fbpx
Seguici su

Attualità

Morta a soli 20 anni Nazifa, era stata premiata da Mattarella

Pubblicato

il

RAVENNA – Nel 2018, per il suo impegno come volontaria nella Croce Rossa, Nazifa Noor Ahmad aveva ricevuto dal Capo dello Stato, Sergio Mattarella, l’attestato di Alfiere della Repubblica dopo che, nel 2008, era giunta a Bagnacavallo nel Ravennate, dall’Afghanistan grazie ad un intervento congiunto fra il contingente militare Italiano in campo a Herat e la Protezione Civile della Bassa Romagna, al tempo guidata da Roberto Faccani che l’aveva accolta nella sua famiglia per offrirle la possibilità di curarsi da una grave forma di linfoma di Hodgkin toracico-cervicale.

Com riporta l’Ansa, è morta a soli venti anni, la settimana scorsa, a qualche giorno di distanza dal trapianto di polmoni cui era stata sottoposta a Padova sabato scorso. Nel corso degli anni, la giovane – giunta in Romagna a poco più di sei anni e divenuta bagnacavallese d’adozione – aveva dovuto sostenere cure complesse, a causa delle sue condizioni di salute, ed era stata ricoverata diverse volte al reparto di onco-ematologia pediatrica dell’ospedale Sant’Orsola di Bologna. Di recente il ricovero a Padova per un intervento ai polmoni, dopo le cure cicliche cui era costretta.

Nazifa, che avrebbe dovuto sostenere l’esame di maturità posticipato a settembre, al liceo scientifico di Lugo, era stata accompagnata dalla mamma e una delle sorelle adottive, al suo fianco sempre come il babbo adottivo, Roberto Faccani, da cui aveva tratto la passione per il volontariato, svolto nelle fila della Croce Rossa lavorando anche come interprete nei Centri di accoglienza per migranti. Un impegno che, come ricorda l’Ansa, le era valsa l’onorificenza del Presidente della Repubblica.

“E’ un momento molto difficile e noi della famiglia facciamo fatica a parlare ed esprimere ciò che proviamo per questa grave perdita – ha raccontato lo stesso Faccani nei giorni scorsi a ‘il Resto del Carlino’ di Ravenna -: Nazifa è con noi da 14 anni ed io e la mia famiglia l’abbiamo seguita in ogni suo passo, sia per la cura della malattia, sia per l’inserimento nella vita sociale. Si sentiva perfettamente italiana, romagnola e bagnacavallese tanto che a sette anni ha imparato la nostra lingua in soli quattro mesi. Era legata a tutti e amata da tutti. Gli amici e i compagni di scuola sono increduli di quanto accaduto e negli ultimi mesi l’hanno sempre seguita e sostenuta. Ha dato alla collettività il meglio di se e resterà nei ricordi di molti”.

E, come riporta l’Ansa, sulla morte della ragazza afghana si è espresso anche il presidente nazionale della Croce Rossa Italiana, Francesco Rocca. “Non ci sono parole adeguate per la scomparsa della nostra Nazifa – ha argomentato al ‘Carlino’ – ogni commento sembra superfluo. Ma non è così, perché la sua breve vita ha avuto un valore immenso: è stata veicolo di speranza e voglia di dedicarsi agli altri per restituire quanto ricevuto”.

Attualità

Fratelli d’Italia, eletto alla Camera il candidato che inneggiò ad Hitler

Pubblicato

il

AGRIGENTO – E’ un caso l’elezione Calogero Pisano. Fino a pochi giorni fa coordinatore di Fratelli d’Italia nelle provincia di Agrigento, Pisano è finito nella bufera per alcuni post su Facebook del 2004 che inneggiavano a Hitler e Putin.

Fratello Il partito ha incassato le proteste del Pd e della comunità ebraica e il 19 settembre scorso l’ha sospeso: ma Pisano era già candidato al Parlamento e ora Fratelli d’Italia se lo è ritrovato deputato. L’ex dirigente si era infatti dimesso dall’incarico ma non aveva rinunciato alla corsa per il Parlamento: è stato eletto alla Camera nel collegio uninominale agrigentino, con il 37,82%, battendo Filippo Perconti del M5s (29,28%).

Prima di dimettersi dal partito, Pisano aveva chiesto scusa “per quei post indegni che a distanza di anni, giudico indegni” aggiungendo di “non voler trascinare Fratelli d’Italia in situazioni imbarazzanti”.

Continua a leggere

Attualità

Le urla di Renato Zero davanti all’hotel di Giorgia Meloni: “E’ un regime, str***i!”

Pubblicato

il

ROMA – Dopo il concerto al Circo Massimo Renato Zero si è recato all’Hotel Parco dei Principi vicino a Villa Borghese a Roma.

Nello stesso luogo, però, si stava tenendo il comitato elettorale di Fratelli d’Italia per le elezioni politiche del 25 settembre. Il numeroso presidio di giornalisti sul posto si è avvicinato per riprendere Zero e il cantautore ha inveito contro di loro coprendosi il volto e dicendo: “Neanche più in albergo si va? È un regime questo. Str*nzi! Votate la m*rda che siete”.

Continua a leggere

Attualità

Cuba, referendum dice “Sì” a matrimoni e adozioni gay

Pubblicato

il

L’AVANA – Con quasi il 67% dei voti favorevoli, Cuba ha detto “Sì” alla riforma del Codice della Famiglia sottoposta ieri a referendum, che introduce nel Paese matrimoni e adozioni gay e la maternità surrogata, tra le novità. Come riporta l’Ansa, lo ha annunciato oggi la presidente del Consiglio elettorale nazionale (Cen), Alina Balseiro, secondo quanto riportato dall’agenzia statale Prensa Latina. Balseiro ha affermato che, sebbene il conteggio debba ancora concludersi in alcuni collegi di tre province, il Cen convalida questi risultati come “validi e irreversibili”. 

Riportando i dati preliminari sul referendum, il Cen ha riferito che hanno partecipato al voto 6.251.786 cubani, pari al 74.01% degli 8,4 milioni di elettori registrati. Il numero totale di schede valide è di 5.892.705, che rappresenta il 94,25%. A favore del “Sì” sono state contate 3.936.790 schede, pari al 66,87%. A favore del “No” sono andate 1.950.090 schede, pari al 33,13%.

Come riporta l’Ansa, con la vittoria del ‘Sì’ al referendum, risulta approvato il nuovo Codice della Famiglia cubano, che andrà a sostituire il precedente del 1975. Il nuovo testo introduce il matrimonio tra persone dello stesso sesso e le adozioni per coppie omosessuali. Disciplina la maternità surrogata e porta novità nel contrasto alla violenza di genere, insieme al divieto del matrimonio infantile. Tra le novità, prevede inoltre il trasferimento della “responsabilità genitoriale” dei minori agli anziani, cosa fondamentale per l’isola, terra di emigrazione.

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Osservatore Quotidiano è un prodotto editoriale di Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore Vicario: Antonio Villella | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Alba Adriatica (TE) via Vibrata snc, 64011 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€ | Alcune delle immagini interamente o parzialmente riprodotte in questo sito sono reperite in internet. Qualora violino eventuali diritti d'autore, verranno rimosse su richiesta dell'autore o detentore dei diritti di riproduzione.