fbpx
Seguici su

Cultura

Dietro il pluriomicidio di Palermo l’ombra della setta

Pubblicato

il

L’uomo ha ucciso la moglie e due dei suoi figli e si è consegnato ai Carabinieri: «l’ho fatto per liberarli dai demoni». Coppia di amici palermitani in stato di fermo. La sopravvissuta conferma l’ipotesi del rito.

Giovanni Barreca, muratore di 54 anni di Altavilla Milicia in provincia di Palermo, ieri ha ucciso la moglie Antonella Salomone, 41 anni, ed i figli Kevin, 16, ed Emanuel, 5. Si è salvata solo la figlia primogenita di 17 anni e proprio lei ha parlato agli inquirenti di un esorcismo trasformatosi in massacro. «Hanno fatto un rito per scacciare il demonio» ha detto la ragazza. E’ stata trovata in stato confusionale nella sua stanza, seduta sul letto. Ha parlato al plurale riferendosi ad una coppia di amici del padre, di Palermo, i quali farebbero parte della stessa setta, avrebbero avuto un ruolo nel pluriomicidio e si trovano al momento in stato di fermo.

La versione del rituale religioso era già stata avanzata dallo stesso omicida, reo confesso. Domenica ha chiamato i Carabinieri, ma, stando ai primi rilievi, il delitto si sarebbe consumato il venerdì precedente.

Dopo aver ucciso la moglie, avrebbe bruciato i suoi resti, che sono stati trovati nel giardino. I figli invece sono stati strangolati, forse con una catena di ferro. La figlia sopravvissuta potrebbe essere stata drogata e costretta ad assistere alla scena. Prima di farsi trovare nel territorio di Casteldaccia il padre ha chiamato i Carabinieri: ««Ho ucciso la mia famiglia, vi aspetto: venite a prendermi». Quando i militari l’hanno trovato ha aggiunto: «c’era il demonio in casa».

Marito e moglie avevano frequentato un chiesa evangelica, prima di lasciare la congregazione, continuando però a partecipare ed ospitare incontri di preghiera. I profili social di Barreca sono tappezzati di immagini sacre e post a carattere religioso. Pare che avesse iniziato a seguire le prediche di un autoproclamato «ministro di Cristo» che vanta poteri taumaturgici ed esorcizzanti. Dopo la sua conversione, avvenuta in periodo pandemico, ha cominciato a peregrinare nel Mezzogiorno, organizzando raduni di ed eventi. Sostiene di poter guarire il cancro con la preghiera e di praticare rituali che scacciano il demonio, spesso trasmessi in diretta su TikTok, dove ha radunato 5 mila follower.

I due fermati, Sabrina Fino e Massimo Caradente, sono accusati di omicidio plurimo e soppressione di cadavere. Avrebbero conosciuto Barreca durante gli incontri di preghiera di una chiesa evangelica e, secondo le prime ipotesi formulate, farebbero parte della stessa setta e sarebbero stati loro ad istigarlo a compiere il pluriomicidio consumatosi in provincia di Palermo, partecipandovi materialmente. A loro gli inquirenti sono arrivati in seguito all’analisi del cellulare del reo confesso.

Attualità

Gino Cecchettin si è affidato ad un’agenzia di comunicazione londinese: libro o fiction in cantiere?

Pubblicato

il

gino cecchettin profilo x

Gino Cecchettin, padre di Giulia, la ragazza rimasta vittima di un terribile femminicidio, ha lasciato il suo lavoro e si è affidato ad un’agenzia di comunicazione che segue autori di libri e serie tv. La sua nuova agente: «ora ha bisogno di riposare».

Gino Cecchettin potrebbe scrivere un libro o curare la sceneggiatura di una serie tv sulla terribile vicenda capitata alla figlia Giulia. E’ questa l’ipotesi che in queste ore circola dopo che è stata diramata la notizia secondo la quale il padre della vittima del terribile femminicidio che ha sconvolto il Paese si è affidato ad un’agenzia di comunicazione. La Andrew Nurberg Associates di Londra, che segue appunto autori di libri e fiction.

Barbara Barbieri, la sua nuova agente, però smentisce: «Il signor Cecchettin ha bisogno di riposare» fa sapere la manager, che prosegue rendendo noto per ora si limita ad aiutarlo a gestire la sua immagine ed i rapporti con la stampa: «Al momento lo sto solo aiutando a gestire i tanti inviti che riceve quotidianamente».

Tuttavia, secondo molti osservatori Gino Cecchettin si sarebbe affidato ad un’agenzia di comunicazione perché sarebbe invece in procinto di mettersi all’opera su una fatica letteraria, un libro o una fiction appunto. Nei mesi scorsi dopo ha lasciato il suo lavoro, come lui stesso ha reso noto sul proprio profilo Linkedin, ed in diverse interviste ha parlato di coler intraprendere un nuovo «impegno civico», col quale aiutare «chi si trovi nella stessa situazione di Giulia».

La vicenda è destinata a sollevare polemiche ed opinioni contrastanti, dopo le polemiche che già hanno investito Cecchettin a causa dei suoi presunti vecchi tweet, dei quali però ha negato la paternità.

Continua a leggere

Cultura

Strade troppo strette ed un comune nel savonese corre ai ripari: «Non seguite Google Maps»

Pubblicato

il

cartello contro google maps

Alle porte di Quiliano in provincia di Savona un cartello invita gli autisti di camper e mezzi pesanti a non seguire le indicazioni del navigatore. Nelle stradine del comune ligure diversi mezzi sono rimasti bloccati , mandando il traffico in tilt o provocando danni e l’amministrazione ha deciso di correre ai ripari.

Il navigatore consiglia il percorso più breve, ma non è detto che sia la strada più agevole. Può capitare infatti, seguendo le indicazioni, di trovarsi in strade impervie o impraticabili. Capita molto spesso nel comune ligure di Quiliano, in provincia di Savona, dove l’amministrazione comunale, per ovviare al problema dei continui ingorghi, ha fatto installare un cartello stradale che sconsiglia di affidarsi alle indicazioni di Google Maps.

Il cartello, all’ingresso del comune, è scritto sia in italiano che in inglese. Spesso, specialmente se l’autostrada è bloccata, mezzi pesanti di passaggio provocano paralisi al traffico cittadino, rimanendo incastrati nelle stradine liguri. L’ultimo episodio appena qualche giorno fa: un tir è rimasto bloccato per 12 ore e per rimuoverlo è stato necessario un intervento molto complicato che ha visto la partecipazione di Vigili del fuoco, Provincia, Carabinieri, Polizia, Protezione Civile e perfino di un gommista della zona che ha portato la sua gru.

Pertanto, il comune di Quiliano ha fatto installare il cartello contro le indicazioni di Google Maps. Ma c’è chi critica questa scelta. E’ il caso di Paolo Uggè, presidente della Fai-Conftrasporti, citato da il Corriere della Sera, secondo il quale nel territorio comunale mancano innanzitutto i cartelli di segnalazione ai tir.

Continua a leggere

Attualità

Il mondo si spacca su Israele e Palestina, in Italia polemiche sulle frasi di Zaki

Pubblicato

il

guerra fra palestina e israele polemiche su Zaky

Il conflitto israelo-palestinese è tornato d’attualità e si sono già formate le fazioni: pro Palestina, o pro Israele. Granitiche, monolitiche, non ammettono distinguo e sfumature. Intanto, montano le polemiche contro le frasi di Patrick Zaki che ha chiamato Israele «serial killer» e si è definito «pro Palestina».

Quando il premier Netanyahu ha cominciato a parlare alla nazione in televisione ieri sera, l’opinione pubblica mondiale, di nuovo preparata sul conflitto israelo-palestinese, si era già polarizzata: con Hamas o con Israele. Come se Hamas e Palestina fossero sinonimi. Come se in Israele non convivano diverse anime. In tale ottica, condannare l’attacco terroristico di sabato, significa schierarsi con Israele e negare il riconoscimento della Palestina. Viceversa, affermare che sotto le bombe piovute sulla Striscia di Gaza sono morti anche civili innocenti, significa appoggiare i terroristi. Pertanto, ogni manifestazione o presa di posizione viene presto etichettata secondo questi sentimenti. E non mancano le polemiche. In Italia ad esempio, stanno facendo discutere in queste ore le dichiarazioni di Patrick Zaki, il quale si è definito pro Palestina, che hanno suscitato tantissime polemiche.

La questione è complessa e non si presta a facili soluzioni, come dimostrano gli ultimi 75 anni di storia. Certo l’escalation di questi ultimi giorni è stata rapida ed improvvisa, ma le tensioni nell’area, religiose, etniche e politiche, perdurano dal secondo dopoguerra.

Ieri sera Netanyahu ha usato parole di condanna durissime. Definendo i miliziani di Hamas «selvaggi», ha promesso una risposta perentoria. «Quello che faremo nei prossimi giorni avrà ripercussioni su di loro per le prossime generazioni» ha affermato Netanyahu. E dopo aver fatto un appello all’unità a opposizioni e al governo di emergenza nazionale («il popolo è unito deve esserlo anche la leadership») il premier israeliano ha parlato di «guerra per l’esistenza» ed ha promesso che Hamas verrà sconfitto, come è stato sconfitto l’Isis.

La dura reazione di Israele non trova un consenso unanime. Già la scelta di porre Gaza sotto assedio, tagliando le forniture di acqua, cibo e luce, a molti è apparso disumano. Come non manca chi crede che le persone che vivono nella Striscia, due milioni e trecentomila persone in 365 chilometri quadrati, una delle aree più densamente popolate del pianeta, si trovino di fatto confinate in un embargo che non lascia scampo. Anche perché l’economia dell’area si regge quasi esclusivamente sulle importazioni dai valichi di frontiera. Se la via israeliana ora è sbarrata, non va meglio a sud, al confine con l’Egitto, che ha imposto pesanti limitazioni ai passaggi di frontiera. L‘assedio totale da parte di Israele non dovrebbe lasciare scampo nemmeno alla popolazione inerme dunque. Qualcuno paral addirittura di “Crimini contro l’umanità”.

Tra coloro che hanno espresse parole di condanna alla reazione israeliana, Patrick Zaki, che ha scritto «Quando un serial killer cerca di convincere la comunità internazionale che rispetta le convenzioni internazionali, per legalizzare l’uccisione di civili». La dichiarazione ha attirato tantissime critiche, soprattutto dall’area di centrodestra. Ad esempio sul suo blog, Nicola Porro parla di «realtà distorta» in un articolo che cita le proteste della «estrema sinistra italiana». Inutile citare tutte le polemiche che si sono susseguite. Una per tutte: «può tornare in Egitto e restarci». Non manca chi lo definisce terrorista. Oggi l’attivista ha scritto un lungo post sempre sul tema, nel quale fa diverse puntualizzazioni, ma nell’incipit chiarisce: «Contro la violenza contro qualsiasi civile – Pro Palestina e non Hamas». Le polemiche non si sono placate.

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Osservatore Quotidiano è un prodotto editoriale di Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore : Antonio Villella | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Alba Adriatica (TE) via Vibrata snc, 64011 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€ | Alcune delle immagini interamente o parzialmente riprodotte in questo sito sono reperite in internet. Qualora violino eventuali diritti d'autore, verranno rimosse su richiesta dell'autore o detentore dei diritti di riproduzione.