fbpx
Seguici su

Attualità

Invasione in Ucraina: Putin minaccia il mondo con il nucleare

Pubblicato

il

Vladimir Putin

KIEV – Sull’orlo della crisi nucleare mondiale, Kiev e Mosca decidono di trattare. Mentre l’Ucraina resta assediata dalle forze nemiche, con la capitale sotto le bombe e la battaglia che infuria a Kharkiv, Vladimir Putin mette in stato d’allerta il sistema difensivo atomico della Russia, spingendo le delegazioni a incontrarsi oggi sulle sponde del fiume Pripyat, alle porte della Bielorussia.

Come riporta l’Ansa, riuniti i vertici militari, il presidente russo ha scandito l’annuncio che rischia di far ripiombare il mondo nell’incubo della guerra atomica. “Ordino al ministro della Difesa e al capo di stato maggiore di mettere in allerta speciale le forze di deterrenza dell’esercito russo, in risposta alle dichiarazioni aggressive dell’Occidente”, ha disposto Putin. Parole che d’un colpo esasperano la dimensione della crisi.

Per il Pentagono, si tratta di “un’escalation” che rischia di sfociare in un errore di calcolo e può rendere “le cose molto più pericolose”. Ma gli Stati Uniti hanno “fiducia nel fatto che possono difendersi e difendere gli alleati”. Sulla reale entità della minaccia, la Difesa americana non si sbilancia, mentre Berlino parla di una mossa dettata dalla frustrazione per la frenata dell’offensiva. Anche il segretario generale della Nato Jens Stoltenberg ha condannato la “retorica aggressiva”, mentre il Consiglio di sicurezza dell’Onu ha convocato una nuova riunione d’urgenza.

Prosegue, intanto, anche la sfilza di sanzioni, che secondo Lukashenko sono “peggio della guerra” e spingono Putin “verso una Terza guerra mondiale”. Ma l’Europa ha ormai saltato il fosso anche sugli aiuti militari a Kiev e, come riporta l’Ansa, la premier danese Mette Frederiksen ha espresso il suo appoggio ai volontari che vogliano unirsi alle brigate internazionali al fianco degli ucraini. Un annuncio storico arriva anche dalla Svezia, che inviando 5 mila lanciarazzi anticarro cancella la dottrina che escludeva la consegna di armi a Stati impegnati in un conflitto: una scelta che non faceva dal 1939.

Attualità

Salvini e la gaffe con il candidato non vedente: “Sarà un occhio per gli italiani”

Pubblicato

il

Matteo Salvini

ROMA – “Mario al Senato sarà un occhio per milioni italiani”, così Matteo Salvini ieri sera a Porta a Porta. Peccato che Mario Barbuto sia non vedente e che il leader leghista continui a parlare non rendendosi conto dell’evidente gaffe.

Il “Mario” in questione è infatti il presidente dell’Unione italiana ciechi ed è candidato per il centrodestra a Palermo. “Parlando con Mario, si capisce un mondo che teoricamente è al buio, però portarlo con me in Senato sarà una speranza, un occhio, per milioni di italiani troppo spesso dimenticati”, le parole esatte di Salvini nel salotto di Vespa.

“Dopo di me, ci sarà qualcuno che dirà che bisogna includere chi sbarca domani mattina a Lampedusa. Chi sceglie la Lega di includere chi è nato qua, penso ai bimbi che ancora non hanno l’insegnante di sostegno, una vergogna. Quindi sono contento che Mario a nome di tante associazioni di volontariato, del terzo settore e delle disabilità abbia scelto la Lega per portare avanti una battaglia di civiltà”, ha aggiunto Salvini.

Continua a leggere

Attualità

Folla oceanica grazie a Photoshop: ma a Meloni si allungano anche i piedi

Pubblicato

il

PALERMO – È diventata virale sui social l’immagine di piazza Ruggero Settimo a Palermo pubblicata da Giorgia Meloni durante il suo comizio di martedì. Probabilmente, per rendere l’effetto della folla oceanica, sarebbe stato usato Photoshop.

Ma ad allungarsi, assieme alla piazza, sono stati anche piedi di Giorgia Meloni. A rilanciare l’immagine è l’eurodeputato Ignazio Corrao, che commenta: “Quando nel tentativo di allungare la piazza con il photoshop ti allungano i piedi come un clown”.

Continua a leggere

Attualità

Il Patriarca Kirill esorta i fedeli ad arruolarsi: “Se muori sarai con Dio”

Pubblicato

il

MOSCA – “Vai coraggiosamente a compiere il tuo dovere militare. E ricorda che se muori per il tuo Paese, sarai con Dio nel suo regno, gloria e vita eterna”: il Patriarca di Mosca e di tutte le Russie Kirill esorta così gli uomini della Federazione alla mobilitazione lanciata dal presidente Vladimir Putin, invitando i fedeli a “non avere paura della morte”.

Lo riporta in un tweet il media indipendente bielorusso Nexta. Come riporta l’Ansa, il Cremlino intanto ha ammesso per bocca del suo portavoce, Dmitry Peskov, che tra la popolazione russa c’è stata “una reazione isterica” alla dichiarazione della mobilitazione parziale del presidente Vladimir Putin, che ha dato origine a una ridda di voci su quanti e quali cittadini potranno essere richiamati alle armi. Secondo Peskov, “si poteva in qualche modo capire la reazione isterica ed estremamente emotiva delle prime ore dopo l’annuncio, o anche nella prima giornata, perché vi era una certa mancanza di informazione, ma già dalla giornata di ieri sono state attivate tutte le linee di informazione” necessarie. Lo riferisce la Tass.

L’organizzazione non governativa Guide to the Free World che aiuta i russi che si oppongono alla guerra a lasciare il Paese, stima che sarebbero circa 70mila gli uomini fuggiti dalla Russia o che stanno escogitando un piano di fuga.

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Osservatore Quotidiano è un prodotto editoriale di Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore Vicario: Antonio Villella | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Alba Adriatica (TE) via Vibrata snc, 64011 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€ | Alcune delle immagini interamente o parzialmente riprodotte in questo sito sono reperite in internet. Qualora violino eventuali diritti d'autore, verranno rimosse su richiesta dell'autore o detentore dei diritti di riproduzione.