fbpx
Seguici su

Cronaca

De Angelis e il post che nega la matrice fascista della strage di Bologna: «chiedo scusa, ho scritto di getto»

Pubblicato

il

girorgia meloni non indica la matrice della strage di bologna

Il responsabile della comunicazione di regione Lazio Marcello De Angelis, in passato militante tra le fila destra radicale e cognato dell’ex Nar Luigi Ciavardini, ha sollevato un polverone con un post in cui negava le responsabilità di Mambro, Fioravanti e del cognato della strage di Bologna ed oggi si scusa affermando che si trattava di un «testo non ponderato, ma scritto di getto sulla spinta di una sofferenza interiore». Non parla di dimissioni, ma rocca prende le distanze.

Un post sui social di Marcello De Angelis, responsabile della comunicazione di Regione Lazio, ha sollevato un vero putiferio politico a causa del suo contenuto: negava la matrice la fascista della strage di Bologna, le responsabilità di Mambro, Gioravanti e Ciavardini (del quale è cognato) e si scagliava perfino contro il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, reo di aver contribuito ai “depistaggi” sui veri autori della strage. Oggi, De Angelis è tornato sulla questione, con un altro, lungo, post nel quale si scusa ed afferma di essere stato frainteso «per l’enfasi di un testo non ponderato, ma scritto di getto sulla spinta di una sofferenza interiore». Assicura inoltre di nutrire il massimo rispetto per le Istituzioni, prima fra tutte la presidenza della Repubblica.

De Angelis comincia scusandosi «con quelli – e sono tanti, a partire dalle persone a me più vicine» a cui le sue «riflessioni personali» hanno «provocato disagi». Ha poi spiegato che le sue affermazioni «possono essere fraintese per l’enfasi di un testo non ponderato, ma scritto di getto sulla spinta di una sofferenza interiore che non passa ed è stata rinfocolata in questi mesi».

«Ho servito e rappresentato le istituzioni democratiche per anni e ne ho il massimo rispetto, così come per tutte le cariche dello Stato, che da parlamentare ho contributo ad eleggere e che oggi sostengo come cittadino elettore – prosegue De Angelis – Fra queste e prima di tutte, la Presidenza della nostra repubblica».

Una puntualizzazione: «I colleghi giornalisti che quotidianamente e pubblicamente mi definiscono un ex-terrorista – pur nella consapevolezza del fatto che non sono mai stato condannato per nessun atto criminale o gesto di violenza – infangano il mio onore e mi negano la dignità di una intera vita. Perché un terrorista è una persona schifosa e vile».

Ma sul tema principale, la matrice della strage di Bologna, ha affermato che «in merito alla più che quarantennale ricerca della verità sulla strage di Bologna, l’unica mia certezza è il dubbio».

«Purtroppo sono intervenuto su una vicenda che mi ha colpito personalmente, attraverso il tentativo, fallito, di indicare mio fratello, già morto, come esecutore della strage. Questo episodio mi ha certamente portato ad assumere un atteggiamento guardingo nei confronti del modo in cui sono state condotte le indagini.

Esprimo quindi dubbi, così come molti hanno espresso dubbi sulla sentenza definitiva contro Adriano Sofri senza per questo essere considerati dei depistatori o delle persone che volessero mancare di rispetto ai familiari del commissario Calabresi».

Questi sono alcuni stralci del lungo post di De Angelis nel quale, oltre a ribadire le scuse, afferma che bisogna ancora scavare per accertare la verità su quanto accaduto alla stazione di Bologna il 2 agosto del 1980. Altrettanto lungo fu quello che ha scosso il vespaio, del quale citiamo un solo stralcio: «So per certo che con la strage di Bologna non c’entrano nulla Fioravanti, Mambro e Ciavardini. Non è un’opinione: io lo so con assoluta certezza. E in realtà lo sanno tutti: giornalisti, magistrati e “cariche istituzionali” […] chi ogni anno e con toni da crociata, grida al sacrilegio se qualcuno chiede approfondimenti sulla questione ha SICURAMENTE qualcosa da nascondere».

Nessun accenno ad eventuali dimissioni, invocate a gran voce da opposizioni e familiari delle vittime, sebbene il presidente di Regione Lazio Francesco Rocca, potrebbe prendere provvediemnti anche drastici: «Vedrò Marcello De Angelis nel pomeriggio e sentirò cosa mi dirà. La mia posizione, anche sulle sentenze, l’ho espressa ieri con chiarezza. De Angelis ha commesso un errore importante parlando in termini di certezza anche se a titolo personale. Io farò le mie valutazioni ma lui non ha alcun ruolo politico nell’amministrazione regionale. Io mi sento spessissimo con la Meloni, abbiamo avuto modo di sentirci: mi ha chiesto di chiarire e certamente non era felice per quanto accaduto».

Cronaca

Omofobia a Roma, due ragazzi gay picchiati per strada perché si tenevano per mano

Pubblicato

il

Da

ragazzi gay aggrediti a roma

Due ragazzi gay sono stati aggrediti in strada a Roma: mentre passeggiavano mano nella mano, sono stati barbaramente picchiati da tre ragazzi ed una ragazza. Nessuno è intervenuto per difendere i due, ma qualcuno ha immortalato l’episodio, rilanciato poi da Gay Help Line.

Pugni, calci e cinghiate, anche da terra, per aver passeggiato mano nella mano. Due ragazzi gay sono stati barbaramente aggrediti a Roma, nel week end appena passato. Mentre attraversavano la strada ha tagliato loro la strada una macchina, che ha inchiodato. Un urlo di uno dei due pedoni ha dato il là alla scena di violenza.

Tre ragazzi ed una ragazza sono scesi dall’auto e si sono scagliati contro i due, picchiati selvaggiamente anche mentre si trovavano a terra. Il tutto mentre i loro aggressori li ricoprivano di insulti omofobi.

Le vittime dell’aggressione hanno denunciato alla Polizia l’accaduto e gli agenti sono al lavoro per identificare i responsabili. « le vittime hanno deciso di denunciare l’accaduto alla polizia e hanno chiamato il Gay Help Line, contact center antiomobitransfobia, per ricevere supporto legale» spiega in una nota l’associazione Gay center, che ha pubblicato il video nella speranza di aiutare gli inquirenti.

«Non possiamo più accettare di vivere in una società dove la violenza, come quella che abbiamo subito, è ancora una triste realtà. Siamo stanchi di dover avere paura di passeggiare mano nella mano, di guardarci continuamente alle spalle, di vivere con l’ansia costante di essere vittime di atti insensati. Oltre al dolore fisico del pestaggio, ci ha ferito profondamente l’indifferenza di chi ha assistito alla scena. Anziché intervenire per aiutarci, queste persone hanno preferito filmare l’accaduto e pubblicarlo sui social, beffandosi del nostro dolore. Rivedendo il video, siamo rimasti sconvolti dalla ferocia con cui siamo stati attaccati, senza che nessuno temesse le gravi conseguenze che un simile gesto poteva avere».

Continua a leggere

Cronaca

Bambina di 1 anno morta dopo essere stata dimenticata in auto dal padre

Pubblicato

il

Da

Tragedia nel veneziano dove una bambina è stata dimenticata dal padre in auto per alcune ore, sotto il sole cocente. Quando se n’è accorto è tornato al veicolo, ma per la piccola non c’era più niente da fare.

Vicenda drammatica e difficile da accettare a Marcon, in provincia di Venezia. Una bambina di appena un anno è morta dopo che il padre l’ha dimenticata in auto. La piccolissima è rimasta bloccata nell’abitacolo sotto al sole cocente per alcune ore.

Quando il padre si è accorto del suo terribile errore, si è precipitato verso il veicolo ed ha chiamato i soccorsi, i quali si sono precipitati sul posto e sono arrivati dopo pochi minuti. Ma per la piccola ormai non c’era più nulla da fare. I genitori della bambina sono ora seguiti dall’assistenza psicologica messa a disposizione dalla Usl 3.

 

Continua a leggere

Cronaca

Tenta di stuprare una ragazza in spiaggia ad Otranto: la folla cerca di linciarlo

Pubblicato

il

Da

abusi sessuali violenza tentato stupro otranto

Un uomo di 50 anni ha afferrato per il braccio una giovane di 15 anni, l’ha trascinata in acqua ed ha tentato uno stupro, sotto gli occhi dei bagnanti. Le grida della ragazza hanno attirato un gruppo di persone che ha tentato di linciare il molestatore. Era già stato denunciato per lo stesso motivo.

Carabinieri e Guardia di Finanza sono subito intervenuti per soccorrere la ragazza, ma alla fine hanno dovuto salvare dal linciaggio l’autore del tentato stupro avvenuto in spiaggia ad Otranto la scorsa domenica 14 luglio. Nella zona della Baia dei Turchi un uomo di 50 anni ha tentato di abusare di una ragazzina di 15, sotto gli occhi di decine di bagnanti. Che non l’hanno presa benissimo.

I testimoni raccontano che quell’uomo era già stato notato fare e su e giù per la spiaggia. Ad un certo punto ha posato gli occhi sulla giovanissima, che si trovava in compagnia del fidanzato e del fratello piccolo di quest’ultimo. In un momento di distrazione, l’uomo ha afferrata per un braccio la ragazza e l’ha trascinata in acqua, iniziando a palpeggiarla. La quindicenne però ha chiamato aiuto a gran voce ed in breve il suo ragazzo ed altre persone sono accorse sul luogo. Ed hanno cercato di vendicarsi.

Le forze dell’ordine hanno caricato l’uomo su una gazzella, salvandolo dalla folla inferocita, e lo hanno condotto in caserma. L’uomo, che era già stato denunciato per lo stesso motivo, è ora indagato a piede libero, ma non è escluso che nei suoi confronti possa essere eseguita una misura cautelare già nei prossimi giorni.

Si tratta del secondo caso di violenza sessuale che si registra sulle spiagge salentine in pochi giorni. Oltre al tentato stupro avvenuto ad Otranto infatti, mercoledì 10 luglio una ragazza di 13 anni ha denunciato molestie subite da un animatore di 17 anni, in un villaggio turistico di Torre dell’Orso.

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Osservatore Quotidiano è un prodotto editoriale di Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore : Antonio Villella | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Alba Adriatica (TE) via Vibrata snc, 64011 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€ | Alcune delle immagini interamente o parzialmente riprodotte in questo sito sono reperite in internet. Qualora violino eventuali diritti d'autore, verranno rimosse su richiesta dell'autore o detentore dei diritti di riproduzione.