fbpx
Seguici su

Politica

Nuovi progetti per la Ferrovia in Abruzzo e nel Centro Italia

da Meritocrazia Italia Abruzzo

Pubblicato

il

treno

Riceviamo e pubblichiamo:

Sembra concretizzarsi una rivoluzione delle linee ferrate anche in Abruzzo, grazie sia ai 24.77 Mld di finanziamenti assegnati al rilancio delle infrastrutture ferroviarie del paese previsti dal PNRR, che all’impegno congiunto di RFI e istituzioni locali.

E’ ormai in fase di realizzo il rafforzamento, potenziamento e velocizzazione dell’asse Roma-Pescara e dell’intera linea adriatica da Nord a Sud.

Significativo, in termini di programmazione per la Regione Abruzzo, il “Documento di Economia e Finanza Regionale 2022 – 2024” che, alla Missione 10 punto 4.2.2, fornisce una indicazione di tutte le attività di più recente attuazione in tema di sviluppo delle linee ferrate e di quelle già in scaletta ed in attesa di realizzo.

Non ancora inserito nei documenti di programmazione istituzionale, ma già oggetto di vari studi di fattibilità, sia a livello governativo che di Ferrovia SPA, il cosiddetto “nuovo Modello Adriatico di trasporto”, pensato dall’ingegnere Giuseppe Marconi, esperto progettista di infrastrutture, su incarico della Regione Marche. Tale progetto prevede l’arretramento, ove possibile, della rete ferroviaria verso l’interno, da Pescara fino a Bologna, con conseguente possibilità di differenziare la linea di alta velocità da quella per collegamenti ordinari e/o a breve percorrenza.

Allo studio di fattibilità anche il ripristino del vecchio tratto ferroviario anni ‘30 di Capitignano, binario della Ripartenza, per far uscire dall’isolamento l’intero territoio grazie al collegamento Teramo-L’Aquila avviando una concreta valorizzazione delle aree interne del Gran Sasso con i suoi innumerevoli borghi ora isolati o deserti.

Meritocrazia Italia Abruzzo auspica che i progetti già approvati e quelli allo studio, come sopra rappresentati, vengano realizzati entro il più breve tempo possibile, senza sperpero di risorse pubbliche.

La realizzazione di dette opere non potrà che comportare un considerevole valore aggiunto all’intero tessuto economico e sociale della Regione, creando un asse strategico con mobilità ecosostenibile.

Sarà possibile beneficiare del recupero anche di antichi borghi dimenticati, ma di sempre attuale ed apprezzabile valore culturale, con possibilità di conservarne le tradizioni.

Si reputa altresì fondamentale:

– il recupero dell’antico collegamento ferroviario che da Teramo, passando per L’Aquila, si dirige verso la Capitale;

– il recupero e il potenziamento di vecchie linee dismesse che, via Sulmona e Castel di Sangro, garantivano il collegamento su ferro con Napoli, non escludendo la possibilità di ricorrere all’alta velocità;

– il ripristino di linee minori verso aree rurali ed antichi borghi che consentirebbe l’incentivazione del turismo e la valorizzazione del patrimonio paesaggistico, alla riscoperta delle ricchezze locali.

Attualità

Salvini e la gaffe con il candidato non vedente: “Sarà un occhio per gli italiani”

Pubblicato

il

Matteo Salvini

ROMA – “Mario al Senato sarà un occhio per milioni italiani”, così Matteo Salvini ieri sera a Porta a Porta. Peccato che Mario Barbuto sia non vedente e che il leader leghista continui a parlare non rendendosi conto dell’evidente gaffe.

Il “Mario” in questione è infatti il presidente dell’Unione italiana ciechi ed è candidato per il centrodestra a Palermo. “Parlando con Mario, si capisce un mondo che teoricamente è al buio, però portarlo con me in Senato sarà una speranza, un occhio, per milioni di italiani troppo spesso dimenticati”, le parole esatte di Salvini nel salotto di Vespa.

“Dopo di me, ci sarà qualcuno che dirà che bisogna includere chi sbarca domani mattina a Lampedusa. Chi sceglie la Lega di includere chi è nato qua, penso ai bimbi che ancora non hanno l’insegnante di sostegno, una vergogna. Quindi sono contento che Mario a nome di tante associazioni di volontariato, del terzo settore e delle disabilità abbia scelto la Lega per portare avanti una battaglia di civiltà”, ha aggiunto Salvini.

Continua a leggere

Attualità

Folla oceanica grazie a Photoshop: ma a Meloni si allungano anche i piedi

Pubblicato

il

PALERMO – È diventata virale sui social l’immagine di piazza Ruggero Settimo a Palermo pubblicata da Giorgia Meloni durante il suo comizio di martedì. Probabilmente, per rendere l’effetto della folla oceanica, sarebbe stato usato Photoshop.

Ma ad allungarsi, assieme alla piazza, sono stati anche piedi di Giorgia Meloni. A rilanciare l’immagine è l’eurodeputato Ignazio Corrao, che commenta: “Quando nel tentativo di allungare la piazza con il photoshop ti allungano i piedi come un clown”.

Continua a leggere

Attualità

La frase shock del responsabile cultura di Fdl: “Le coppie omosessuali non sono legali”

Pubblicato

il

ROMA – In un’intervista a San Marino tv Federico Mollicone, deputato di Fratelli d’Italia e responsabile cultura del partito di Giorgia Meloni, è stao chiamto a dire la sua opinione su Peppa Pig, il cartone della maialina dove comparirà una famiglia arcobaleno, due mamme e il suo piccolo.

La discussione è poi continuata sulle adozioni per le coppie gay e Mollicone sostiene che nel nostro Paese siano illegali i gay: “Fermo restando che in Italia le coppie omossessuali non sono legali, non sono ammesse…”.

Era stato proprio Mollicone, anche membro della comiissione vigilanza Rai, a chiedere alla tv di censurare l’episodio, andato invece in onda senza polemiche in Gran Bretagna.

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Osservatore Quotidiano è un prodotto editoriale di Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore Vicario: Antonio Villella | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Alba Adriatica (TE) via Vibrata snc, 64011 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€ | Alcune delle immagini interamente o parzialmente riprodotte in questo sito sono reperite in internet. Qualora violino eventuali diritti d'autore, verranno rimosse su richiesta dell'autore o detentore dei diritti di riproduzione.