fbpx
Seguici su

Cronaca

La realtà ha già superato la realtà virtuale: un’altra donna ha denunciato uno stupro subito nel metaverso

Pubblicato

il

donna stuprata nel metaverso

La tecnologia è ancora agli albori, la platea, soprattutto fuori dagli Stati Uniti, è composta ancora da pionieri, eppure il metaverso ha già fatto i conti con la realtà: una ricercatrice ha raccontato di essere stata stuprata in una stanza virtuale. E non è la prima a dirlo.

Il metaverso nelle intenzioni degli sviluppatori e dei programmatori, dovrebbe essere un paradiso idilliaco. Virtuale, ma idilliaco. Finto, impalpabile, etereo, ma idilliaco. Alert spolier: non è così. Non si può pretendere che una qualsivoglia contesto, concreto o virtuale che sia, possa essere immune alle debolezze umane. Ed è così che si arriva alla denuncia, vera, di uno stupro, virtuale, commesso in una stanza del metaverso. Tra fantascienza e realtà. Una donna infatti ha raccontato di essere stata costretta ad entrare in una stanza, dove sarebbe stata stuprata da una persona, mentre altre stavano a guardare senza intervenire.

Bisogna specificare una cosa però, specie per chi non ha ben compreso di cosa stiamo parlando. Lo stupro non è stato commesso davvero. Nessun uomo, o donna, ha violentato sessualmente la ricercatrice. E’ stato il suo avatar, ovvero l’alter ego virtuale, un “omino” che ci rappresenta nel metaverso, ad essere stato stuprato. Da altri avatar.

La donna stuprata nel metaverso, Vicky Wyatt, avrebbe potuto semplicemente disconnettersi dall’applicazione e lì ‘esperienza sarebbe cessata. Tuttavia, ha affermato di aver voluto registrare cosa le stesse capitando, anche per ottenere materiale utile alle sue ricerche, collegate proprio alla violenza online.

Ha descritto l’esperienza che ha vissuto come «molto disturbante» e dal forte impatto emotivo. Non si tratta della prima denuncia simile, anzi le segnalazioni simili si moltiplicano esponenzialmente. Nel dicembre scorso un’altra utente, Nina James, raccontò di aver subito uno stupro di gruppo, circa sessanta secondo dopo aver effettuato l’accesso al metaverso. Insomma in un mondo che sta uscendo da una pandemia, ma che teme che possa scoppiarne un’altra, mentre guarda una guerra che potrebbe avere un’escalation globale, non pensate di poter trovare rifugio, almeno virtuale, nel metaverso: qualcuno potrebbe abusare sessualmente di voi.

Attualità

Parlare in corsivo su TikTok: la nuova moda dei giovanissimi

Pubblicato

il

MILANO – Da stile di scrittura ad un nuovo modo di parlare. Il corsivo è la nuova moda lanciata dai giovani sui social network. Su TikTok è diventato letteralmente “ virale”. Parlare in corsivo nasce, infatti, da una presa in giro della cadenza milanese utilizzata da alcune ragazze nei video in cui si parla di serate in discoteca, aperitivi alla moda e confessioni tra amiche. Un linguaggio pieno di abbreviazioni, vocali chiuse o sillabe strascicate. 

Il segreto del “corsivo parlato” è quello di esagerare i tratti tipici della cadenza milanese allungando le sillabe finali, chiudendo le “o” e assumendo un ritmo cantilenato. La parola più gettonata è il diminutivo di amore, “amo” che in corsivo diventa “amïo”. Come scrive SkyTg24, è un qualcosa di più di una semplice tendenza estiva: il corsivo è diventato oggetto di lezioni su TikTok, dove sono molti i profili che ne parlano e insegnano questa parlata.

Il profilo più noto è senz’altro quello di Elisa Esposito: la 19enne “insegna” a “Parlare in corsivo”, allungando le vocali. Elisa vive a Milano e a fine 2020 ha aperto un profilo su TikTok di grande successo: quasi 800mila follower e oltre 27 milioni di like, ai quali si aggiungono oltre 270mila follower su Instagram. Sul social più amato dai giovanissimi Elisa è conosciuta come La Prof. E’ stata ospite di Propaganda Live di Diego Bianchi proprio per le sue doti nel parlare in corsivo, dove ha scimmiottato un comizio di Giorgia Meloni in Spagna.

La tiktoker di recente è stata invitata ad una puntata di RDS Next, la web radio dedicata ai giovanissimi. Elisa si è quindi cimentata nella lettura, in corsivo ovviamente, di alcuni versi della Divina Commedia. “Nel mezzo del cammin di nostra vita…”, ha cominciato a leggere quando uno dei due conduttori l’ha interrotta e le ha chiesto: “Sai chi è questo?”. Silenzio. Poi la risposta imbarazzata: “No non lo so, non voglio dire cavolate”.

Continua a leggere

Attualità

Pordenone, esclusi dall’alternanza scuola-lavoro perché neri

Pubblicato

il

PORDENONE – Esclusi dallo stage per l’alternanza scuola-lavoro perché di origine marocchina. E’ successo a Sacile, in provincia di Pordenone. A rifiutare i due ragazzi, studenti dell’istituto superiore della cittadina friulana, sarebbe stata l’azienda a cui avevano presentato domanda. La notizia è riportata da La Repubblica, che ha raccontato come l’azienda avesse risposto di non accettare ragazzi di colore. L’insegnante dell’istituto si è quindi rivolta ad una associazione di immigrati di Pordenone, in modo da ricollocare immediatamente i ragazzi in un’altra azienda.

Come riporta Il Fatto Quotidiano, purtroppo non si è trattata di un’eccezione: “Erano stati rifiutati da più di un’azienda” ha detto Adolph Hackah, il presidente dell’associazione ivoriani che si è occupato della vicenda. Il resto della classe sarebbe stato ammesso subito, soltanto loro quelli tagliati fuori. “L’insegnante non se lo aspettava, ci è rimasta molto male. Come tutti noi, del resto” ha spiegato ancora Hackah.

La situazione si è poi risolta e i ragazzi possono svolgere il loro stage in un’altra azienda. Se non fosse andata così, Confindustria Pordenoneaveva già fatto sapere di essere pronta ad intervenire per cercare una soluzione. Della vicenda si è occupato anche il consigliere regionale Furio Honsell (ex rettore di Udine ed ex sindaco di Udine) di Open Sinistra Fvg, il quale aveva sostenuto tramite una nota che “se confermata nella sua violenza” la vicenda “sarebbe un gesto di razzismo inaccettabile per una regione che si dichiara civile“.

Continua a leggere

Attualità

Frosinone, pensava ci fosse un ladro in casa: era la moglie con l’amante

Pubblicato

il

FROSINONE – Pensava di trovare i ladri ma ha trovato la moglie con l’amante. Tutta colpa dei vicini che, insospettiti dopo aver visto dalle finestre un estraneo nell’abitazione dell’uomo, lo hanno avvertito.

Lui allora, allarmato, si è rivolto ai carabinieri: “C’è un ladro in casa mia”. E, come riporta l’Ansa, si è precipitato a casa, una villetta a Ceccano, in provincia di Frosinone. I militari hanno fatto i controlli e la verità è venuta a galla: nessun ladro in casa ma la moglie dell’uomo con l’amante. Quest’ultimo ha tentato di fuggire ma è stato bloccato.

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Osservatore Quotidiano è un prodotto editoriale di Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore Vicario: Antonio Villella | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Alba Adriatica (TE) via Vibrata snc, 64011 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€ | Alcune delle immagini interamente o parzialmente riprodotte in questo sito sono reperite in internet. Qualora violino eventuali diritti d'autore, verranno rimosse su richiesta dell'autore o detentore dei diritti di riproduzione.