicato

il

Da

Tragedia nel veneziano dove una bambina è stata dimenticata dal padre in auto per alcune ore, sotto il sole cocente. Quando se n’è accorto è tornato al veicolo, ma per la piccola non c’era più niente da fare.

Vicenda drammatica e difficile da accettare a Marcon, in provincia di Venezia. Una bambina di appena un anno è morta dopo che il padre l’ha dimenticata in auto. La piccolissima è rimasta bloccata nell’abitacolo sotto al sole cocente per alcune ore.

Quando il padre si è accorto del suo terribile errore, si è precipitato verso il veicolo ed ha chiamato i soccorsi, i quali si sono precipitati sul posto e sono arrivati dopo pochi minuti. Ma per la piccola ormai non c’era più nulla da fare. I genitori della bambina sono ora seguiti dall’assistenza psicologica messa a disposizione dalla Usl 3.

 

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Osservatore Quotidiano è un prodotto editoriale di Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore : Antonio Villella | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Alba Adriatica (TE) via Vibrata snc, 64011 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€ | Alcune delle immagini interamente o parzialmente riprodotte in questo sito sono reperite in internet. Qualora violino eventuali diritti d'autore, verranno rimosse su richiesta dell'autore o detentore dei diritti di riproduzione.