fbpx
Seguici su

Cultura

La Venere di Botticelli trasformata in virtual influencer per promuovere le bellezze d’Italia: il web si scatena

Pubblicato

il

venere botticelli social influencer

Devono essere state ore tumultuose per i creatori di meme. Ancora non si sa se colpiranno nel segno i messaggi dell’ultima trovata in tema di promozione del Ministero del Turismo, ma di sicuro sono già diventati virali. Per promuovere le ricchezze del nostro Paese, è stata scelta una testimonial d’eccezione, la Venere di Botticelli, ma non nella sua forma originale: al Ministero retto da Daniela Santanché hanno ritenuto una buona idea digitalizzarla e trasformarla in una virtual social influencer. Chissà, forse non piaceva più l’immagine di Simonetta Cattaneo Vespucci ed hanno deciso di rinfrescarla.

Il costo dell’operazione è di 9 milioni di euro, che sono stati spesi per la creazione del video e per la campagna di affissioni, nei quali la versione digitale della Venere mangia la pizza, va in bicicletta di fronte al Colosseo, si fa i selfie in piazza San Marco a Venezia. Va notato che nel passaggio da 2D a 3D oggettivamente la povera Simonetta ci ha perso. E anche che comunque questa campagna si lancia all’inseguimento dei luoghi comuni più sdoganati [manda il mandolino in realtà, ndr].

Alla presentazione in pompa magna, a fianco della ministra del turismo Daniela Santanchè sedevano il vice premier e ministro degli Esteri Antonio Tajani, il ministro dello Sport e dei Giovani Andrea Abodi e l’amministratrice delegata dell’Enit Ivana Jelinic.

La Venere di Botticelli in formato influencer digitale viaggerà per tutto lo Stivale, mostrando le bellezze dei paesaggi e delle città d’arte italiani, esaltandone cultura, enogastronomia e offerte turistiche. Il claim della campagna è “open to Meraviglia”. La Venere virtual social influencer ha ovviamente un proprio profilo, venereitalia23, che sarà attivo su tutti i social network.

I primi effetti della campagna comunicativa sono evidenti: basta fare un giretto sui social, per vedere all’opera tutto l’italico genio e la maestria artigianale nel creare meme e sfottò di pregevolissima fattura.

Cultura

Dietro il pluriomicidio di Palermo l’ombra della setta

Pubblicato

il

L’uomo ha ucciso la moglie e due dei suoi figli e si è consegnato ai Carabinieri: «l’ho fatto per liberarli dai demoni». Coppia di amici palermitani in stato di fermo. La sopravvissuta conferma l’ipotesi del rito.

Giovanni Barreca, muratore di 54 anni di Altavilla Milicia in provincia di Palermo, ieri ha ucciso la moglie Antonella Salomone, 41 anni, ed i figli Kevin, 16, ed Emanuel, 5. Si è salvata solo la figlia primogenita di 17 anni e proprio lei ha parlato agli inquirenti di un esorcismo trasformatosi in massacro. «Hanno fatto un rito per scacciare il demonio» ha detto la ragazza. E’ stata trovata in stato confusionale nella sua stanza, seduta sul letto. Ha parlato al plurale riferendosi ad una coppia di amici del padre, di Palermo, i quali farebbero parte della stessa setta, avrebbero avuto un ruolo nel pluriomicidio e si trovano al momento in stato di fermo.

La versione del rituale religioso era già stata avanzata dallo stesso omicida, reo confesso. Domenica ha chiamato i Carabinieri, ma, stando ai primi rilievi, il delitto si sarebbe consumato il venerdì precedente.

Dopo aver ucciso la moglie, avrebbe bruciato i suoi resti, che sono stati trovati nel giardino. I figli invece sono stati strangolati, forse con una catena di ferro. La figlia sopravvissuta potrebbe essere stata drogata e costretta ad assistere alla scena. Prima di farsi trovare nel territorio di Casteldaccia il padre ha chiamato i Carabinieri: ««Ho ucciso la mia famiglia, vi aspetto: venite a prendermi». Quando i militari l’hanno trovato ha aggiunto: «c’era il demonio in casa».

Marito e moglie avevano frequentato un chiesa evangelica, prima di lasciare la congregazione, continuando però a partecipare ed ospitare incontri di preghiera. I profili social di Barreca sono tappezzati di immagini sacre e post a carattere religioso. Pare che avesse iniziato a seguire le prediche di un autoproclamato «ministro di Cristo» che vanta poteri taumaturgici ed esorcizzanti. Dopo la sua conversione, avvenuta in periodo pandemico, ha cominciato a peregrinare nel Mezzogiorno, organizzando raduni di ed eventi. Sostiene di poter guarire il cancro con la preghiera e di praticare rituali che scacciano il demonio, spesso trasmessi in diretta su TikTok, dove ha radunato 5 mila follower.

I due fermati, Sabrina Fino e Massimo Caradente, sono accusati di omicidio plurimo e soppressione di cadavere. Avrebbero conosciuto Barreca durante gli incontri di preghiera di una chiesa evangelica e, secondo le prime ipotesi formulate, farebbero parte della stessa setta e sarebbero stati loro ad istigarlo a compiere il pluriomicidio consumatosi in provincia di Palermo, partecipandovi materialmente. A loro gli inquirenti sono arrivati in seguito all’analisi del cellulare del reo confesso.

Continua a leggere

Attualità

Gino Cecchettin si è affidato ad un’agenzia di comunicazione londinese: libro o fiction in cantiere?

Pubblicato

il

gino cecchettin profilo x

Gino Cecchettin, padre di Giulia, la ragazza rimasta vittima di un terribile femminicidio, ha lasciato il suo lavoro e si è affidato ad un’agenzia di comunicazione che segue autori di libri e serie tv. La sua nuova agente: «ora ha bisogno di riposare».

Gino Cecchettin potrebbe scrivere un libro o curare la sceneggiatura di una serie tv sulla terribile vicenda capitata alla figlia Giulia. E’ questa l’ipotesi che in queste ore circola dopo che è stata diramata la notizia secondo la quale il padre della vittima del terribile femminicidio che ha sconvolto il Paese si è affidato ad un’agenzia di comunicazione. La Andrew Nurberg Associates di Londra, che segue appunto autori di libri e fiction.

Barbara Barbieri, la sua nuova agente, però smentisce: «Il signor Cecchettin ha bisogno di riposare» fa sapere la manager, che prosegue rendendo noto per ora si limita ad aiutarlo a gestire la sua immagine ed i rapporti con la stampa: «Al momento lo sto solo aiutando a gestire i tanti inviti che riceve quotidianamente».

Tuttavia, secondo molti osservatori Gino Cecchettin si sarebbe affidato ad un’agenzia di comunicazione perché sarebbe invece in procinto di mettersi all’opera su una fatica letteraria, un libro o una fiction appunto. Nei mesi scorsi dopo ha lasciato il suo lavoro, come lui stesso ha reso noto sul proprio profilo Linkedin, ed in diverse interviste ha parlato di coler intraprendere un nuovo «impegno civico», col quale aiutare «chi si trovi nella stessa situazione di Giulia».

La vicenda è destinata a sollevare polemiche ed opinioni contrastanti, dopo le polemiche che già hanno investito Cecchettin a causa dei suoi presunti vecchi tweet, dei quali però ha negato la paternità.

Continua a leggere

Cultura

Strade troppo strette ed un comune nel savonese corre ai ripari: «Non seguite Google Maps»

Pubblicato

il

cartello contro google maps

Alle porte di Quiliano in provincia di Savona un cartello invita gli autisti di camper e mezzi pesanti a non seguire le indicazioni del navigatore. Nelle stradine del comune ligure diversi mezzi sono rimasti bloccati , mandando il traffico in tilt o provocando danni e l’amministrazione ha deciso di correre ai ripari.

Il navigatore consiglia il percorso più breve, ma non è detto che sia la strada più agevole. Può capitare infatti, seguendo le indicazioni, di trovarsi in strade impervie o impraticabili. Capita molto spesso nel comune ligure di Quiliano, in provincia di Savona, dove l’amministrazione comunale, per ovviare al problema dei continui ingorghi, ha fatto installare un cartello stradale che sconsiglia di affidarsi alle indicazioni di Google Maps.

Il cartello, all’ingresso del comune, è scritto sia in italiano che in inglese. Spesso, specialmente se l’autostrada è bloccata, mezzi pesanti di passaggio provocano paralisi al traffico cittadino, rimanendo incastrati nelle stradine liguri. L’ultimo episodio appena qualche giorno fa: un tir è rimasto bloccato per 12 ore e per rimuoverlo è stato necessario un intervento molto complicato che ha visto la partecipazione di Vigili del fuoco, Provincia, Carabinieri, Polizia, Protezione Civile e perfino di un gommista della zona che ha portato la sua gru.

Pertanto, il comune di Quiliano ha fatto installare il cartello contro le indicazioni di Google Maps. Ma c’è chi critica questa scelta. E’ il caso di Paolo Uggè, presidente della Fai-Conftrasporti, citato da il Corriere della Sera, secondo il quale nel territorio comunale mancano innanzitutto i cartelli di segnalazione ai tir.

Continua a leggere

Più letti

Copyright © 2020 by Iseini Group | Osservatore Quotidiano è un prodotto editoriale di Il Martino.it iscritto al tribunale di Teramo con il n. 668 del 26 aprile 2013 | R.O.C. n.32701 del 08 Marzo 2019 | Direttore : Antonio Villella | ISEINI GROUP S.R.L - Sede Legale: Alba Adriatica (TE) via Vibrata snc, 64011 - P.Iva 01972630675 - PEC: iseinigroup@pec.it - Numero REA: TE-168559 - Capitale Sociale: 1.000,00€ | Alcune delle immagini interamente o parzialmente riprodotte in questo sito sono reperite in internet. Qualora violino eventuali diritti d'autore, verranno rimosse su richiesta dell'autore o detentore dei diritti di riproduzione.