fbpx
Seguici su

Cronaca

Cure “miracolose” in cambio di migliaia di euro: oncologo condannato a 9 anni

Pubblicato

il

letto-ospedale-eutanasia-suicidio-assistito

Avrebbe guadagnato oltre 2,5 milioni di euro in una decina d’anni, dando false speranze a pazienti oncologici. Condannato a 9 anni l’ex dirigente medico dell’Istituto Tumori Giovanni Paolo II di Bari, Giuseppe Rizzi, che somministrava, dietro pagamento di migliaia di euro, cure miracolose. Condannata a 5 anni la moglie.

Le indagini sono partite in seguito alla denuncia dei famigliari di un uomo malato di tumore che, ormai in fin di vita e senza più un soldo, lavorava come manovale nella casa al mare del suo dottore, un oncologo di chiara fama. Lo faceva per “guadagnarsi” il miracoloso farmaco che il medico gli prescriveva già da tempo e per il quale aveva sborsato più di 127 mila euro. Giuseppe Rizzi, medico sessantaseienne ex direttore dell’Istituto Tumori Giovanni Paolo II di Bari, è stato condannato a 9 anni di reclusione per aver raggirato 16 malati terminali, ai quali ha promesso cure miracolose. Raggiro perpetrato insieme alla moglie, l’avvocatessa Maria Antonietta Sancipriani, condannata 5 anni e sei mesi. Il pm aveva chiesto 10 anni per il medico e 4 anni per la moglie.

Interdetti entrambi dai pubblici uffici in perpetuo, per Rizzi è scattata anche la cessazione del rapporto di lavoro con l’amministrazione di provenienza. Condannati anche a risarcire 13 parti civili, tra cui le vittime del raggiro, l’Ordine dei Medici e l’Oncologico, per una cifra complessiva di quasi 330 mila euro. In sede civile potrebbero arrivare ulteriori richieste di risarcimento.

In base alle accuse, Rizzi chiedeva fino a 7 mila euro per somministrare un farmaco miracoloso, dando false speranze ai malati. Inutile aggiungere che le cure prescritte dal medico non si sono rivelate efficaci e che i pazienti hanno sborsato decine di migliaia di euro per prestazioni sanitarie alle quali avevano diritto gratuitamente.

Cronaca

Svaligia la cassaforte di un supermercato: segnalato ragazzino di 11 anni

Pubblicato

il

Ha approfittato di un momento di distrazione per impadronirsi delle chiavi della cassaforte, asportare tre astucci contenti gli incassi di giornata e dileguarsi, il ragazzino che ha commesso una rapina in un supermercato di Ferrara. Un addetto ha provato a fermarlo, ma è riuscito a fuggire.

Ha atteso l’attimo propizio. Ha agito con destrezza e rapidità. Ha guadagnato la fuga, spintonando l’unica che si era accorta di quanto stava accadendo. Solo la ricostruzione dei suoi movimenti attraverso le immagini dei sistemi di videosorveglianza ha permesso agli inquirenti di rintracciarlo. Non si tratta di un rapinatore seriale, ma di un ragazzino di 11 anni, segnalato alla Procura dei minori di Ferrara per la rapina in un supermercato.

La vicenda si è consumata in pieno giorno. Non si tratta di un semplice episodio di taccheggio, bensì di una vera e propria rapina, dal bottino di svariate migliaia di euro. Sei mila per la precisione. I contanti erano custoditi in tre astucci, conservati nella cassaforte installata nell’area dipendenti dell’esercizio commerciale.

Il ragazzino di 11 anni autore della rapina al supermercato ha approfittato di un momento di distrazione generale per prendere le chiavi da una cassetta. Poi ha ripulito la cassaforte. Solo mentre si allontanava una cassiera ha notato i suoi movimenti. La donna ha provato a fermarlo, ma lui l’ha spintonata ed è fuggito via.

Nella fuga ha dovuto abbandonare due dei tre astucci rubati. L’altro, quello contente sei mila euro, l’ha portato con sé. Ma gli investigatori l’hanno trovato mediante la visione dei filmati di sicurezza. E per la sua identificazione, sono state rilevanti le foto pubblicate dal giovane sui social network.

Continua a leggere

Cronaca

Strage sul lavoro a Palermo: 5 operai morti durante lavori fognari

Pubblicato

il

I cinque operai morti a Casteldaccia in provincia di Palermo, hanno respirato esalazioni tossiche durante alcuni lavori alla rete fognaria.

Sarebbero state le esalazioni tossiche provenienti dalle acque nere ad uccidere i cinque operai morti in una strage sul lavoro avvenuta questa mattina a a Casteldaccia, in provincia di Palermo. Uno dopo l’altro, si sono calati nel tombino della morte. Quando il primo non è riemerso il secondo è sceso a cercarlo e poi il terzo e poi il quarto e così via. Il settimo ha dato l’allarme. E’ quello che versa nelle migliori condizioni. Il collega prima di lui si trova intubato in gravi condizioni al Policlinico di Palermo. Gli altri non ce l’hanno fatta.

I lavori interessavano la rete fognaria nei pressi degli stabilimenti dell’azienda vinicola Corvo. La maggior parte degli operai rimasti coinvolti nella strage sul lavoro avvenuta in provincia di Palermo, erano dipendenti della ditta Quadrifoglio group srl di Partinico, società che lavora per conto della municipalizzata palermitana Amap, che si occupa della gestione idrica in città.

«Un’immane tragedia. Siamo sconvolti. Cinque giovani che sono morti per un pezzo di pane. E’ inconcepibile», ha dichiarato il sindaco di Casteldaccia, Giovanni Di Giacinto, arrivando sul luogo della strage.

Continua a leggere

Cronaca

Arrestato sospetto terrorista a Fiumicino: «fa parte dell’Isis»

Pubblicato

il

113 polizia volante pantera

Ha 32 anni, proviene dal Tagikistan ed era latitante da diverso tempo. Viaggiava sotto falsa identità.

Pendeva un mandato d’arresto internazionale per l’uomo di 32 anni originario del Tagikistan, arrestato oggi all’aeroporto di fiumicino con l’accusa di essere un terrorista dell’Isis. L’uomo si sarebbe arruolato nelle milizie del califfato nel 2014 ed avrebbe combattuto in Siria nello stesso anno.

Secondo quanto riportato da Adnkronos, per eludere le forze dell’ordine che lo cercavano da diverso tempo, viaggiava con documenti fasulli. Sarebbero stati diversi gli alias a sua disposizione, con differenti età e nazionalità, in particolare Uzbekistan, Kirghizistan e Ucraina.

Il sospetto terrorista arrestato oggi è’ atterrato in Italia, a Fiumicino, alle 11:45. Proveniva dall’aeroporto di Eindhoven, nei Paesi Bassi. E’ stato fermato dalla Digos capitolina sotto il coordinamento della Direzione Centrale della Polizia di Prevenzione e con l’aiuto della Polizia di Frontiera di Fiumicino.

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Osservatore Quotidiano è un prodotto editoriale di Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore : Antonio Villella | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Alba Adriatica (TE) via Vibrata snc, 64011 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€ | Alcune delle immagini interamente o parzialmente riprodotte in questo sito sono reperite in internet. Qualora violino eventuali diritti d'autore, verranno rimosse su richiesta dell'autore o detentore dei diritti di riproduzione.