fbpx
Seguici su

Cronaca

Blitz anti ‘ndrangheta a Roma, tra i 65 arrestati anche due carabinieri

Pubblicato

il

blitz anti 'ndrangheta a Roma 65 arresti tra cui due carabinieri

65 misure cautelari spiccate ad appartenenti e fiancheggiatori di una cosca, tra Anzio e Nettuno, sulla costa laziale. Tra gli arrestati per ‘ndrangheta anche due carabinieri. Tra le accuse traffico internazionale di stupefacenti e infiltrazioni nella pubblica amministrazione.

Nella notte, centinaia di carabinieri hanno dato esecuzione al provvedimento richiesto dalla Direzione distrettuale antimafia di Roma ed hanno arrestato 65 persone ritenute collegate ad un clan di ‘ndrangheta attivo sul litorale laziale. Per l’imponente operazione, i militi hanno impiegato anche elicotteri con cui hanno illuminato a giorno terreni dove hanno scoperto covi e nascondigli. Tra gli arrestati per ‘ndrangheta anche due carabinieri.

Le indagini hanno interessato in misura maggiore i comuni di Anzio e Nettuno, dove, in base alle ricostruzioni degli inquirenti, i boss della cosca ‘ndranghetista Santa Cristina d’Aspromonte  si erano infiltrati stringendo collegamenti importanti con il mondo politico e con quello imprenditoriale. Notevole la mole di documenti  ritenuti utili alle indagini sequestrata.

Secondo la Dda, al vertice della piramide si trovava Giacomo Madaffari che puntava ad espandere gli interessi della cosca e a stabilire nel litorale laziale la centrale operativa da cui gestire un ramificato traffico di stupefacenti, in particolare cocaina, proveniente dal Sud America. Secondo chi indaga poi, era riuscito a tessere una rete di relazioni con cui esercitare un controllo totale su tutte le «attività economiche nei più svariati settori quali quello ittico, della panificazione, della gestione e smaltimento dei rifiuti». Le indagini non sono concluse e sono ancora in corso perquisizioni negli uffici comunali di Anzio e Nettuno.

Le accuse per gli indagati, a vario titolo, sono associazione mafiosa, associazione finalizzata al traffico internazionale di sostanze stupefacenti aggravata dal metodo mafioso, estorsione aggravata, detenzione illegale di arma da fuoco, fittizia intestazione di beni e attività organizzate per il traffico illecito di rifiuti aggravato dal metodo mafioso.

Tra i carabinieri impegnati nelle operazioni, anche lo Squadrone Cacciatori di Calabria, il cui fine è proprio quello di scovare gli ‘ndranghetisti fuori e dentro la regione. Le indagini hanno permesso di ricostruire un acquisto da 258 chili di Cocaina avvenuto nel 2018 e il progetto di importarne mezza tonnellata con un veliero transoceanico. Questa traversata è stata abolita quando i membri dell’associazione criminale hanno avuto il sospetto di essere tenuti d’occhio e la nave non ha mai abbandonato il cantiere dove attendeva le riparazioni necessarie. Pare che il metodo utilizzato per celare lo stupefacente importante fosse quello di sciogliere la cocaina nel carbone e successivamente recuperarla attraverso una procedura chimica in un laboratorio allestito nella capitale.

Cronaca

Giornalista trovata morta a Fasano, si indaga per isitigazione al suicidio

Pubblicato

il

patrizia nettis giornalista trovata morta in casa indagine istigazione al suicidio

Patrizia Nettis è stata istigata a compiere l’estremo gesto? E’ quanto si chiedono gli inquirenti che indagano per istigazione al suicidio relativamente alla morte della giornalista trovata morta nella sua casa di Fasano nel giugno scorso.

A illuminare il filone di indagine per istigazione al suicidio sulla morte di Patrizia Nettis, la giornalista trovata morta nella sua casa il 29 giugno, alcuni messaggini trovati sui cellulari degli uomini che la donna ha incontrato la sera precedente al ritrovamento del suo corpo. Si tratta di due persone con le quali ha avuto relazioni sentimentali, in momenti diversi. Prima un noto politico locale, poi un imprenditore. Quest’ultimo particolarmente risentito dal fatto che la vittima fosse ancora legata sentimentalmente all’altro.

Proprio alcuni messaggi che si sono scambiati i due dopo l’incontro chiarificatore, ha fatto ipotizzare agli investigatori che Patrizia Nettis possa essere stata spinta a porre fine alla sua vita. L’imprenditore promette che si impegnerà per distruggere la reputazione di Patrizia, che viene definita «cosa» dal momento che «non merita di essere definita donna». «Farò di tutto per infangarla, so già come muovermi, stavolta avrà una punizione esemplare. Questa è pericolosa, io farò in modo di farle attorno terra bruciata, tanto per iniziare».

Dopo l’incontro a tre, Patrizia ha telefonato ad entrambi nel corso della stessa notte. Molte chiamate non avrebbero ricevuto risposta. Un testimone ha parlato anche della voce di un uomo proveniente dalla casa della giornalista quella notte: «basta con queste sceneggiate» avrebbe urlato. Il testimone ha raccontato anche di aver udito il rumore del portone sbattere. Poi, nulla più fino a quando un amico, preoccupato, si è fatto aprire la porta di casa dalla colf.

Al momento nessuno è stato iscritto al registro degli indagati per la morte della giornalista, sul cui corpo non è ancora stata effettuata l’autopsia.

Continua a leggere

Cronaca

I genitori di Filippo Turetta non hanno accettato l’incontro in carcere

Pubblicato

il

Il pubblico ministero aveva dato il proprio benestare, ma il legale della famiglia ha spiegato che l’incontro in carcere slitterà e che servirà supporto psicologico sia al ragazzo che ai genitori.

Slitta l’incontro tra Filippo Turetta ed i suoi genitori nel carcere di Verona, dove si trova rinchiuso per l’omicidio dell’ex fidanzata Giulia Cecchettin. Il pm aveva dato il via libera alla richiesta avanzata dal ragazzo, ma i genitori di Filippo Turetta hanno deciso di rinviare l’incontro in carcere. Il legale del giovane ha reso noto che per l’incontro sarà necessario un supporto psicologico sia per il ragazzo che per i suoi genitori.

Ieri, all’interrogatorio di garanzia, ha scelto di avvalersi della facoltà di non rispondere, ma ha rilasciato alcune dichiarazioni spontanee con le quali ha sostanzialmente ribadito quello che aveva già confessato alle autorità tedesche. Avrebbe dunque ammesso l’omicidio e si sarebbe detto «affranto» per la tragedia: «non voglio sottrarmi alle mie responsabilità. Voglio pagare quello che sarà giusto per aver ucciso la mia ex fidanzata».

Al momento sembra improbabile che verrà richiesta una perizia psichiatrica nei suoi confronti, anche perché difficilmente verrebbe accettata in questa fase un’istanza della difesa per valutare se Turetta fosse capace o meno di intendere e volere al momento dei fatti. Non è escluso che possa però essere richiesta più avanti.

Continua a leggere

Cronaca

La lettera dal carcere del trapper Shiva al figlio appena nato: «ho imparato la lezione»

Pubblicato

il

arrestato rapper shiva

Il Tribunale del riesame ha respinto la richiesta di scarcerazione presentata dai legali del trapper arrestato lo scorso 26 ottobre per tentato omicidio, dopo una sparatoria.

«Non poterti ancora vedere è la peggior condanna e la peggiore lezione che potessi ricevere. Non mi perdonerò mai di questa assenza, ma sarà un motivo in più per rimediare con tutto l’amore che ho». Così conclude la lettera che il trapper Shiva, nome d’arte di Andrea Arrigoni, ha dedicato al figlio appena nato dal carcere di San Vittore dove si trova rinchiuso dal 26 ottobre per tentato omicidio.

La lettera è stata scritta nella «cella 12» del carcere di San Vittore e pubblicata dallo staff di Shiva sui suoi canali social. Una lettera scritta in stampatello, con qualche cancellatura e firmata semplicemente Andrea. «Oggi è il giorno più bello della mia vita, ma allo stesso tempo il più triste. È nato mio figlio, ma non mi è stato permesso essere presente al momento della sua nascita. Non pensavo mai di dover scrivere questa lettera, dovevi nascere due settimane fa e so che mi hai aspettato tutto questo tempo, fino all’ultimo ho sperato di esserci ma le cose non sono andate come previsto. Ho scoperto della tua nascita dei fuochi d’artificio che hanno fatto per te sapendo così che oggi, 25 novembre 2023, è diventato il giorno più importante della mia vita in mezzo a tutto questo caos e tu sei la mia benedizione».

Shiva si trova in carcere per aver sparato nel luglio scorso a due persone, due lottatori di Mma ritenuti membri della “crew rivale” capeggiata da Rondo da Sosa. Tra i due nei mesi precedenti si sono verificati diversi screzi, conditi da dissing (canzoni dai contenuti esplicitamente offensivi, ndr) scambio reciproco di insulti, ma anche aggressioni. Fino all’episodio del 12 luglio scorso, quando il trapper sparò due colpi di pistola, all’esterno della sua casa discografica.

Mentre era già rinchiuso nel carcere di San Vittore, Shiva è stato raggiunto da un’altra ordinanza di custodia cautelare in carcere, per una rissa avvenuta a San Benedetto del Tronto a settembre. In quell’occasione vennero arrestate altre 4 persone, poi finite ai domiciliari, vicine al trapper milanese. In base alle accuse, avrebbero partecipato ad una rissa con alcuni ragazzi del posto, armati di coltello. In tre rimasero feriti.

La crew di Shiva poi sarebbe coinvolta anche in un altro episodio di violenza, verificatosi a giugno, a Perugia, in concomitanza con il Nature Musci Festival, al quale ha preso parte anche il trapper milanese. In quella circostanza, le persone nella cerchia del cantante avrebbero aggredito e rapinato uno degli organizzatori del concerto, dopo averlo trascinato all’esterno dell’albergo nel quale si trovava. La vittima dell’aggressione oltre ad essere stata colpita, avrebbe dovuto consegnare loro i contanti che aveva con sé, 150 euro, ed il telefono cellulare. Non contenti, gli aggressori gli avrebbero tolto anche una scarpa, perché convinti che nascondesse altro denaro. Solo l’intervento del personale dell’albergo avrebbe posto fine all’aggressione e la vittima avrebbe riportato diverse lesioni, comprese alcuni tagli di striscio procurati da un coltello.

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Osservatore Quotidiano è un prodotto editoriale di Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore : Antonio Villella | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Alba Adriatica (TE) via Vibrata snc, 64011 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€ | Alcune delle immagini interamente o parzialmente riprodotte in questo sito sono reperite in internet. Qualora violino eventuali diritti d'autore, verranno rimosse su richiesta dell'autore o detentore dei diritti di riproduzione.