fbpx
Seguici su

Attualità

Zuckerberg ricevuto da Draghi: «portiamo l’Italia nel metaverso»

Pubblicato

il

il ceo di Meta Mark Zuckerberg ricevuto a Palazzo Chigi da Mario Draghi per parlare del metaverso

Non solo Siena e Milano nel tour italiano del fondatore di Facebook e ceo di Meta, Mark Zuckerberg, che ieri è stato ricevuto a Roma, a Palazzo Chigi, dal premier Mario Draghi. Metaverso e futuri investimenti al centro del colloquio tra i due.

È durato una mezzoretta l’incontro di ieri mattina, giovedì 5 maggio, tra il fondatore di Facebook, Mark Zuckerberg, e il Presidente del Consiglio Mario Draghi, che ha ricevuto il ceo di Meta a Palazzo Chigi. A fare da tramite, il ministro della transizione digitale Vittorio Colao.

Zuckerberg avrebbe illustrato a Draghi le potenzialità del suo metaverso, il mondo virtuale in cui, nella visione del suo creatore, passeremo sempre più tempo, indossando visore tridimensionali. Non proprio una realtà parallela, ma una virtualità integrata alla realtà dove le persone non solo potranno chattare, giocare e scambiare interazioni, ma anche lavorare, fare call e organizzare riunioni. Tante comunità digitali interconnesse e popolate di avatar, che cambieranno in maniera radicale lo stile di vita delle persone.

«Per dare vita al metaverso sarà necessario uno sforzo congiunto tra aziende, mondo politico e società civile. Nell’incontro di oggi abbiamo confermato la nostra collaborazione con il governo italiano per valorizzare i punti di forza del Paese nei settori tecnologico e del design e identificare futuri investimenti. Siamo lieti di aver potuto discutere le opportunità culturali, sociali ed economiche che il metaverso porterà all’Italia e non vediamo l’ora di continuare questa collaborazione», recita una nota diffusa da un portavoce di Meta. Nessuna dichiarazione invece da Draghi e Colao.

Quello con Draghi non è stato l’unico colloquio che Zuckerberg ha avuto nel nostro Paese. Nel suo tour italiano ha infatti visitato le città di Siena, Milano e Torino, dove ha incontrato alcuni dei principali Ceo della moda e del lusso, un settore che più di altri sta investendo nelle potenzialità del metaverso: Diego Della Valle, Leonardo Del Vecchio, Renzo Rosso, Brunello Cucinelli, Remo Ruffini, Marco Gobetti e Geoffroy Lefebvre, ma anche John Elkan.

Attualità

Ruby ter, la pm: “Berlusconi aveva schiave sessuali, questa è storia”

Pubblicato

il

cosa rimane del berlusconismo e di silvio berlusconi

MILANO – “I fatti sono stati già consegnati alla Storia, indipendentemente dalle nostre valutazioni e da quella delle difese, questo fatto non è già più nostro ma consegnato alla Storia: il presidente del Consiglio (Berlusconi, ndr) in carica usava sistematicamente allietare le proprie serate ospitando a casa propria gruppi di odalische, schiave sessuali a pagamento”.

Lo ha spiegato, come riporta l’Ansa, il procuratore aggiunto Tiziana Siciliano nella requisitoria del processo milanese sul caso Ruby ter iniziando anche a parlare del “pagamento delle testimoni”, ossia delle cosiddette ‘olgettine’, al centro dell’accusa di corruzione in atti giudiziari.

Ragazze che, ha aggiunto Siciliano, “lo divertivano, trascorrevano alcune la notte con lui e questi fatti, chiusi con sentenza passata in giudicato, sono stati cristallizzati come fatto storico: l’attività di un consolidato sistema prostitutivo”. E il “dato inoppugnabile è che le due sentenze passate in giudicato entrano a far parte del processo di cui trattiamo”.

Berlusconi, ha proseguito, era un uomo “che poteva avere il mondo ai suoi piedi, che si accompagnava con amicizie come quella con Putin, colui che ora sta mettendo in ginocchio il mondo” e oggi “quello che processiamo è un grande anziano, un uomo malato”. 

Prima Siciliano aveva affermato che nel caso Ruby ter si sta processando un uomo che è stato “alla Presidenza del Consiglio”, tra le persone “più ricche del mondo”, che “aveva il potere di modificare lo Stato” e che oggi invece “è un grande anziano malato”, di cui “conosciamo la vita privata perché di interesse giornalistico e guardiamo a questo con tenerezza e compassione”. E dall’altra parte “processiamo un gruppo di donne la cui caratteristica principale, causativa dei guai, è la bellezza, ormai passata, all’epoca erano molto giovani”. 

Continua a leggere

Attualità

Kiev, 5 civili uccisi in raid russo, anche bimbo di 2 anni. Espulsi 24 diplomatici italiani da Mosca

Pubblicato

il

KIEV – Mosca ha espulso 24 diplomatici italiani come misura di ritorsione per l’espulsione di funzionari russi. Le stesse decisioni per i diplomatici di Francia (34 espulsioni) e Spagna (27). Di tutti e tre Paesi il ministero degli Esteri di Mosca ha convocato gli ambasciatori. “Le espulsioni sono un atto ostile, ma non chiudere i canali della diplomazia”, replica il premier Draghi. “L’Italia prende atto” della decisione di Mosca, fa sapere la Farnesina che “chiede con forza un immediato cessate il fuoco”. 

Intanto Mosca ammette le prime difficoltà in Ucraina. “Nonostante le attuali difficoltà”, la Russia continuerà la sua “operazione militare speciale” fino al suo compimento, “e i suoi obiettivi, compresa la demilitarizzazione e denazificazione dell’Ucraina e la difesa delle repubbliche di Donetsk e Lugansk, saranno completamente raggiunti”. Lo ha detto il vice capo del Consiglio per la sicurezza nazionale di Mosca, Rashid Nuurgaliyev, citato dalle agenzie russe.

Nel frattempo, almeno 5 civili, tra cui un bambino di due anni, sono rimasti uccisi in un raid aereo russo a Bakhmut, nella regione ucraina orientale di Donetsk. Lo ha reso noto l’ufficio del procuratore regionale, citato dall’Ukrainska Pravda, precisando che l’attacco è avvenuto ieri ma le vittime sono emerse successivamente tra i detriti di edifici colpiti. Altre 4 persone sono state ferite, tra cui tre minori di età compresa tra 9 e 17 anni.

Continua a leggere

Attualità

Gas russo in Italia, l’Eni apre conti in euro e rubli

Pubblicato

il

Vladimir Putin

ROMA – Eni avvia le procedure per l’apertura dei conti per il pagamento anche in rubli del gas russo. “Eni, in vista delle imminenti scadenze di pagamento previste per i prossimi giorni, ha avviato in via cautelativa le procedure relative all’apertura presso Gazprom Bank dei due conti correnti denominati K, uno in euro ed uno in rubli, indicati da Gazprom Export secondo una pretesa unilaterale di modifica dei contratti in essere, in coerenza con la nuova procedura per il pagamento del gas disposta dalla Federazione Russa”. Lo rende noto l’Eni in un comunicato.

Eni, tuttavia, si legge nella nota, “ha già da tempo rigettato tali modifiche. Pertanto l’apertura dei conti avviene su base temporanea e senza pregiudizio alcuno dei diritti contrattuali della società, che prevedono il soddisfacimento dell’obbligo di pagare a fronte del versamento in euro. Tale espressa riserva accompagnerà anche l’esecuzione dei relativi pagamenti”. “La decisione, condivisa con le istituzioni italiane, è stata presa nel rispetto dell’attuale quadro sanzionatorio internazionale e nel contesto di un confronto in corso con Gazprom Export per confermare espressamente l’allocazione a carico di Gazprom Export stessa di ogni eventuale costo o rischio connesso alla diversa modalità esecutiva dei pagamenti” afferma il gruppo energetico italiano.

Da un lato, a oggi, Gazprom Export e le autorità federali russe competenti hanno confermato che la fatturazione e il relativo versamento da parte di Eni continueranno a essere eseguiti in euro, così come contrattualmente previsto; che le attività operative di conversione della valuta da euro a rubli saranno svolte da un apposito clearing agent operativo presso la Borsa di Mosca entro 48 ore dall’accredito e senza coinvolgimento della Banca Centrale Russa; e che nel caso di ritardi o impossibilità tecniche nel completare la conversione nei tempi previsti non ci saranno impatti sulle forniture. Dall’altro lato, l’esecuzione dei pagamenti con queste modalità, rileva l’Eni, non riscontra al momento nessun provvedimento normativo europeo che preveda divieti che incidano in maniera diretta sulla possibilità di eseguire le suddette operazioni.

Come riporta l’Adnkronos, se la nuova procedura appare quindi neutrale in termini di costi e rischi, non incompatibile con il quadro sanzionatorio in vigore e con adempimento che avviene al momento del trasferimento degli euro, un mancato pagamento, sottolinea il gruppo, “esporrebbe Eni sia al rischio di violazione dell’obbligo di dar corso in buona fede ad eventuali richieste contrattuali di Gazprom Export imposte alla stessa dalla propria autorità, sia al rischio per Eni di inadempimento dei propri impegni di vendita con i clienti a valle in caso di interruzione delle forniture”. 

Eni, tuttavia, in assenza di future risposte complete, esaustive e contrattualmente fondate da parte di Gazprom Export, “avvierà un arbitrato internazionale sulla base della legge svedese (come previsto dai contratti in essere) per dirimere i dubbi rispetto alle modifiche contrattuali richieste dalla nuova procedura di pagamento e alla corretta allocazione di costi e rischi”. In ogni caso, Eni ribadisce fermamente che rispetterà “qualsiasi eventuale futuro provvedimento normativo che dovesse intervenire a sanzionare il trading del gas o le attuali controparti”.

Ma non finisce qui. L’Europa avrà i prezzi dell’energia più alti del mondo a lungo termine se continuerà a rifiutare le forniture dalla Russia e questo potrebbe avere “conseguenze irreversibili” per gran parte dell’industria del continente. Lo ha affermato il presidente Vladimir Putin, aggiungendo che l’Ue sta commettendo un “suicidio economico”. Parlando a un incontro sullo sviluppo dell’industria petrolifera russo, Putin ha criticato l’allontanamento dell’Europa dall’energia tradizionale in favore dell’energia alternativa, nonché le misure politiche adottate in risposta al conflitto in Ucraina. “Stanno cercando di incolpare noi dell’inflazione energetica”, mentre la responsabilità di tutto, ha precisato, è “dei loro errori sistemici”.

“Alcuni paesi europei non possono rinunciare al petrolio della Russia”, aveva detto in precedenza, sottolineando che l’aumento dei prezzi dell’energia l’Occidente “cerca di scaricarla su di noi, ci cita per nome, cercando di nascondere i propri errori sistemici”.

“I paesi europei continuano a introdurre nuove sanzioni sui mercati del petrolio e del gas. Tutto questo sta portando all’inflazione, ma invece di ammettere i propri errori, stanno cercando qualcuno da incolpare”, ha detto Putin, secondo il quale le decisioni adottate dall’Unione europea “e le dichiarazioni su una piena rinuncia alle fonti energetiche russe hanno già causato un aumento dei prezzi del petrolio”.

Secondo il leader del Cremlino, “gli europei riconoscono che non possono rinunciare completamente alle risorse energetiche russe ed è anche ovvio che alcuni paesi dell’Ue in cui la quota di idrocarburi russi è particolarmente alta, per molto tempo non saranno in grado di rinunciare alla nostra energia”. Ma in caso di un embargo al petrolio russo, “l’Europa sarà la regione con il più alto costo dei prezzi dell’energia”, ha sottolineato.

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Osservatore Quotidiano è un prodotto editoriale di Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore Vicario: Antonio Villella | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Alba Adriatica (TE) via Vibrata snc, 64011 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€ | Alcune delle immagini interamente o parzialmente riprodotte in questo sito sono reperite in internet. Qualora violino eventuali diritti d'autore, verranno rimosse su richiesta dell'autore o detentore dei diritti di riproduzione.